• La vittoria d’una piccola piratessa

    Io, da un paio di giorni, mi sono scelto la ” Mascotte”. Cioe’, se per caso la mattina mi alzo scazzato, o qualcosa non gira giusta nella giornata, penso a lei. Magari tra un po’ passera’, o ci sara’ qualcun’altro o qualcos’altro: oppure niente. Ma adesso c’e’ lei.

    Lei e’ una Piratessa, ma vera. Ha la benda all’occhio, qualche cicatrice in faccia, ed il ghigno sereno e strafottente di chi tanto nella vita lotta, e ce la fa’. E ce la fara’. E poi si chiama Vittoria, tutto un programma.

    Vittoria e’ stata assalita tempo fa’ in America da tre pittbull feroci, che l’hanno lasciata quasi morta a terra, in un lago di sangue. Sfigurata, dilaniata, sbranata a morsi: un corpicino buffo e rotto li a terra; come una marionetta vecchia che non serve piu’ nello spettacolo della vita. No, a tre anni non si puo’.

    E infatti no. Vittoria ha detto no. L’hanno raccolta come straccio vecchio, curata e accudita, logico. Ed eccola qua’ : orsacchiotto sotto braccio, benda pirata con pupazzetto cartoon e occhi e sorriso vivi, vegeti…immortali.

    La forza dei bambini, per fortuna sfida il tempo. E sfida, e vince, sull’idiozia Umana. E forse non si ricordera’ dei pitbull, ma di questo cane idiota d’uomo si.

    E’ andata in un KFC un paio di settimane fa’, come milioni di bimbi nel mondo: come milioni di famiglie che trovano forza e serenita’ anche davanti ad una merda di pollo fritto: buon per loro. Ma in questo caso, hanno trovato pure una merda di manager, con il Menu’ dell’imbecillita’ sotto il braccio; che l’unica cosa che si e’ sentito in dovere di fare e dire e’ stata quella di cercare di allontanare l’allegra combriccola e il sorriso di Vittoria, perche’ …-” la sua faccia sfigurata spaventava gl’altri clienti”-.

    Ora chiaramente, e fortunatamente la notizia e’ trapelata; fischi e ” Bbbhhuuuu” si sono alzate dalle Curve dei tifosi di Vittoria in tutto il mondo. Il manager si e’ accucciato all’angoletto e si e’ fatto piccolo piccolo, quasi a raggiungere la dimensione del suo cervello. E KFC ha tuonato, inveito, rassicurato, platealmente redarguito.

    E tutti vissero felici e contenti. Si, ok benissimo: era il logico e rassicurante lieto fine che tutti ci aspettavamo.

    Ma cio’ serva a non dimenticare: che certo, un barbone che chiede una lira, una vecchia che stenta a salire sul tram e chiede spalle e aiuto, una bimba sfigurata che solo chiede risate e un panino, siamo noi. Tutti i giorni stiamo solcando mari su fragili barche, e contro le tempeste improvvise della vita altro non cerchiamo a volte che porti sicuri dove attraccare un attimo. Solo un momento. Un fuggevole istante di calma e coscienza.

    Per poi ovviamente tornare in mare aperto ad affrontare scogli ed onde.

    In conclusione, a me fa’ molto piu’ schifo il pollo fritto di KFC che la faccia di Vittoria. Colpita dal fato per una colpa non sua. Non si hanno colpe a tre anni. Ma solo tanta forza, un occhio innocente e un sorriso imbarazzante.

    E Vittoria c’e’ da monito, per le giornate inutili, contrarie, irrisolte. Come una vecchia, come un barbone. E Vittoria vincera’, contro l’idiozia del Destino e degli Uomini: con la sua benda all’occhio e gli sfregi sul viso sbarazzino.

    Come una splendida, invicibile Piratessa futurista, di quello stranissimo Cartoon che e’ la vita.

     

    ps: immagine pubblica. Pagina FB per info e condivisione www.facebook.com/victoriasvictories

     

    piccolapiratessa

     

     


    Aurelius ha scritto anche:



      • Matt
      • Matt

      • 18 giugno 2014 at 11:09

      Che dire? Questa bambina strappa il cuore, mi piace pensare che nella disgrazia sia comunque circondata dall’affetto dei familiari e di tutti. Forse un pensiero lo merita anche il manager, che per un momento di ottusa cattiveria rischia il licenziamento e il linciaggio morale: è forse lui il solitario Caino nella continuazione di questa storia?

         2 Mi Piace



    • :dreaming :dreaming :dreaming
      Troppo carina…mi é stata simpatica da subito…
      :dreaming :dreaming :dreaming
      Peccato per le disgrazie che le sono capitate, e speriamo che la Vita saprà rimborsalre adeguatamente quanto le ha tolto, e con gli interessi.
      :lov

         3 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 18 giugno 2014 at 11:35

      Mah sai @Matt …la vita e’ fatta a volte di episodi ricorrenti. Di situazioni in cui uno si trova ed agisce di conseguenza in base al suo essere. Ora io ho detto, perche’ riscontrato su di me, che logicamente siamo tutti a turno dei Caino, Abele, diavoli, acquasanta…perche’ in fondo dei poveri cristi.
      Ora credo che il manager sia anche un po’ portato nella vita, perche certo esternazioni del genere vengono da uno comunque predisposto, ecco.
      Quindi la condanna per l’azione e’ giusta. Il giudizio sulla essere umano certo, personale e variabile. Come per Caino.
      Stavolta e’ toccato a lui. A chi tocca, nun se ‘ngrugna.

         1 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 18 giugno 2014 at 11:51

      Eh si CaVo @LittleT …ce ne sono a bizzeffe , purtroppo, de ste’ cose. Ma appunto oltre la simpatia, colpisce proprio l’idiozia umana che aggiunge rabbia a gia’ cio’ che il Destino ha fatto.
      Cioe’ una malattia, incidente, crisi, fame a volte sono imponderabili ed “inevitabili” diciamo. O capitano a chiunque.
      La capacita’ di discernimento dovrebbe invece essere cosa basilare e comune nell’homo sapiens. Ma appunto, e’ una goccia nel mare, vista la quantita’ continua d’errori umanamente voluti.
      Siamo esseri imperfetti, ma applicandosi passibili di migliorie !!! :dreaming

         1 Mi Piace



    • Caro @Aurelius, è stata fortunata, una volta grande sarà una donna di ferro e forse un esempio per tutti. Tra l’altro non vedo niente che possa urtare la sensibilità di chicchessia, l’ignoranza resta il male del secolo B-) questo è nato merda e morirà tale

         2 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 18 giugno 2014 at 13:48

      Eh si professore caro, anche perche’ ripeto non vedo perche’ debba sopportare, oltre al destino, anche gli idioti.
      e si, questo e’ nato infimo caporale, gli Uomini sono altri ( Cit. adattata Toto’ ) ;-)

         0 Mi Piace


      • pelato
      • pelato

      • 18 giugno 2014 at 14:02

      bella storia cuocolo in bocca al ulpo a vittoria penso che nono stante queste disgrazie sia felice ci sara chi gli vorra bene spero che il suo futuro sia roseo e felice mi ci viene i mente una frase letta(forse è no poco fuori tema) su una pagine fb dedicata a shu c era una volta un uomo che non ci vedeva ma che continuava a combattere :ar

         2 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 18 giugno 2014 at 14:07

      E si Pelato bello de casa !!! E’ questo, forza e coraggio che c’e’ di peggio nella vita !!! E tanti in culo alla balena ( senno’ @luporosso comincia’ a trema’…) a Vittoria e famiglia !!! :dreaming

         0 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 18 giugno 2014 at 14:56

      Quando leggo ste cose mi divido tra lo sconforto di pensare che l’ Uomo è nella maggiorparte dei casi un essere senza speranze, e il realizzare che nella vita c’ è il bianco e il nero, che nulla potrà mai cambiare le cose e che dobbiamo accettarle per quello che sono, dato che sia il bianco, sia il nero servono ad imparare. Stavolta non posso fare a meno di pensare che questo sia un essere senza speranze, ed è ancora più preoccupante il fatto che fosse un manager piuttosto che il garzone di turno….
      Bello lo scritto Aurè… :clap

         1 Mi Piace


      • dionisio
      • dionisio

      • 18 giugno 2014 at 15:38

      Povera bimba……. nonostante i guai passati pure i cretini..
      La paura per il diverso attanaglia la vita dei piccoli uomini ….non capendo che nella individualita’ degli altri vi e’la ricchezza dell’uomo .
      Si e’perso di vista il valore degli anziani, il povero o il debole fanno paura perche’si ha il terrore di finire come loro (ed a volte si attribuisce questo loro essere piu’ad una loro colpa che ad un’avverso fato) come se vivere in una condizione d’inferiorita’potesse essere scelta dettata dal libero arbitrio.
      Oggi si vive nell’indifferenza e chiudendosi in un piccolo giardino non capendo che il mondo e’grande ……
      Un augurio a questa bambina va’fatto …. come sarebbe il caso di compatire chi in questa fanciulla vede qualcosa di diverso e da allontanare .

         2 Mi Piace


      • blackfox
      • blackfox

      • 18 giugno 2014 at 16:18

      E’ in questo tipo di situazioni che perdo lucidità e non riesco a vedere più il confine tra giusto e sbagliato; nessuna riflessione, solo il barbaro istinto di ridurre la faccia di quel infame come o peggio di quella della ragazzina… ovviamente cosciente di commettere un errore… ovviamente cosciente d’essere anch’io la dimostrazione di quanto l’uomo sia imperfetto…
      Grande Vittoria, in bocca al lupo! :clap

         1 Mi Piace


      • Bombolo
      • Bombolo

      • 18 giugno 2014 at 19:19

      Gli ignoranti sono sempre esistiti, il torto maggiore lo hanno i padroni di certi animali che non li controllano, quelli si che andrebbero castigati a dovere. La sfortunata troverà sicuramente ostacoli nel corso della vita a causa del suo aspetto, sul lavoro, negli affetti (più complicati ), non dico che sarà discriminata ma un po tenuta a distanza e guardata con sospetto. Dovrà farci il callo e aggiungere sofferenza alla sofferenza. Peccato. Auguri.

         2 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 18 giugno 2014 at 19:47

      Aparte che ogni anno la scienza avanza e quando i suoi lineamenti si siano definiti sará possibile effettuare un intervento di “plastica facciale”(non so se é corretto in italiano), che adesso sarebbe sconsigliabile, si vede dalla foto che ha DUE PALLE COSÍ.Quindi Vittoria andrá avanti e sí, é una Pirata Vera e un esempio per tutti noi.Quando ci alzeremo “col piede sinistro” ci basterá vedere quella espressione di “Embé?! Qua ‘cce ‘sto io!” per ridimensionare quella stupidaggine che minacciava di rovinarci la giornata.
      Tre hurrá per Vittoria! :bz :bz :bz :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman

         3 Mi Piace


      • os_car86
      • os_car86

      • 18 giugno 2014 at 19:59

      Mi si stringe il cuore a vedere e sentire certe storie , Forza Vittoria . .

         1 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 18 giugno 2014 at 21:05

      Ma certo lo sai @CCSP siamo fallibili, ci mancherebbe. Solo che certo, applicandosi un po’… :-S belle riflessioni @dionisio complimenti. I punti sono quelli che esprimi. E come dice @blackfox sarebbe da dare sfogo agli istinti in quelle situazioni, o altre dove magari ci siamo trovati. Certo e’ che le une che le altre, a torto o ragione, sono fatte con coscienza. Cioe’ lo sappiamo cosa consegue poi, ad ogni nostra azione.
      O dovremmo saperlo…
      Beh vedi @Bombolo ;-) a parte che sono stati inquisiti credo e i cani abbattuti; e comunque sono bestie e hanno avuto un istinto, certo credo mal allevati. Ma e’ stato un Fato, un istinto animale imponderabile. Il manager suvvia, poteva bene scegliere e decidere cosa fare.
      Senno’ allora torniamo nelle caverne e mangiamo carne cruda e non se ne parla piu’.
      Comunque si, come dice il Caro @luporosso esistono poi sicuramente tecniche, modi e maniera per alleviare le sofferenze od eventuali ” brutture” future ed estetiche della piccola Vittoria. Ma buono e’ che e’ salva, e superi serenamente il trauma, quello si che e’ importante.
      E grazie @os_car86 bello, e grazie a tutti dei pensieri espressi. Come al solito e’ un piccolo pensiero, un esempio che porto di come a volte la scala dei valori e delle valutazioni delle cose e delle priorita’ sia molto relativa, nella vita di ognuno di noi.
      E poi certo, ad ogni modo ogni giorno ci buttiamo il personaggino sulle spalle, guardiamo il cielo e ci auguriamo che sia una buona giornata.
      Con qualche Vittoria ( come esempio di forza, speranza…non come tragedia !!!) in piu’, e qualche manager ( nonostante le scusanti della fallibilita’ umana) in meno !!!
      Applausi a voi, e Forza Vittoria e famiglia !!! :clap :doubleup :dreaming

         1 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 18 giugno 2014 at 21:29

      Beh, il manager del KFC è un Coglione conclamato della peggiore razza. Di quelli che meriterebbero di essere sfigurati e poi ne riparliamo. Avevo letto in rete di Victoria e come spesso accade, sono rimasta sconcertata dall’idiozia e cattiveria del genere umano. Sicuramente Vittoria è circondata dall’affetto dei suoi cari, dalla solidarietà di tanti e sono sicura che riuscirà a trovare nel suo cuore la forza giusta (quella che intravedo nel suo sguardo fiero da piratessa) per affrontare questa disgrazia… anche se non sarà semplice, sopratutto con il passare del tempo e se non avrà i mezzi economici necessari per ripristinarsi il volto.
      Certo è che i padroni di questi animali dovrebbero essere castigati a dovere, perchè se certe cose accadono è per la loro negligenza e ignoranza. Quando avevo 11 anni, sono stata aggredita da un rottweiler che il padrone aveva lasciato incustodito, agganciato blandamente ad un paletto per appoggiarci le bici. Immagina una bestia che pesa 50 kg quanti secondi impiega a sfilarsi da un paletto. Porto ancora 6 cm e mezzo di cicatrice sull’ interno coscia sinistra. Mi azzannò a pochi cm dalla femorale. Ci potevo anche restare. E’ tra le esperienze più brutte della mia vita. Per fortuna nei paraggi c’ erano il portiere e i due negozianti.. Ringraziando Dio quello che mi ha lasciato non è un segno troppo visibile e non avendomi sfigurato quell ‘idiota del padrone se ne uscì solo con scuse e mortificazioni varie e quasi quasi tra le righe voleva pure giustificare il cane che non è una razza aggressiva e che se aveva reagito così è perchè era stato provocato… ma pensa te… io ero sotto casa con una busta contenente una confezione di latte. Secondo il deficiente l’andamento altalenante della busta aveva fatto intuire al cane una “provocazione” o un “segno di gioco”… c’era da sparargli in faccia. Mio padre in quel momento, chiamato nel frattempo da uno dei miei compagni, ebbe solo la prontezza di alzarmi da terra e portarmi al PS. Non ho dormito per settimane.

         3 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 18 giugno 2014 at 21:40

      La MaTosca @whitestyle …brutta storia. Ma sento e vedo che insomma, fortunatamente e’ superata, certo come dici lascia brutti ricordi. Vabbe’, lasciamo perdere la spiegazione del tipo che se e’ stata quella davvero sarebbe da legarlo a lui ad un paletto…a vita.
      E’ pur vero, come dici, che molti fatti successi, sono dati dall’imbecillita’ dei padroni, e dall’ignoranza su come si governa una bestia. Soprattutto quando ultimamente tanti si sono fatti il cane, di razze appunto pericolose, per moda.
      E quindi speriamo che, come novella Piratessa come te, anche Vittoria ne parlera’, seppur con rammarico, con serenita’ da grande. :-)

         1 Mi Piace


      • dionisio
      • dionisio

      • 18 giugno 2014 at 22:21

      Purtroppo i cani assimilano i comportamenti dei padroni…..nel senso che reagisce alle ns. tensioni o paure.
      Io ho avuto un cane (animale meraviglioso) bastava che ci guardassimo per capirci al volo…ha reagito in modo aggressivo solo tre volte nella sua vita…e tutte e tre le volte a ragion veduta….senza mai mordere ma solo ringhiando in maniera ben chiara.
      Ho amici che hanno cani poliziotti (ovviamente sono sbirri anche loro…hahha) e mi dicono sempre che quando intervengono …per esempio in situazioni di folla allo stadio… il cane ha paura …ma agisce perche’in compagnia del padrone….loro vanno perche’in compagnia del cane.
      Quindi se il cane e’stronzo e morde e perche’il padrone e’un coglione e piu’sono coglioni insicuri e paurosi piu’comprano razze particolari da gestire…… e dove realmente serve il capobranco……che ovviamente non puo’ essere il cane….
      Quelli da abbattere sono le vere bestie .. i padroni

         3 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 18 giugno 2014 at 22:30

      @aurelius è passato molto tempo e il tempo tende a sbiadire anche le sensazioni più brutte. Anche se ci sono violenze che non si dimenticano. Il salto del cane che mi scaraventò a terra con una zampata in petto, è un ricordo molto vivido e purtroppo ancora oggi ho un fottuto terrore dei cani. Però qui forse, anzi senza il forse, è colpa mia, che non mi sono rimessa in gioco e non ho voluto abbattere davvero quella paura. Un pò come quando fai un incidente in auto e non ti rimetti subito al volante, rischi che la paura alzi barriere emotive così grandi da impedirti poi un superamento ;-) Una cosa è certa, così come spiega @dionisio i cani, sopratutto certe razze, non sono per tutti… giorni fa stavo mangiando un gelato con un’ amica, ero seduta su un muretto. C’era un signore con un pastore tedesco che per “spiegare” al cane di camminare e non fermarsi troppo ha iniziato a prenderlo a calci.. ma si può? il cane giustamente ha reagito facendo salti e ringhiando, naturalmente a me dalla paura, manco a dirlo, è cascato il gelato a terra, pur essendo a debita distanza. Tutto questo per dire che certi padroni sono proprio la rovina di questi animali…

         0 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 18 giugno 2014 at 23:09

      Si certo @white come dice @dionisio …lo sappiamo, te l’ho scritto. Ma lo vediamo tutti i giorni. Stupidita’, ignoranza, poca esperienza. Trattano questi animali o troppo bene, e quindi ridicoli, o troppo male. E quindi passibili che accadano sti fatti.
      La solita giusta misura sembra mancare anche con le bestie…mah.
      Si poi certo, sicuramente ti e’ rimasta paura perche’ non hai affrontato subito la vicinanza con i cani, che restano comunque sempre bestie, ma a volte sempre molto meglio dei padroni, o dell’essere umano in genere. Ed anche di quello per fortuna ci sono molti esempi lodevoli !!!
      Un saluto da due amici ) saranno bestie, uomini, meta’ e meta’…boh. Buoni, cattivi…mah !!! ;-) )
      :heyhey

         1 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 19 giugno 2014 at 15:40

      @bombolo,vorrei condividere al 100% quello che hai scritto,@aurelius,desidererei esprime la mia opinione,@Little Truths,non so ti incazzerai per quello che sto per scrivere ma credo sia arrivato il momento giusto,anche perchè devo ancora capire se non sono in accordo con qualcuno se posso esprimere il mio dissenso sempre educatamente.nessuno più di un genitore può capire il dolore che VITTORIA( si chiama come mia madre),ha avuto la sfortuna di provare.I bambini dimenticano,sono forti,sono belli,sono fonte di vita,sono il nostro scopo e ragione di vita ,sono innocenti.Quale sarà il futuro di questa bambina,chi può dirlo,io come padre non posso fare altro che augurarle il meglio,spero che nella sua lunghissima vita incontri persone intelligenti e che la facciano sentire una bambina,una signorina,una donna normale.Che nessuno,ripeto nessuno mi venga a rompere i coglioni e inizi a parlarmi di sofferenza,la sofferenza è questa bambina,la sofferenza è quella che provano i suoi genitori,la sofferenza è quella che prova un padre quando torna a casa dopo una giornata a cercare lavoro e vede i volti dei propri figli e della propria moglie,la sofferenza e quella di un vecchio seduto su una panchina ad agosto solo che fissa il vuoto,la sofferenza è quella che prova un genitore quando sopravvive ai propri figli,la sofferenza è quella che si prova vedendo il proprio figlio sfigurato dal cane di un bastardo,la sofferenza è quella che si prova tutti i santi giorni dell’anno quando si ha un figlio malato di tumore e si spera si prega perchè ciò non accada e quando arraiva ti lascia li’ a riflettere per tutta una vita sempre chiedendoti ma perchè proprio a mio figlio,la sofferenza è quella di mio padre malato di tumore all’ultimo stadio.Scusate se mi sono permesso ma non ho resistito,specialmente quando ci sono di mezzo dei bambini e i responsabili sono degli adulti bastardi responsabili.e non saluto nessuno perchè sono alquanto incazzato.

         1 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 19 giugno 2014 at 16:03

      Ciao @piranha …certamente, le opinioni sono fatte per essere espresse. E poi non ti devi preoccupare se scrivendo esprimi o no dissenso, basta che come dici sia fatto in modo degno. Non siamo dalle orsoline, ma manco alla discarica della monnezza.
      Detto questo, poi non vedo dove sia il dissenso o cose diverse da quelle che hanno scritto tutti gli altri !!! Anzi hai aggiunto cose.
      La sofferenza, e’ della vita. Ci sono momenti in cui uno se ne accorge, altri in cui ci tocca da vicino e in altri no. E comunque si va’ avanti.
      Ti saluto con un augurio di forza per la situazione che vivi con tuo padre.

         1 Mi Piace



    • @piranha quì nel rispetto delle persone puoi dire quel che vuoi ed esprimere qualunque opinione.
      Più o meno quì di figli ne abbiamo tutti; qualcuno li ha a casa, qualcun’altro li ha chissà dove.

         0 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 19 giugno 2014 at 16:13

      @piranha quello che dici è estremamente vero, sopratutto, sono commossa dal tuo sentimento di paternità così spiccato e vivido.
      Non è mica così ovvio avere a cuore i propri figli ed esserci per loro.
      Si percepisce che sei un padre di altri tempi (proprio come il mio), uno che si è sacrificato per la propria famiglia, uno che ha fatto delle rinunce, uno che ci ha creduto. Hai la mia stima. Grazie per il tuo punto di vista.

         0 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 19 giugno 2014 at 17:31

      capità,due persone mi conoscono molto bene,sto parlando di zest e dragodoro,sanno benissimo chi sono e quali sono le mie idee giuste o sbagliate che siano,e non offendo nessuno se non vengo offeso,e tu hai capito benissimo ciò che intendevo dire nelle prime righe.Comuynque sia sono una persona normalissima con una vita bellissima e che non si fa tante seghe mentali,ma con dei sentimenti e un cervello che lavora in continuazione.Di nuovo tanti auguri alla bimba,se li merita tutti.

         0 Mi Piace



    • piranha:
      capità,due persone mi conoscono molto bene,sto parlando di zest e dragodoro,sanno benissimo chi sono e quali sono le mie idee giuste o sbagliate che siano,e non offendo nessuno se non vengo offeso,e tu hai capito benissimo ciò che intendevo dire nelle prime righe.Comuynque sia sono una persona normalissima con una vita bellissima e che non si fa tante seghe mentali,ma con dei sentimenti e un cervello che lavora in continuazione.Di nuovo tanti auguri alla bimba,se li merita tutti.

      Appunto bello mio non c’è bisogno di mettere le mani avanti…stai esprimendo una tua opinione, fallo in tutta libertà.

         0 Mi Piace


      • AtiLeong
      • AtiLeong

      • 19 giugno 2014 at 18:25

      Quello che mi impressiona nella foto di questa bimbetta, e giuro che non sto facendo retorica pietista, e lo sguardo fiero e l’ aria gagliarda che ha. Le cicatrici e la benda quasi mi scivolano in secondo piano.
      Mi auguro riesca a conservare questo piglio di piccola pirata crescendo per resistere ai tanti manager di KFC coi quali dovra incrociare la sciabola.
      Hit it, Victoria :ar

         1 Mi Piace



    • CaVo @AtiLeong sapessi che pena invece…sono andato a leggere sulla pagina facebook della bimba; i genitori dicono che la poverina vive male questa condizione, che non vuole più guardarsi allo specchio…roba da far cadere il cuore in frantumi davvero…

         2 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 19 giugno 2014 at 18:39

      E si certo, non e’ facile. Anche col clamore ultimo. I segni resteranno, ovvio. Come dice il Sig. @AtiLeong comunque, abbiamo fiducia nella forza di Vittoria, e della famiglia. Certo attimi di smarrimento, stanchezza, rabbia e pianto ce ne saranno…ma il tempo almeno per le ferite dell’anima, penso sia buona medicina …tant’e’.

         1 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 19 giugno 2014 at 18:56

      E sai perchè @LittleTruths ? perchè i giudici più terribili del suo aspetto sono i suoi coetanei. I bambini, nella loro spontaneità assoluta possono far vivere l’esclusione molto peggio di un adulto. Se sei brutto, storpio, sordo, non parli bene e via dicendo, ti isolano, non ti fanno giocare, ti deridono… sopratutto a 3 anni, età in cui ci si seleziona per affinità visivo – empatica. Fenomeno che si attenua con il passare del tempo, un pò con l’insegnamento reiterato a non escludere il diverso da parte di adulti e insegnanti, un pò perchè naturalmente interviene la ragione, la logica, quella di non offendere l’altro, e comq, sarà una magra consolazione. Ecco perchè non sarà semplice per lei, così come per tutti i bambini portatori di un qualsivoglia handicap. Di contro, in questi soggetti, (2 su 3) scaturisce una forza interiore grande: ci fai il callo e passi oltre.

         1 Mi Piace



    • Io voglio sperare in cuor mio che nelle dichiarazioni pubbliche dei genitori ci sia un quantum di drammatizzazione finalizzata ad ottenere finanze per far fronte alle spese per le cure…
      Voglio sperare che la stiano facendo almeno un po’ più grave di quel che è perchè in fondo in fondo, e comprensibilmente tra l’altro, gli si spezza il cuore a vedere la loro piccola così e non vedono l’ora di rimetterla in sesto a qualsiasi costo.
      Per il resto questa Vita é un naufragio, ma grazie al Cielo il tempo cura quasi tutto…basta dargli tempo.
      Che il buon Cielo benedica questa piccina.

         2 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 19 giugno 2014 at 19:41

      ttle Truths.

      LittleTruths: Appunto bello mio non c’è bisogno di mettere le mani avanti…stai esprimendo una tua opinione, fallo in tutta libertà.

      grazie capità ;-)

         0 Mi Piace


      • DrMichaelFlorentine
      • DrMichaelFlorentine

      • 21 giugno 2014 at 19:59

      Bello Aurè, bella riflessione, la bambina secondo me è stupenda anche così come è, trasmette una grande tenerezza ed al contempo anche la serenità tipica dell’innocenza di chi comunque troppo presto si è trovato a fare i conti con la vita.

         1 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 21 giugno 2014 at 22:08

      Ciao Pizzatissimo Dottor de Florentia !!!
      Si, grazie a te pure del pensiero. Mi danno sempre un po’ fastidio a me le disgrazie sui ragazzini, ecco. Come dici tu, non e’ proprio il tempo per cominciare a fare i conti con la vita; comunque tant’e’. Speriamo che il futuro la ripaghi e rassereni.

         1 Mi Piace



    Post a Comment!