• La luna ha una faccia d’Ambra stasera

    Stavolta stavo leggendo dei copioni che riguardavano delle scene in ambiente Polacco…da girare con avvenenti giovin attrici di belle speranze. Molto eccitate di girare con un interprete Italiano. Giramondo. Comunque residente da quelle parti e quindi in grado di capirle e scoprirle…un remake della Dolce Vita ‘nzomma !!!

    Leggasi: ho passato un mesetto cazzeggiando col pc tra un trasloco, un furgone e scatoloni vari e la solita stramaledetta voglia di sfanculare. E ho fatto amicizie con un paio di ragazze Polacche. E visto il bel tempo e le loro insistenze…mi sono caricato la solita borsa leggera sulle spalle. Trucco,parrucco e costume. Il solito bel mio personaggino ormai rodato e trionfante nei cinema e teatri di mezzo mondo…e via !!!
    Stranamente s’atterra col grigio. Lasciando il sole un po’ mi son depresso. E depressa era l’aria in giro. Ma avrei saputo come scaldarmi ed accendere cuori e speranze Polacche. Terra strana e gente medesima; ma ne discettero’ meglio alla fine dell’ultima scena. L’ultima inquadratura di questa pellicola particolare che si potrebbe intitolare ” La luna ha una faccia d’ambra stasera “.

    Ed infatti dopo essermi stabilito nell’antica dimora nel vecchio centro antico…la luna coi colori di tonalita’ arancio mi accoglie e fara’ compagnia nei pensieri. Un giro al mattino sulla Nowy Swiat. Vedere il passeggio. Seguire curioso i turisti fino a Plac Zamkowy e’ stato interessante. La pittoresca Rynek starego miasta coi suoi bar mi crogiola la mente e il tempo. Architetture familiari. Sapori antichi sormontati da insegne al neon e paccottiglia cinese per turisti. Il mondo era tanto armonioso credo un tempo. Anche se con molte efferratezze che forse ancora risuonano per questi vicoli. Ma oggi in nome d’una finta pace rinunciamo al bello ed al ricordo per il banale oblio di una placchetta da frigorifero o un burger al centro commerciale vestiti anche un po pacchiani e fuori luogo. In virtu’ di mode ed atteggiamenti che magari non ci appartengono. In nome di un dio che si vede ma non ha odore. Io preferisco ancora Colui che non si vede ma profuma d’Incenso.

    Ed il tempo quindi. Il tempo scorre lento tra i vicoli in attesa della luna e della splendida giovine amica per il giorno dopo.

    Ed il domani eccolo. Nastasya e’ nata ai bordi Ucraini e vent’anni fa’ trasferita con la famiglia a Varsavia. Polacca d’adozione quindi. Lei studia Economia e nei suoi dolci occhi di ventiquattrenne leggo nascoste voglie di sapere e di capire. Di assorbire nozioni. Di essere onnivora sul sapere per poi imparare in fretta la vita. E’ sveglia. Dolce e tenera. Una flebile voce che taglia i discorsi e ne fa strategia di base. Ferma e decisa col cuore di bambina. Questo mix in una Femmina mi ja sempre stimolato interpretazioni eccelse. Sara’ cosi anche oggi. L’applauso lo faccio io a noi due. Siamo stati dei grandi interpreti. Una Dolce Vita in rarefatta atmosfera Polacca. Innaffiata da Chianti e cappuccino. Parmigiana e tiramisu’ !!! Mentre Zucchero canta ” Pippo” e Pavarotti dalla filodiffusione del ristorante intona ” O sole mio” …non posso esimermi dal rito propiziatorio. Et allora ecco che tiro fuori dal baule il costumino ed il cilindro ed intono insieme a Luciano l’acuto finale !!!
    Ci sono stati, in rapida successione: sguardi di paura. D’odio. Incredulita’ !!! Poi l’atmosfera si e’ sciolta grazie alle risate di Nastasya ed un cameriere. Mentre una splendida cameriera bionda mi dava una pacca sulle spalle. Abbiamo discettato di olio extra vergine e servizio ai tavoli…conto di passarla a trovare presto. E quindi pagando l’infimo conto mi avvolgo nel pastrano…e tra gli ennesimi applausi saluto m’inchino e me ne vo’ !!!

    E furon baci e scambi di sorrisi. La piazza del Castello e le possenti mura del Barbakan hanno fatto da sfondo ad abbracci e teneri sguardi. A voglie che ormai si dovevano solo esprimere. Avevamo imparato il copione da un mese. Occorreva solo recitarlo. Ma noi volenterosamente come grandi protagonisti…possiamo solo interpretare. Come nella vita.
    Ed mi sono forse quasi accorto con stupore, ma null’altro…che stavolta la scena di sesso e’ stata superba. Favolosa. Grazzie all’inaspettata maestria della mia compagna. Alla sua grazia e impalpabile dolcezza. Oggi mi sono accorto che,forse, dopo tanto tempo non ho interpretato solo il sesso.

    Oggi davvero ho fatto una grande interpretazione dell’Amore. Ed ora solo aspetto. Con un profumo di vaniglia addosso e capelli biondi nel letto. Aspetto che la mia Luna d’Ambra mi dica cosa succedera’ domani.

    …Poi me ne vado in giro, scene real life. Telecamera a braccio e via con riprese miste in citta’. Viali, autobus e stazione centrale. Centri commerciali e via vai di gente.
    Tutto uguale. Tutta gente uguale. In tutto il mondo.  Non so’ piu’ se chiamarmi strano o diverso. Forse particolare.
    Non mi piacciono. Queste cose non mi piacciono. Quest’aria da polli di batteria felici e contenti d’esserlo col pacchetto di granturco firmato in mano…non mi e’ mai piaciuto. Riflessioni e fotogrammi personali che forse subiranno un taglio al montaggio. Ma gli spezzoni saranno al solito conservati. C’e’ qualcosa di pacchiano di eccessivo nell’aria. Stride coi barboni e le vecchie imbacuccate. Le giovani imbellettate in modo carnevalesco. Senza stile. Anzi lo stile del ” voglio tutto cio’ che c’e’ in tv “… Ot similis. Stride e cozza poi con comportamenti da contadini.

    Chi segue o ha fatto cinema sa’ che all’ultima scena c’e’ l’applauso e cena finale con tutti i facenti parte. Qui no…ad uno ad uno si sono dileguati in silenzio o spariti in dissolvenza. La troupe le scene e le comparse. La citta’ stessa.Ed il tutto in una evanescente semplicita’ quasi monotona. Per dei cambi ultimi ed improvvisi delle disponibilita’ delle attrici si sono capovolte le bozze dello story board…ieri chiusura con la protagonista Nastasya. Oggi scene classiche di contraltare con la seconda attrice. Meglio cosi. L’infinito magone che regnava ieri sul set oggi non l’avrei sopportato. Mentre ci si diceva addio una campana toccava le sette di sera ed una carrozzella a tiro singolo passava lenta fuori dal tempo e dalla finestra. Lei dice : ” Ti volevo dire che anche se forse non ci rivedremo piu’ …io ho voluto tanto averti qui. Mi sei piaciuto come mi scrivevi e parlavi…grazie”

    Ed io a Lei: ” Io invece ti dico che se anche non ci rivedremo piu’… Ti immaginero’ ogni tanto nei miei sogni. Soprattutto quelli ad occhi aperti…prego “. E mentre si riveste ancora una volta indossando un finissimo e semplice miniabito di seta rossa scarlatta che stride col bianco latte della pelle…si chiude in bagno. E curva sui suoi pensieri di donna adolescente si rassetta e ravviva viso e trucco. E dietro il satinato vetro dell’antica porta da toiletta, gli occhi attenti dell’attor regista la immortaleranno cosi. Per sempre. Chiusa nella sua intimita’ come tutte le grandi attrici. Come tutte le grandi donne. Come tutti quegli Amori che, anche solo per un fugace momento, regalano brividi e sogni.

     

     

     

     

     

     

    E via ancora avanti…si rispetta il copione. Tanto introversa fiera, e timoroso il carattere della prima attrice, tanto aperto pazzarello e rilassante il ruolo della attrice di spalla.

    E va’…come deve andare. Qui debbo notare come a differenza della prima la Kasia piu’ furbetta ed infingarda, o forse solo piu’ navigata, non permette di riprendere le scene di sesso. Le virtu’ pubbliche. Ma vuole che i vizi restino privati. Ok dico e andiamo avanti. La pellicola sta’ per finire. Ed allora come da copione cena e risate e dita incrociate nelle mani a trasmettere ultimi fuochi e passioni. Inaspettatamente suona ” Roma non fa’ la stupida…” !!! Beh…quel gran figlio di Pan si sta’ proprio divertendo con me a Varsavia. Intonarla e guardarla negli occhi e’ un tutt’uno. Alzarmi e ribaciarle le labbra dolcemente scontato. Come scontata la sua vergogna e gli sguardi d’assenso d’una famiglia spagnola accanto…lui mi guarda e guarda il fisico di Kasia mentre si alza e mi strizza l’occhio in Latina fratellanza.

    Si scendono le scale del castello con promesse di contatti e forse visite estive nella mia residenza…chissa’.
    Per ora,ancora una volta, rimarra’ un bacio d’addio alla fermata d’autobus di Stare Miasto a dividere vite e protagonisti delle stesse.
    E come ricordo un nasino Polacco che si spiaccica sul vetro contornato da un sorriso ed un caschetto rosso Ambra.

    Io risalendo le scale accendo una sigaretta e guardo la Luna…qui a Varsavia. Si, anche stasera la Luna ha la faccia d’Ambra. A Varsavia.


    Aurelius ha scritto anche:




    • Questa mi é piaciuta mio CaVo GambaDiLegno…mi é piaciuta davvero questa tua rinvigorita vena poetica.
      Pravo!
      :dreaming
      :clap

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 17 aprile 2014 at 14:08

      Aurelius….che te lo dico a fà? :clap
      :ar

         1 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 17 aprile 2014 at 19:56

      Eehhh si caVi Confratelli della Filibusta !!! Stavolta ho avuto emozioni antiche, serene. Si forse appena un po’ Romantiche…saranno state le partners, l’aria, l’atmosfera decadente. Ma abbiamo attraversato la Prussia senza saccheggiarla, almeno stavolta !!! ;-)

      come si suol dire…A la Proscion :ar

         0 Mi Piace


      • DrMichaelFlorentine
      • DrMichaelFlorentine

      • 23 aprile 2014 at 13:46

      Oh, Nastasya ! :dreaming

         1 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 24 aprile 2014 at 14:15

      Auré, ma guarda che ce lo sappiamo che in fondo sei un romanticone…perché lo siamo pure noi.Avremo pure le gambe di legno, ma il cuore no. :dreaming

         1 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 24 aprile 2014 at 17:16

      Ahahah…il Tottor Pizzato si e’ innammmmmorato…vero Miche??? Eehhh, si poteva correre il rischio. Ma come dice il Compar Lupo, non abbiamo il cuore di legno, ne di piombo !!! :-)
      Solo che sappiam ben distinguere tra illusione, e sogno !!! :dreaming

         1 Mi Piace


      • DrMichaelFlorentine
      • DrMichaelFlorentine

      • 24 aprile 2014 at 18:20

      aurelius,

      Eh bè, la Nastasya è davvero una bella bambina, delicata, nobile oseri dire, qualche fotina in più della Fatina almeno qui la potevi mettere ;-)

      Quello che si è innamorato mi sa tanto che sei tu, sei passato da MOstro freddo e spietato a versi di prosa degni di un Poeta (anche se maledetto ovviamente), bello però, avevo capito che non ci credevi più, mi dicesti lo sai come funziona, non ho più l’età, come resident hai delle carte in più, da lavorare si troverebbe, volendo, non sono più situazioni che fanno per me ….. magari non a Praga, come vedi la vita non si programma, stupisce sempre :dreaming

         2 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 24 aprile 2014 at 18:36

      CaVo Michele l’Intenditore :D …ancora quelli sono i miei pensieri. Cioe’ una cosa e’ sognare per qualche giorno, una cosa illudersi a vita. Cioe’, non c’erano, ne ci sono spesso i margini, per come sono fatto io, di poter dare serieta’ a queste storie. Sia per eta’, differenze di vita, distanze etc etc etc…Poi certo, sempre in attesa di stupirmi, logico !!! ;-)
      Ps: tieni, giusto perche’ siamo tra quattro amici…

         3 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 24 aprile 2014 at 18:38

      Mato’…e’ che cazzo e’ scito fori…er Poster !!! :O :dontsee :meh
      :ohplease

         0 Mi Piace


      • DrMichaelFlorentine
      • DrMichaelFlorentine

      • 24 aprile 2014 at 18:44

      aurelius,

      E dai Aurè, la Nastasya il poster se lo merita, sarà l’effinge ufficiale della nostra Alina ;-)

         0 Mi Piace



    • :dreaming A’ Auré bbello però er poster d’à fatina polacca! :bz

         1 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 25 aprile 2014 at 18:43

      Un caro saluto e ben ritrovato

         2 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 25 aprile 2014 at 18:52

      dragodoro,

      Ciao CaVo dragodoro…non ti preoccupare, che pure qui ogni tanto, una bella fica spalancata con gl’ochi a mandorla e’ benvenuta !!! :))
      :ohplease

         0 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 25 aprile 2014 at 18:54

      LittleTruths,

      Nun fa’ er finto tonto, che hai avuto l’esclusiva in Tiretta, con pochi altri !!! :ohplease
      :-P

         0 Mi Piace


      • DrMichaelFlorentine
      • DrMichaelFlorentine

      • 26 aprile 2014 at 3:57

      A me questa Nastasya più la riguardo e più mi piace, la Fatina, Oh, Alina ! :dreaming

         1 Mi Piace


      • Zest
      • Zest

      • 26 aprile 2014 at 4:07

      Ho avuto il privilegio di seguire le avventure di Compare Aurelius in diretta sul [forum riservato] che lo si vedeva stava passando giorni di assoluta spensieratezza, poi ha capito che ha parte le 2 tromboamiche Varsavia era na cagata pazzesca,ahahhahah ;-)

         1 Mi Piace


        • aurelius
        • aurelius

        • 21 maggio 2014 at 18:20

        Exactly Cheffone bello @zest !!! :))
        :doubleup

           0 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 21 maggio 2014 at 16:22

      @aurelius,scusatemi se solo adesso ho letto il vostro scritto.Non vi nascondo che io da analfabeta quale sono non riuscirei mai e poi mai a scrivere come voi,ma mi avete fatto venire i brividi a leggervi.Bravo. :clap :clap :clap

         2 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 21 maggio 2014 at 18:23

      ahahah…grasssie grasssie @piranha !!! :D
      Ma insomma, e’ bello ” raccontare” un viaggio, un’emozione. E tra noi vecchi Filibustieri ce ne sono di notevol penne…eehhh si !!! ;-)
      ps: CaVissimo…il Voi pero’ no !!! Te prego…ti ringrazio ma va bene il tu !!! :doubleup

         1 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 21 maggio 2014 at 19:24

      @aurelius,mi sono permesso di darti del voi per farti capire quanto ho apprezzato il tuo scritto.Io non ho fatto i tuoi studi o quelli di altri,ma ti posso assicurare che ho sempre avuto ed ho fame di conoscenza.Non voglio dire che sono analfabeta e sono andato oltre la licenza media inferiore ma non credo di aver mai scritto cosi bene come molti di voi.Mio padre mi ha sempre detto ed io ho obbedito,frequenta solo che ne sa più di te perchè qualcosa te la può insegnare,chi è peggio cosa ti insegna,nulla.Ancora complimenti per il racconto e l’emozione che ho provato nel leggerlo,anche perche cerco di immedesimarmi altrimenti sarebbe come leggere il giornale con gli stessi in prima pagina.Buona serata caVissimo e scusa se mi sono permesso la V.

         1 Mi Piace



    Post a Comment!