• Quando le cose vanno male

    E’ un ex modello, divertentissimo, dopo anni di animazione ha aperto il primo negozio di abbigliamento, poi un secondo, poi un terzo. Un matrimonio  fallito, poi un bimbo da un’altra ed un’altra separazione, poi una terza, la più stupida e scroccona, abilissima nello sperpero, che lo lascia non appena trova il lavoro lei e lui lo perde. La crisi gli fa chiudere il primo, poi il secondo, poi il terzo negozio, e si ritrova con le pezze al culo, i creditori alla porta, non puo’ pagare l’affitto e torna da sua madre, a 48 anni, che lo riempie di insulti e lo chiama fallito.

    Sono finiti i tempi in cui andava dal suo epicuro a Nantes ed a Lione, per frequentare i migliori ristoranti, le migliori discoteche con due bottiglie di gin e 4 di acqua tonica, traa BMW e Fuoristrada enormi, e sempre mille figone vicino. Parigi, Amsterdam, sono troppo lontane, esiste una sola realtà, non puo’ neanche mettere benzina per andare al mare.

    E’ come un fratello, tutti i suoi ammiratori lecchini lo evitano, hanno paura che chieda soldi, ma lui ha solo dato nella vita, ha sempre pagato. La vita è infame, tutti gli hanno voltato le spalle, e ritrovarsi da sua madre con un figlio senza potergli pagare un gelato o portarlo a mare quando fa 40 gradi è una tortura.

    Gli amici si vedono nel momento del bisogno, cosi’ l’ho portato con me dappertutto, ha trascorso un’estate dignitosa, ha suonato le percussioni, ha evitato di fare avances consapevole di non poter pagare nemmeno una spina piccola, ha mascherato la sua tristezza a suo figlio facendogli credere che tutto va bene prima di scoppiare in pianti disperati accanto a me. Al mio compleanno, il 21, mi ha regalato 6 capi suoi usati, ed alle mie figlie uno strumento senegalese per fare percussioni, dov’è un mostro. Tira avanti solo per suo figlio, sua ragione di vita, visto che anche suaa madre e suo fratello (10000 euro al mese tra lui e l moglie) gli hanno voltato le spalle.

    Gli ho detto che qui da noi avrebbe trovato amici, che tra noi i soldi non contano, che si giudica la persona, ma non ha più neanche internet e si è tolto da Facebook. Forse gli trovo un posto di guardiano notturno nella zona più malfamata di Lione, a nero, e lui lo accetterebbe subito, è la sua ultima speranza.

    A tutti gli infami che prima lo cercavano ed adesso non gli rispondono neanche al telefono vorrei ricordare che il mondo gira, ed a voi fratelli, se avete in mente qualcosa  livello lavorativo che potrebbe fare, non esitate a darmi suggerimenti.


    Epicuro ha scritto anche:




    • @Little e @Dudy, purtroppo ho dovuto fare pubblica due volte, provvedete per cortesia a toglierne uno

         0 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 31 agosto 2014 at 20:19

      Cumpa’…ErCa ™ sara’ perso nella nebbia dei Mari del Nord, @dudy magari in quella Padana. C’ho pensato io, ar solito…sempre qua’ a spiccia’, spolvera’, leva’ li ragni dall’angoli…ecchecazZzo ! :a-a
      Ti ho messo una foto, al limite un po’ significativa dell’Amore che, comunque, in quella penosa situazione, il tuo amico sempre dimostra al figlio. E tu che dimostri cosa vuol dire aiuto, nel bisogno. Non la chiamo amicizia, sentimenti, compassione…solo una persona che ne aiuta un’altra, potendo; anche nel piccolo.
      Auguroni, e’ quello che posso fare, a sta’ persona. :-l

         1 Mi Piace


      • dionisio
      • dionisio

      • 31 agosto 2014 at 20:34

      Caro @epicuro …..la vita e’ bastarda …ma gli uomini lo sono anche di piu’.
      Storia vissuta in prima persona …. non con figlio a carico ne’con madre cosi stronza.
      La mia fortuna e’stata avere una compagna ed una famiglia vicino ..e qualche buon amico come te che invece di pontificare mi ha dato una spalla su cui poggiarmi …
      A volte non servono aiuti economici ..ma gia’il poterne parlare con qualcuno aiuta.
      Cmq. Rimbocchiamoci le maniche e vediamo cosa poter fare … qualcosa si tirera’ fuori dal cilindro …
      Penso che in primis debba preparare un curriculum … con esperienza nella gestione di negozi di abbigliamento qualcuno lo potra’pure assumere .. poi si vede per Lione .
      Per il resto ….. farlo iscrivere tra noi … la vedo una buona cosa ……. e poi non c’e’bisogno di pc …internet … e super connessioni …. io il 90%sono da cell. e riuscite lo stesso ad attaccarmi strane malattie …come la FdD

         1 Mi Piace



    • Bellissima immagine cumpariello, è proprio quello che faceva quando andavamo a mare, si allontanava a pensare, speriamo in una botta di culo…
      Caro @dionisio, hai centrato in pieno la situazione, il solo fatto di poter parlare con me e con due altri lo tranquillizza e non lo fa sentire una merda. Solo chi come noi si è ritrovato in simil situazione puo’ capire veramente, io fui fortunato perchè incontrai la mia attuale moglie nel periodo infausto, (per fortuna non avevo figli) per lui è più difficile perchè vive in una realtà in cui la prima cosa che esige una è la sicurezza economica.
      E’ l’età che lo frega, e poi non parla francese, inglese cosi e cosi’, e nel mondo del commercio, pur avendo ottimamente gestito i tre negozi per anni, non puoi trovare nulla in un altro paese se non padroneggi la lingua o hai un capitaale di base.
      Sulla FdD sono sicuro che siamo immuni, io non l’ho beccat neanche con lo scoglio appuntito nel culo ;-)

         0 Mi Piace


      • dionisio
      • dionisio

      • 31 agosto 2014 at 21:44

      Purtroppo chi non ci passa non puo’ capire.
      Cmq tutto il mio appoggio …. per quel poco che puo’servire .
      Certo che con un figlio e’ dura …… sopratutto oggi che si vive d’ immagine ..ed i bambini sanno essere piu’ cattivi e diretti degli adulti.
      Questa e’ una situazione che coinvolge molte famiglie e non vi e’ nulla da vergognarsene.
      Poi come diceva un mio vecchio mentore “non puo’piovere per sempre …. le crisi passano”

         0 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 1 settembre 2014 at 5:35

      La vita è una ruota che gira….
      Nel tempo che ci vorrà a lui per far risalire la catena, magari se la pigliano in culo sua mamma e suo fratello…..glielo auguro! ;-)

         0 Mi Piace


      • magic_mirror
      • magic_mirror

      • 1 settembre 2014 at 8:31

      Stessa storia di un amico che ora non c’è più..
      Nel ’91 ..a 21 perse i genitori in un incidente. Unico erede….2.5 miliardi delle vecchie lire.
      Durati 7 anni…tritato tutto!
      Macchine, viaggi, casinò, donne (sbagliate), amici…
      Amici …giusto!….dove erano gli amici quando si è trovato a zero dopo aver sponsorizzato per anni e per tutti?
      Gli prestai dei soldi che mai più rividi… chissenefrega!
      Dormiva in macchina. Lo portai a lavoro e lo feci assumere come magazziniere….mettendoci la mia faccia con l’AD. Non mi deluse mai.
      Morto a 38 anni di cuore….

         0 Mi Piace


      • AtiLeong
      • AtiLeong

      • 1 settembre 2014 at 11:05

      A sto punto saluto il suo fausto ritorno qui, in questo suo nuovo tema di discussione, gia che sono nel perenne ritardo di questa estate, caro signor @epicuro :-)
      Storie come quelle del suo amico sono purtroppo abbastanza usuali nell’ europa meridionale di questi anni.
      Ma quando alla caduta economica si accompagna anche l’isolamento emozionale della persona e davvero brutto, soprattutto se si parla di gente non piu giovanissima e con figli a carico.
      Nella societa odierna siamo abituati a valutare molto piu attentamente gli investimenti economici e i conseguenti successi o insuccessi.
      La rete di relazioni sociali di cui disponiamo e messa un po’ in secondo piano.
      L’individualismo spinto un po’ “calvinista” in cui l’individuo e solo di fronte alla divinita e i suo giudizio che si manifesta anche attraverso il successo sociale; il mito americano del “self-made man” ci spinge a considerare le “relazioni sociali” (anche quelle familiari intendo ) un conforto emozionale in fondo non cosi fondamentale oppure un mero supporto per il fine ultimo del proprio successo personale.
      Se n’era gia reso conto Dickens alla fine del XIXº secolo con il suo in seguito stra-abusato cinematograficamente “racconto di natale”.
      Non e sempre stato cosi.
      Nell’ “ancien-regime”, nella societa feudalizzata pre-capitalista , c’erano individui che viveno quasi esclusivamente grazie alle relazioni sociali e ne facevano un’ arte ( si pensi a Giacomino Casanova ) . Questo modo di vivere e lo oggi lo consideriamo con un certo disprezzo, conosco qualche individuo che ci campa sopra anche oggi, gente che nei nostri parametri della produttivita sociale non fa un cazzo ma riesce a vivere sulle spalle degli altri.
      Tutto questo per dire che forse dove ha investito peggio o ha avuto sfiga il suo amico non e tanto nei negozi di abbigliamento ma nella scelta delle donne e degli amici e nella relazione con la sua famiglia.
      Non mi si fraintenda, non voglio giudicarlo o puntagli dita contro….anzi…
      oltretutto manco lo conosco e anche conoscessi nei minimi particolari la sua storia non mi permetterei mai di farlo: ne ho solo approfittato per fare una piccola riflessione “sociale”.
      Auguro al suo amico di “dar volta para cima” presto:
      Dalle mie parti comunque le possibilita di lavoro ci sono…..quello che mancano sono quelle di guadagno :))
      il Portogallo odierno ti offre di farti il culo e in cambio “sopravvivere” , credo ci siano posti migliori dove andare. :-(
      I soldi poco a poco rimangono sempre piu nelle stesse mani, in un paese piccolo e tutto sommato poco complesso come questo e piu facile vederlo che altrove forse.
      Si scivola verso un nuovo periodo “feudal-post-industriale” ?
      Non lo so,
      ma in caso e una ragione in piu per riprendere il vecchio cammino del valorizzare i nostri rapporti umani e sociali anche come nostro “punto di forza” , indipendentemente dall’ uso che vogliamo farne : dai parassiti leccaculo dei potenti; conforto umano nella miseria ( poveri ma belli ) o per preparare una qualche rivoluzione…ad libitum

         3 Mi Piace


      • Matt
      • Matt

      • 1 settembre 2014 at 11:32

      Epicuro come al solito dimostri la tua generosità e la tua umanità, che si vedono anche attraverso il filtro di internet, credimi.
      Casi come il tuo amico saranno sempre piu’ frequenti purtroppo, visto che stiamo globalizzando economie, culture, fortune e miserie. Ed è nella natura delle nostre relazioni sociali che ne consegua un isolamento, una stigmatizzazione. Forse perchè si chiamano appunto relazioni “sociali”, sono basate su fondamenta diverse dalla vera amicizia e dall’amore.
      Quello che trovo piu’ strano nella storia del tuo amico è invece il comportamento dei suoi famigliari, sopratutto della mamma: è quasi contro natura!

         2 Mi Piace


      • Zest
      • Zest

      • 1 settembre 2014 at 13:12

      Caro @Epicuro, e sempre stato cosi’ che al momento del bisogno gli amic e famigliari si volatizzano almeno nella maggiorparte dei casi perche’ le eccezzioni esistono sempre. Che dire, solo la forza di volonta’ fa si che le persone riescono a sollevarsi, basta rimanere un poco positivi e non buttarsi giu’ d’animo, dura a farsi che a dirsi, ma in questi casi non ci sono troppe via d’uscita se non contare sulle proprie forze se nessuno ti da una mano. Ci sono passato anch’io anni fa’ ed ho ricevuto solo calci in culo, non mi sono mai buttato giu’, pero’ devo dire che anche la fortuna non guasta mai se sai coglierla al momento giusto. Un abbraccio zio ;-)

         0 Mi Piace



    • Gràzie à tutti compari per i vostri consigli, il senso del testo è proprio questo càro @CCSP, che là ruotà gira, dàvvero incomprensibile l’atteggiamento di sua màdre che ricordo come donnà per bene.
      @màgic mirror, un’àltrà storià triste, con finàle orribile, il tuo àmico si è trovàto spàesàto, in unà situàzione più grànde di lui, pàce àll’ànimà suà, là disagràzià in troppo giovàne età e gli infàmi (soprattutto le infàmi) gli hànno giocàto un brutto scherzo.
      @àtileong, lui hà i suoi torti, il gruzzolo dà pàrte lo àvevà, mà non si è reso conto che là donnà sperperàvà tutto, si sà che quàndo siàmo innàmoràti diventiàmo coglioni, per fortunà il piccolo hà unà màmmà benestànte, quindi unà preoccupàzione di meno. Tànti dàl Portogàllo sono venuti in Fràncià per fàre fortunà, sopràttutto nell’edilizià, spero che sià proprio questo portoghese à dàrgli unà màno.
      Gràzie per le belle pàrole càro @Màtt, sono sicuro che ànche tu àvresti àiutàto un àmico in difficoltà, dàvvero àssurdo l’àtteggiàmento dei fàmiliàri.
      E’ proprio vero @zest, ne pàrlàvi tu sullàltro topic, che spesso siàmo delusi dàlle persone che credevàmo più vicine, sono sicuro che lui risàlirà là chinà, ed àllorà sàrà lui à sfànculàre tutti i codàrdi che gli hànno chiuso là portà in fàccià, come dici tu è il momento di càcciàre i coglioni, di ricàcciàrli nel càso suo, e di cogliere àl volo quàlsiàsi opportunità. Io dico sempre che se non àbbiàmo màlàttie fisiche possiàmo sempre uscire dàllà merdà, nel suo càso è là sàlute mentàle àd essere intàccàtà, un po’ d’àrià esterà puo’ solo giovàre.
      Un àbbràccio ànche à te compàre.

         0 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 1 settembre 2014 at 20:37

      Purtroppo, solo chi vive sulla propria pelle queste situazioni,dove la Dignità di Uomo viene messa a dura prova, sa in che razza di Inferno e’ capitato!
      Massimo rispetto per questa persona,che come tantissime altre vive un vero e proprio incubo!
      Esperienza simile avuta anch’io in un lontano passato. E so che a poco servono auguri, belle parole e pacche sulle spalle! Solo la determinazione in questi casi può portare a dei risultati e se ci si riesce, saremmo grati a Noi è solo Noi stessi!
      Detesto la retorica e le parole di circostanza che si innescano in queste occasioni.
      Solo un grande & sincero IN BOCCA AL LUPO!

         0 Mi Piace


      • Stenka
      • Stenka

      • 2 settembre 2014 at 8:11

      Caro @epicuro. Innanzitutto complimenti di cuore per la tua “Generosità”. Cosa, oggi, non da tutti. Conosco la natura della storia che hai raccontato per averla sperimentata con un amico simile a quello di MagicMirror. Ricco, sposa una moglie ricca, si separa ed incomincia, tra un bagordo e l’altro, una serie di iniziative una peggio dell’altra tanto da ritrovarsi poi sul lastrico. Chiaramente tutti gli “Amici” non lo riconoscono più e deve affidarsi agli unici due rimasti: io e Giulio. Lo aiutiamo in tutti i modi, anche economicamente, pur sapendo che quel denaro non lo si sarebbe più rivisto. Ma, si è amici e si chiudono gli occhi…. Quando pare sulla buona strada lo trovano fulminato, chino sul volante della macchina, in un parcheggio di un’autostrada tedesca. Abbiamo persino pagato noi il funerale perchè ai parenti non gliene fregava più un cazzo. Così va il mondo caro amico.Mi auguro solo che questi gesti di amicizia abbiano un riscontro, che non deve essere sicuramente un riscontro economico. Un grande in bocca al lupo al tuo amico!

         0 Mi Piace



    • Gàrzie ànche à voi stimàtissimi @dràgodoro e @Stenkà, non è quindi insolito che Dio fà là neve poi là scioglie ed escono le merde. Le belle pàrole hànno invece unà loro importànzà se dettàte àl cuore e dà ànimi generosi ;-)

         1 Mi Piace


      • blackfox
      • blackfox

      • 4 settembre 2014 at 16:01

      Situazione difficile ma è proprio in queste situazioni che “fai pulizia” nella tua vita.
      Qualche anno fa rientrai da una esperienza in Thai economicamente disastrato, con debiti presso banche italiane, vivendo da mia madre e senza un lavoro… feci di tutto, di giorno andavo a fare il carpentiere in un porcile e la notte a scaricare camion… la maggiorparte degli pseudo-amici ovviamente si era dileguata ed ero rimasto solo, con mia madre, mia moglie (all’epoca fidanzata) ed uno sparuto drappello di pazzi che mi era rimasto vicino. Ecco, quei pochi che mi sono rimasti vicini all’epoca sono oggi i miei amici… oggi mi gira bene, sono dirigente in una grande multinazionale e guadagno un cacaio di soldi, ai miei AMICI offro vacanze, regalo migliaia di euro quando si sposano, compro valigie di vestiti ai loro figli… non per farmi vanto di quanto ho ora, ma per ringraziarli di essermi stati vicini quand’ho avuto bisogno di loro… di avermi aiutato, anche economicamente… di essere stati amici sinceri.
      La mia situazione era sicuramente più semplice di quella del tuo amico, io non sono ne caduto dalle stelle alle stalle, ne avevo un figlio a cui dimostrare chi è suo padre… però non potrò mai dimenticare chi mi è venuto a prendere una domenica solo per portarmi a mangiare in una sagra sapendo che non avrei mai potuto permettermi di pagarmi il pranzo!
      Hai fatto qualcosa di speciale per questa persona, non smettere di dargli messaggi di speranza..
      Complimenti Compare! E’ un piacere navigare sapendo di avere a bordo belle persone come te! :clap

         2 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 5 settembre 2014 at 0:33

      Bravissimo @epicuro, per l’immenso bene che gli stai facendo (e non parlo certo del lato materiale di averlo invitato in vacanza).
      Che dire, anche a me é capitato di aver subito dei rovesci dalla vita e aver visto come quasi tutti mi davano le spalle, anche e specialmente coloro che avevo sempre aiutato generosamente.
      Tutta la mia solidarietá al tuo amico e a te per essere una Buona Persona.
      Mi unisco al sempre interessante e pertinente Senhor Doutor @AtiLeong nella sua disamina dello stato delle relazioni personali che ci tocca vivere in questi tempi.
      Auguroni e il massimo RISPETTO per il tuo amico e vedrai che ce la fará a risalire la china.
      “Non importa quante volte si cade, ma quante volte ci si rialza e si continua a lottare”
      @tutti, : leggendo i commenti di @Matt, @magic_mirror, @dragodoro, @blackfox ,@Zest ,@Stenka,@dionisio ,@aurelius ecc. non posso evitare di essere orgoglioso di Voi e onoratissimo di essere vostro amico.
      Un abbraccio a tutti e in culo alla balena al tuo amico.

         2 Mi Piace



    • :dreaming :dreaming :dreaming

         0 Mi Piace



    • Il tuo bellissimo commento accende un bàrlume di sperànzà compàre @blackfox, onoratissimo di essere un tuo àmico e di nàvigàre con te :youdaman e col nostro @luporosso, sempre con là pàrolà giustà àl momento giusto. E’ vero che àttràverso lo scritto di ognuno di noi ci siàmo fàtti unideà precisà dei nostri càràtteri, come sottolineàvàmo con @Matt :youdaman

         0 Mi Piace



    Post a Comment!