• Quando ero piccolo io invece il mio papà costruiva modelli di velieri…di quelli fatti bene, con tutti i dettagli ed i cannoni in ottone e le cime e tutto il resto.
      Io li vedevo enormi e meravigliosi e li guardavo con ammirazione, e pensavo che da grande avrei solcato i sette mari su una nave come quella.
      I primi miei quaderni delle elementari invece sono pieni di disegni di stanze sotterranee in stile segrete del castello infestato, con tanto di cape di morto :skull e pantegane… :dreaming …insomma, a buon intenditor poche parole. :-)
      Non si fa altro che diventare sè stessi a quanto pare.
      :ar

         5 Mi Piace


      • DrMichaelFlorentine
      • DrMichaelFlorentine

      • 26 luglio 2014 at 11:06

      I versetti della luna sono meravigliosi Fratello, traspirano davvero un grande amore paterno ed una complicità che tutti dovrebbero avere la fortuna di sperimentare.
      La storia dei velieri me la ricordo, ne avevi già parlato, delle stanze sotteranee invece no :skull
      Sui velieri se ti ricordi ti ci feci anche un commento ;-)
      Siamo anche quello da cui veniamo in effetti, non dobbiamo mai dimenticarlo.
      Io ad esempio mi ricordo che a volte già alle superiori mi sentivo ingabbiato, magari il giorno dopo avevo un compito in classe e me la facevo sotto, la sera prima sfogliavo un atlante, vedevo immagini di paesaggi esotici, costumi, gente, sentivo profumo di libertà, mi dicevo : “prendi il compito in classe con la dovuta superficialità, la vita non è certo questa”, anche se poi mi toccava rassegnarmi ed affrontare le regole del giorno dopo.
      Una pentola che iniziava a bollire con il coperchio sopra.
      Stessa cosa per quelle donne bellissime che vedevo nelle pagine patinate delle riviste di moda che mi giravano per casa e che poi non riuscivo a vedere per strada qui da noi :-( La pentola continuava a bollire.
      Anche tutta questa passione che a volte ho lasciato trapelare per le cose della War II viene dall’infanzia, tante gite domenicali tra famiglie in posti intorno a Firenze dove poi con altri ragazzini come te ti avventuravi nei boschi alla ricerca di reperti, bossoli, scheggie, cose così.
      L’amore paterno me lo ricordo bene, quello si davvero, ci ho anche scritto un pezzo sopra, mi ha dato davvero tanto ed ha contribuito in modo determinante a quelle cose che di buono sono riuscito a fare.

         4 Mi Piace



    • PS/ Queste righe intitolate La Bambina e la Luna provengono da un commento in cui mi sono imbattuto per caso mentre andavo alla deriva nei meandri dell’internetS. Mi colpirono molto e per questo salvai una screen capture. Oggi ho pensato che valesse la pena condividerle. :dreaming

         2 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 26 luglio 2014 at 16:36

      @LittleTruths e hai fatto bene!

         1 Mi Piace


      • DrMichaelFlorentine
      • DrMichaelFlorentine

      • 26 luglio 2014 at 20:28

      BraVo Little hai colto davvero qualcosa di speciale sull’InterentS, hai fatto bene a condividerlo, non hai un’idea delle cose che mi ha riportato alla mente.

      P.s. a proposito dei ragazzini che cercano i reperti :)) , tanto per fare capire come tutto il MonTo è Paese, napoletani, fiorentini, sopraTTutto ItaGliani, avevo ed ho tuttora un altro grande Amico, avvantaggiato nelle ricerche War II, il padre aveva una ditta di movimenti terra, nemmeno immaginate la roba che salta fuori qui quanTo scavi, ne trovò due, me ne regalò uno, davvero un granTe Amico, un elemetto teTesco originale war II, l’ho tenuto per anni come una reliquia in camera mia, poi sono anTaTo a vivere da solo, prima casa, monolocale, non avevo posto, l’ho lasciato in camerina mia dai miei, dopo un pò mi sono accorto che era sparito !? Mamma : “dove cazzo è finito l’elmetto teTesco ?” Lei : “Oh ! con questi morti in casa mi hai stufato, io in casa mia non li voglio !”
      A quei tempi non avevo ancora il piacere di conoscere @CCSP , altrimenti sicuramente lo avrei pensato, le Mamme sono Mamme, sempre le stesse in tutto in MonTo :))

         3 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 26 luglio 2014 at 20:54

      @DrMichaelFlorentine ti ringrazio, anche se a dire il vero sono passato da CapaDiMorto a Merdina, dato che inizialmente non ho voluto punire il Capitano, ma quando alle loro insistenze l’ ho fatto è successo quello che è successo…..ma vabbè, CapaDiMorto uno di noi sempre e comunque! :skull Tornerà presto a colpire….
      Il pezzo è bello e anche tanto…..se mai dovessi essere Padre, spero di essere uno che semina questo tipo di ricordi….

         3 Mi Piace


      • dionisio
      • dionisio

      • 26 luglio 2014 at 21:01

      A volte mi fermo a riflettere su alcuni pensieri ed il criceto in testa sale sulla ruota e comincia a correre……
      Uno delle mie divagaZzzioni mi porto’ a riflettere sulla felicita’ ….
      Osservando la gente sono arrivato ad un unica conclusione…….che e’quella che la vera felicitA’ si prova solo quando si e’ bambini …..infatti l’innocenza e la tranquillita’di quegli anni sono il vero motore della felicita’ di quella vera …quella pura.
      Un bimbo gioca a pallone con il padre …lo vede come un’eroe ed e’felice come solo un puro potrebbe esserlo …. un palloncino in regalo………gli hai regalato tutto l’oro del mondo….
      Alla ns. eta’per raggiungere quel grado di contentezza dovremmo vincere un milione di euro …esentasse…
      Cmq. il mio pensiero si racchiude in questa frase : La societa’ci vuole buoni e per bene……ma l’uomo per essere felice deve essere libero …..e difficilmente la liberta’si ottiene con la bonta’e le opere di bene…

      Capita’ bella la parte delle caverne e dei cunicoli ……… hai l’anima pirata fin da bambino ………….
      Io disegnavo cieli …e mari tropicali ….dando colori ai tramonti e sognando ad occhi aperti terre lontane…..ero piu’simile al dottore da Florentia ……resa scolastica compresa … :-)) :-))

         3 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 26 luglio 2014 at 22:06

      Bello. immagine semplice, ma eterna. Un bel sogno, realta’ per molti. Io purtroppo non ho potuto condividere molto con mio figlio, ma spero in un futuro. Anche se cio’ che passa e’ perso. Ricordo invece con piacere molte cose dette e fatte con mio padre, anche se con impostazioni di un tempo, c’erano alcuni limiti, sia di dialogo che di tempo trascorso insieme. Contrasti di carattere crescendo…Ma molte cose su Arte, Storia, Interessi, Libri, visioni disincantate ed ironiche sulla gente e sulla vita, le devo sicuramente a lui, et alla famiglia tutta, ovvio.
      Come contrappasso, come poso cerco di mettere una scala e far vedere la Luna ai bimbi degl’altri, ai figli d’amici. Ai bimbi che incontro e che guardano, chiedono. E ci trovo, cerco di trovarci, lo sgurado del mio.

         3 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 26 luglio 2014 at 22:07

      Bellissimo il pezzo :dreaming grazie per averlo condiviso @LittleTruths (complimenti per l’avatar & nick :dreaming ) .
      Anch’io ricordo vagamente la storia dei velieri… ma forse mi confondo, se c’è un link mi farebbe piacere rispolverare…
      Mio papà nel tempo libero scolpiva il legno, adesso non se la passa molto bene e ha abbandonato tutto.
      Costruiva mobili, specchi, cornici, tavolini, tutti pezzi unici.
      Ogni settimana andava a comprare un legno, una tavola uno capitello, un piede, ornamenti di vario tipo da antiquari, mercatini e durante il w.e. si rinchiudeva in cantina nel suo mondo fatto di trapani, chiodi, pitture, acquaragia, seghe.. madonna quelle seghe erano terrificanti… e si metteva a lavorare proprio come Mastro Geppetto, occhialino tattico, lampada, scartoffie varie e tutto era confinato ad un passatempo… nato dalle sue passioni e dalla sua creatività. Non voleva che nessuno lo disturbasse quando “trafficava” , eppure io ogni tanto andavo a rompere le balle, ero incuriosita e sopratutto volevo rendermi utile. Un pomeriggio andai in cantina e vidi appeso al muro un progetto che raffigurava qualcosa di maestoso, pieno di archi, scaffali, una ribalta, qualche cassetto, degli intarsi legno nel legno, una cosa pazzesca che avevo visto solo nei musei. Papà è bravissimo anche a disegnare e dipingere. Quello, era un disegno magnifico. Entrai e lui si arrabbiò. Ogni volta che lavorava a qualche “opera” era un segreto di stato. Voleva che gli altri vedessero solo il pezzo finito, per lasciarci tutti a bocca aperta e poi prendersi i complimenti. Quando mi sentì arrivare, staccò subito il progetto dal muro e mi pregò di uscire. “Papà ma è bellissimo, dimmi di che si tratta..” – “Forza su, questo non è posto per una bambina, è pieno di polvere e di schegge, puoi farti male” – “dai papà, ti voglio aiutare! voglio imparare! ti prego!” Così, prese una sediolina sgangherata, la ricoprì di giornali per non farmi sporcare e mi diede un pezzetto di legno da limare con la carta vetro e poi attaccò a parlare … “Se avessi avuto un figliolo maschio, mi avrebbe aiutato lui a finire prima” – ” ma papà posso aiutarti io.. che problema c’è? ” – “c’è che non sono lavori per fanciulle questi” e io gli risposi arrabbiata che anche le bambine possono fare lavori da maschi e che anche le bambine possono essere forti e indipendenti e che non ci sono poi così tante differenze.. e lui di tutta risposta mi abbracciò e mi disse che io avevo la stoffa di maschietto e che potevo restare in cantina ad aiutarlo, sarebbe stato il nostro segreto. Stavamo costruendo una bibilioteca. Quando 6 anni dopo, la mettemmo in piedi in casa, la firmammo sul retro (correva l’anno 1997), papà era commosso e un pò anch’io. Mi abbracciò e mi disse: “nemmeno un figliolo mi avrebbe aiutato tanto..”
      E fu in quel momento, che mi guadagnai il mio primo pisello ad honorem :dreaming

         4 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 26 luglio 2014 at 22:22

      @aurelius non sapevo avessi un figlio.. e non ho potuto fare a meno di soffermarmi sulle tue parole:
      “Come contrappasso, come poso cerco di mettere una scala e far vedere la Luna ai bimbi degl’altri, ai figli d’amici. Ai bimbi che incontro e che guardano, chiedono. E ci trovo, cerco di trovarci, lo sgurado del mio.”

         1 Mi Piace



    • @CCSP puoi tornare alla Capa di Morto…sono magnanimo io, e poi anche Mammina ha detto che oramai ci si è affezionata… :dreaming :doubleup :bz

         1 Mi Piace



    • PS/ CaVa @whitestyle credo che il riferimento fosse sul forum, quindi è praticamente perduto tra le sabbie mobili.
      :skull

         1 Mi Piace


      • DrMichaelFlorentine
      • DrMichaelFlorentine

      • 27 luglio 2014 at 2:00

      Ehm ! @dioniso guraTa che come resa scolastica sono sempre stato un Tiger I , come ha fatto notare Little sulla Mockba, parlando di carri armati elogiavo i miei simili, non che questo alla fine faccia la felicità delle cose, ovvio, piuttosto il contrario :-(
      Cmq Ssiori e SSiore, qui siamo su P.V., bisogna dire la verità, come Benigni dai Carabinieri, Venghino e Venghino che stasera si fa avanguardia e si sbanca pure l’Internetto, ho un granTe segreto, sono anni, non ce la faccio più, ormai è tutto prescritto, in sede civile e penale, il mio granTe Amico sicuramte non me ne vorrà, non che poi alla fine abbiamo fatto qualcosa di male a nessuno.
      Si ritorna al c’era una volta le storie da ragazzini che cercavano reperti War II, all’infanzia o quasi, o meglio eravamo già granTicelli, 15 anni, mi chiama il granTe Amico (quello con il padre nei movimenti terra), non c’erano telefoni cellulari, solo telefoni di casa : “Corri da me che ti faccio veTere una cosa spettacolare”, poi chiude, caZZo a 15 anni non è che uscissi tuttte le sere, era pure inverno e una roba tipo mercoledì, ho capito che era un’emergenza, mi invento una storia assurda con i miei, esco, notte, Piaggio Ciao, marmitta espansione Polini, puleggia variatore ridotta, giglè carburatore maggiorato, 60 km/h, una roba che paragonata agli scooter 50 di oggi senza fermi fa sorridere ma che allora era davvero tanta roba, mi precipito da lui.
      Arrivo nella sua casa un pò fuori dalla città, quasi in campagna, nel silenzio della notte mentre tutti dormivano, tira fuori un sacchetto di plastica, la promessa di effetti stupefacenti non era certo vana, dentro c’era un MP40 teTesco originale, conosciuto anche come Schmeisser, trovato il giorno stesso durante il dragaggio del torrente Mugnone, non roba abbandonata dal ’44/’45, roba gettata all’ultimo momento da qualcuno che per qualche motivo se ne voleva disfare, arma perfettamente ingrassata, scarrellava che era un piacere, c’era ancora il cinturino in cuoio per mettere l’arma in spalla, due caricatori da 32 e relativi proiettili, caZZo, un flash, ricordo ancora che dove si innestava il caricatore sopra c’era pure l’aquila con la svastica, roba davvero originale e che si sarebbe pure potuta vendere molto bene.
      Fatto sta, da due 15 enni teste di cazzo, iniziamo ad inserire i proiettili in un caricatore, c’era una molla, andavano giù che era un piacere, riempito il caricatore lo inseriamo, tac.., entra, scarreliamo con la levetta laterale, come nei films di guerra, il primo proiettile entra in canna, l’arma è pronta ed armata, io ancora più testa di cazzo di lui gli dico : “tiriamo una raffica !” lui : “ma che sei matto, questa è roba che si riconosce e si sente da chilometri !”
      Scarrelliamo per fare uscire il proiettile in canna, estraiamo il caricatore e lo svuotiamo :-(
      E’ stata una serata che non dimenticherò mai, di quelle che vanno ben oltre lo Zoo di Berlino di David Bowie, due 15 enni con un’arma da guerra in mano, ma roba davvero da matti.
      Il giorno dopo l’arma da guerra non esisteva più, suo padre, pace alla buona anima sua, con la diligenza del buon padre di famigia l’ha tagliata con il cannello della fiamma ossidrica in più parti, con buona pace e rammarico di tutti i collezionisti e nostalgichi che leggono, sarebbe stata troppo una rottura di coglioni ed una perdita di tempo per l’operaio addetto alla draga denunciarne il ritrovamento, fatale destino ha consentito che noi due 15 enni appassionati di War II in un mercoledì notte di inverno siamo riusciti a tenerla in mano senza rendere il destino tanto fatale.

         2 Mi Piace



    • :dreaming eT ecco che vengono fuori gli scheletri del @DrMichaelFlorentine :skull
      :dreaming solo l’MP-40 ci mancava per metterti definitivamente nel mirino dei serviZZi seCreti… :timeout …sopo aver letto questa tua confessione mi sa che quelli stanno già di cammino verso casa tua per venire ad acciuffarti, brutto guerrafondaio che non sei altro… :dontsee
      Fossi in te a quest’ora starei già saltando dalla finestra per darmela a gambe, altro che!
      Corri Mihele, coooorrrriiiii!!!!!!!!!!
      :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl
      Scherzi a parte, certo che hai avuto un gran bel culo a trovarti tra le mani un gioiellino del genere ed in condiZZioni da quel che mi è dato capire da museo… :dreaming :dreaming :dreaming
      Chissà…se era davvero così ben tenuto magari anche le munizioni potevano essere ancora vive…e sebbene sarebbe stata una figata sventagliare un caricatore è con molta probabilità un bene che non lo abbiate fatto perché dio solo sa dove poteva andarsi a puntare quel coso per via del rinculo tra le mani di un ragazzino se diversi colpi erano sparati in rapida successione.
      Grande Storia comunque! :dreaming
      http://www.youtube.com/watch?v=BacM0JpDw28

         1 Mi Piace


      • DrMichaelFlorentine
      • DrMichaelFlorentine

      • 27 luglio 2014 at 3:05

      Inatti CaVo Little, gran bella storia :dreaming , quando vedo l’MP40 nelle teche mi viene da sorridere a pensare di averlo tenuto in mano :dreaming
      Si, era davvero perfetto, probabilmente un collezionista che se era sbarazzato per una soffiata o robe così, secondo me sparava e come se sparava, comunque è stato meglio non saperlo, fortunatamente l’altro pur sempre testa di cazzo da rubare il sacchetto di plastica di nascosto nella notte è stato meno testa di cazzo di me nel volero provare.
      Hai detto bene, anche se funzionava sai dove cazzo sventagliava nelle mani di un ragazzetto, roba da rabbrividire solo a pensarci ora :skull
      Comunque quanTo poi l’arma è stata tagliata qualche proiettile siamo riusciti a tenercelo, io due, nel bomber invece di quelli di plastica che metteva la casa ne avevo due veri dell’MP40, roba da seghe ;-)

         0 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 27 luglio 2014 at 7:52

      Eehhh si CaVa Sig.na @whitestyle …sono un Pater familiae. O comunque lo sono stato, forse lo saro’ ancora. Bah, quien sabe !!! :-/ :-] :Boh
      E comunque, l’importante e’ di non smettere mai di piantare scale nei prati per provare a toccare la Luna. Anche per noi. :-)

         1 Mi Piace


      • Matt
      • Matt

      • 27 luglio 2014 at 15:06

      Cera un tipo che viveva in un abbaino, per avere il cielo sempre vicino…

      http://www.youtube.com/watch?v=jgaEOzGWg8Y

         1 Mi Piace


      • AtiLeong
      • AtiLeong

      • 27 luglio 2014 at 16:09

      B-) :dreaming :dreaming :dreaming :dreaming
      Vorrei sapere come fa il Capitano a trovare sempre immagini cosí belle e magari molto adeguate a commentare i 3D che ci propone. :dreaming
      Ci ho l’ invidia, ci ho.
      Quando ero un bimbo disegnavo soprattutto battaglie campali e assedi a cittá. Catapulte e guerrieri in armatura.
      Legioni romane contro orde barbariche. Storia bellica ma un po piú vecchia di quella che piace al caro @DrMichaelFlorentine che, non mi par d’averlo scritto, mi ha sorpreso non poco col raccontare che é andato fino al deserto libico per visitare El Alamein.
      E anch’io sono comunque ancora preso delle mie passioni infantili:
      un paio d’anni fa, ero a Siena, ho fatto questione di visitare i luoghi della battaglia di Montaperti e vedere l’ Arbia ( il cazzo di fiumiciattolo che rimase “colorato in rosso ” a detta dell Alighieri )

         3 Mi Piace



    • CaVo Signor @AtiLeong l’è presto detto come faccio; ogni volta che vedo per caso un’immagine interessante la salvo in un archivio creato ad hoc dove conservo migliaia e migliaia di immagini di tutti i tipi.
      All’occorrenza poi me le vado a guardare e scelgo quelle che ritengo adatte all’occasione. :-)

         0 Mi Piace


      • DrMichaelFlorentine
      • DrMichaelFlorentine

      • 27 luglio 2014 at 20:21

      Sig. @AtiLeong con la sua escurZione nei luoghi della battaglia di Montaperti sono davvero convinto che abbia capito il senso del mio viaggio ad El Alamein (cmq i luoghi degli scontri sono in Egitto, a pochi km da Alessandria, ce l’avevano quasi fatta, se conquistavano Alessandria avrebbero tagliato fuori tutti i rifornimenti del Commonwealth), tengo a precisare che la mia passione per queste cose è stata genuina come la Sua, non sono certo un Nazi psicopatico, forse più il contrario, è stata una passione autentica, perfino molto tecnica e strategica.

         0 Mi Piace


      • DrMichaelFlorentine
      • DrMichaelFlorentine

      • 27 luglio 2014 at 20:21

      Cmq Little con questa storia della Bambina e della Luna, ha messo in moto cose che nemmeno più mi ricordavo, è tutto il giorno che me ne viene a mente un’altra, forse vale la pena di condividerla anche per cambiare discorso e ritornare più in topic.
      A 16 anni avevo la prima patente A e la vespa PX125E, un sogno, davvero l’indipendenza, ci potevi anche fare i weekend al mare (anche se in realtà ci ero già anTato con il Ciao, altra avventura pure quella), questa vespa la tenevo in un garage di questo granTe Amico che aveva in città vicino a casa dei miei, dentro c’era anche la roulotte dei genitori, parcheggiata lì tutto l’inverno, abbiamo rubato le chiavi e fatto una copia, è stata la nostra prima casa, il primo vero monolocale, avevo una fidanZatina di un anno più giovane (buffo anche come cambia questo spread nel corso degli anni, ci si potrebbe scrivere un trattato), una morettina con gli occhi celesti che ricordo ancora, non era la prima esperienza, la prima esperienza vera (non le solite pomiciate e petting che facevo già dai 13 insomma) era stata forzata, l’avevo proprio cercata, ne avevo 15 e sono anTato con una tipa di 18, anche troppo presto penso oggi, avrei potuto vivere quella cosa con più sentimento e sarebbe sicuramente stato più bello, insomma, con questa fidanZatina e questa roulotte è stato uno spettacolo, quasi un’esperienza di convivenza, il weekend si faceva la spesa, wafers al cioccolato, merendine, patatine, bibite (le solite cazzate che si mangiano a quell’età quanTo non c’è la Mamma a supervisionare) e poi ci si chiudeva lì dentro a giornate intere.
      Una volta sono pure scappato di casa e ci ho vissuto dentro per 5 giorni, tanto nel garage c’era anche un bagno, mia Madre non è mai riuscita a scoprire dove fossi finito, aveva chiamato disperata tutte le Mamme dei miei Amici, povera donna.
      Perché questi ricordi ? Che c’entrano con la Bambina e la Luna ? C’entrano e come se ci entrano !
      Si ritorna all’Amore Paterno ed alla sua complicità, la complicità è servita a farmi fare tanti passi ed a lasciarmi libero di sbagliare quel tanto che serve per capire come girano le cose, la prima vespa 125 con le marce che ho guidato è stato a 10 anni penso (mio Padre ci teneva ad insegnarmi queste cose) il primo motorino 50 l’ho guidato a 8 anni, la prima auto a 16 (tutte stradine private ovviamente), per me è stata la Luna, come per la Bambina, ed a volte a queste cose ci ripenso davvero anche oggi, i primi calci nel culo li ho presi anche prima degli 8 anni, il Babbo sapeva anche essere duro quanTo era il momento, altrimenti sarei potuto anche diventare qualcosa di ben diverso.
      In ogni caso gli ho dato davvero tanti pensieri, a volte ci ho pensato a questa cosa, quasi sicuramente non la farò mai, in ogni caso sicuramente meglio una bambina, mia sorella è stata molto più tranquilla e facile da gestire ;-)

         2 Mi Piace



    • :dreaming Eh beh CaVo Fratello @DrMichaelFlorentine …non stiamo mica a pettinare le bambole quì su Piccole Verità (vabbé, eccezion fatta per la Zietta DeeGay)…
      E’ incredibile vedere come la semplicità di poche parole possa smuovere certe montagne di ricordi e sensazioni per andare a scavare là dove oramai nessun pensiero o riflessione aveva più messo piede per chissà quanti anni…
      :dreaming

         2 Mi Piace


      • DrMichaelFlorentine
      • DrMichaelFlorentine

      • 27 luglio 2014 at 22:49

      Eh Beh CaVo Fratello :dreaming davvero non stiamo a pettinare le bambole su P.V. :dreaming
      P.s. sulla poppa del PX ci avevo pure montato la scritta PX150E per sembrare un 18 enne (come cambiano i tempi, poi mi sono ritrovato a fare al contrario) e per poter anTare in autostrada senza destare sopetti, modalità stealth ™ appunto, pensa te nel mio piccolo anche io che delinquente che ero :dreaming
      Sul PX ci ho pure scopato sopra :dreaming

         1 Mi Piace



    • :)) :)) :))
      :dreaming

         1 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 28 luglio 2014 at 2:52

      io ai miei bambini (sono ancora piccoli, 5 e 7 anni ), da quando sono in grado di parlare, tutte le sere racconto una storia diversa, e ultimamente sono loro a scegliere i personaggi.Questa sera erano una tartaruga, una fragola, un chicco d’uva e quattro peperoni , Mamma, Papá e un peperoncino e una peperoncina.
      Direi che i genitori queste cose le facciamo per i bambini, certo, ma se vogliamo essere proprio onesti lo facciamo anche per l’immenso piacere che ci dá farli emozionare ed emozionarci con loro.
      Qualche sera fa, mia figlia mi ha detto, prima che cominciassi una storia, guardandomi da sotto in sú con i suoi occhioni blu/grigio,cosí tipici della Costa di Berbería:”Papá, guarda che io lo so che i capretti (protagonisti della storia di quella sera) non hanno la casa né il letto e non sanno andare in bicicletta, peró ti dó il permesso per continuare a raccontarcelo, perché queste non sono bugie”.

      Da un poema di Gibran khalil Gibran, sommo poeta libanese:
      “I vostri figli non sono i vostri figli.
      Sono i figli e le figlie della vita, desiderosa di sé stessa
      Loro vengono attraverso voi, ma non da voi.
      E anche se sono con voi, non vi appartengono.
      Potete dare alloggio ai loro corpi, ma non alle loro anime.
      Potete sforzarvi di essere come loro, ma non cercate di farli simili a voi.
      Voi siete gli archi dai quali i vostri figli vengono scoccati, quali frecce viventi.
      L’Arciere vede il bersaglio lungo la traiettoria dell’infinito,
      e Lui vi tende con la Sua potenza,
      sicché le Sue frecce vadano veloci e lontane.
      Lasciate che sia gioioso il vostro piegarvi nelle mani dell’Arciere;
      perché mentre Lui ama la freccia che vola, ama anche l’arco che é fermo.”
      (Traduzione del sottoscritto)

         5 Mi Piace



    • :dreaming :dreaming :dreaming

         0 Mi Piace


      • pelato
      • pelato

      • 31 luglio 2014 at 15:05


      • eggplant hunter

      • 31 luglio 2014 at 17:38

      pelato:
      per il @DrMichelFlorentine

      nella classifica delle pistole manca a mio modo di vedere la Heckler e Koch. Poi come fucile di precisione il Sako (finlandese) e il Mosin Nagant sono molto belli però preferisco i lanciagranate o RPG o Carl Gustav…
      il famas non mi entusiasma molto invece eppure viene usato da reparti d’elite, mentre il numero 7 austriaco ha avuto dei problemi riguardo a persone mancine e non destrorse. Comunque ci sono troppi tipi di arma, ad esempio come mitragliatrice leggera la uzi (israeliana) è la migliore secondo me. Invece se vogliamo parlare di carichi pesanti cito la Browning M2

         0 Mi Piace


      • onegold
      • onegold

      • 1 agosto 2014 at 9:14

      @luporosso

      bellissima citazione :dreaming

         0 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 3 agosto 2014 at 13:27

      grazie @onegold

         0 Mi Piace


      • pelato
      • pelato

      • 5 agosto 2014 at 18:10

      per la figura del padre e dell amore paterno qsta a mio parere è ancora piu bella :dreaming ps se vi esce una lacrimuccia non m incolpate :ar pps e non dite che è l effetto dell ammore :ar http://www.youtube.com/watch?v=-A-xV0e-eGg

         1 Mi Piace



    • …è l’effetto dell’ammmMMMmmmore @pelato :fulvit

         0 Mi Piace


      • pelato
      • pelato

      • 5 agosto 2014 at 19:10

      LittleTruths:
      …è l’effetto dell’ammmMMMmmmore @pelato

      che dici erca sto spot è un annetto che l ho scoperto,un annetto fa mica anammmmmmorato :bz :bz :bz

         0 Mi Piace



    • @pelato ed infatti anche lo scontrino che hai pubblicato é di tempo addietro, così come la storia che hai scritto ed il tuo innammmMMMMmmmmoramento che pur essendo ormai datato ancora dura et durerà in secula seculorum AMEN. :bz

         0 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 25 luglio 2016 at 17:18

      Tiro su questo bellissimo 3d che mi e` capitato di rileggere a distanza di due anni… :dreaming

         1 Mi Piace



    Post a Comment!