• Una maglietta rosso mare ( …come un osso di seppia)

    Quando camminavo in riva al mare da piccolo, trovavo le ossa di seppia. Adesso si trovano bambini morti, affogati. Ancora vestiti, con la loro magliettina rossa. Portati dall’ onda benevola di un cattivo mare fin sulla riva, quasi ad adagiarlo pietosamente in un ultimo atto di misericordioso decoro. Quello stesso decoro che ha avuto chi l’ha raccolto.

    Lo sguardo rivolto al mare, che forse un bambino venuto dal deserto non aveva mai visto; e forse non sapeva che poteva essere tanto crudele, quella distesa immensa d’acqua salata. Mai comunque piu’ crudele degl’uomini.

    No, non e’ bello, non e’ possibile raccogliere bimbi laddove ci dovrebbero essere solo ossa di seppia, alghe a ciuffi e gusci di ricci di mare. Magari qualche busta o bottiglia di plastica: ma bambini no.

    La natura degl’uomini e’ crudele, e la rabbia e la commozione, o lo sconforto od il cinismo vengono espressi davanti la conoscenza d’un fatto. Anche la morte piu’ assurda diventa tale solo se e’ notizia. Ci sono milioni di bimbi come Aylan nel mondo, e’ vero: ma da un fatto noto solamente si puo’ commentare la deriva, la bruttura che ci avvolge; la realta’ dei fatti.

    Non e’ questo il modo o il luogo per pensieri complicati, o analisi geopolitiche che noi uomini della strada forse non sappiamo neanche fare. Oltre alla preghiera pero’, ci possiamo permettere un commento, un’idea: un’opinione, magari. Una crisi globale taciuta, un esodo biblico ancor piu’ sottaciuto. Rendersene conto faceva piu’ paura che affrontarlo. Tanto aldila’ dell’oceano i gommoni non arrivano. E per arrivare nelle fredde, pulite e organizzate lande Nordeuropee ce ne vuole. Ormai non piu’, non e’ piu’ cosi. Chi ha seminato morte e distruzione in quei luoghi, chi ha gia’ ucciso con le bombe democratiche si comincia a render conto del disastro: che si aggiunge ai disastri giornalieri d’una vita, di continenti in declino. Causare il male e piangere se stessi non e’ pratica odierna: meglio far piangere gl’altri.

    Non e’ retorica, o facile buonismo; solo un’idea semplice. Certo e’ che molte volte io per primo ho smadonnato per i troppi migranti perditempo, per la munnezza che si fa’ a volte nelle nostre citta’. Per l’insicurezza di molte persone anziane, per i mafiosi che ci mangiano e ci campano sopra compresi gl’imprenditori sfruttatori. E che appunto non ci sia un piano serio per risolvere una situazione forse troppo grande, o che forse fa’ comodo non risolvere, almeno ora.

    E non la risolveranno queste due parole. Ne’ un bambino che sembra dormire stanco sulla riva del mare: con la sua magliettina rossa. Cullato dalle onde, come un osso di seppia.

    Aylan servira’ solo a dare il via al circo osceno con nani, ballerine e clowns che contriti ostentano pieta’ e commiserazione; e ottusamente multano anche quei paesi che, nel marasma globale, magari facevano qualcosa, e le accolgono le persone. Additati magari anche come ” paesi maiali”…tanto sbarcano li, sti cazzi. E per giunta anche sbeffeggiati come debitori e palle al piede improduttive nello sfavillante mercato globale. Adesso gli statisti mondiali non sanno come uscirne, cosa fare. Alzare muri, rinchiuderli nelle stazioni; bombardarli ancora, di nuovo: pero’ solo le barche, da allegri chirurghi. O lasciarli preda di fanatici della loro stessa razza per ulteriori genocidi. O tremare impauriti nei loro piccoli, lindi, pacifici paesini coperti di candida neve, solamente aspettando sotto le coperte che tutto finisca; e possa tornare Santa Klaus, a portare luce e regali ai loro cari. E questo e’ giusto.

    Sara’ che sono un po’ sensibile alle storie di bambini, forse perche’ non ho potuto godere appieno del mio: ma immagino le urla straziate della madre, che diventeranno allucinanti singhiozzi; per tramutarsi poi in folli silenzi con le lame nel cuore. Come si sa’, un genitore non dovrebbe mai sopravvivere al figlio, non e’ natura, non e’ giusto.

    E sarebbe stato anche giusto che Aylan fosse riuscito ad attraversare quel mare, visto con felicita’, curiosita’ per la prima volta. Con gl’occhi rapiti ed incantati, sicuramente anche impauriti, d’un bimbo trascinato in una storia piu’ grande di lui, piu’ profonda di quelle piccole impronte lasciate sulla sabbia. E questo bambino, non potra’ piu’ camminare sul mare.

    Io gli dedico due parole, una carezza. E una ninna nanna antica. Come antico e’ il dolore nel mondo.

     


    Aurelius ha scritto anche:



      • aurelius
      • aurelius

      • 3 settembre 2015 at 12:31


      • dionisio
      • dionisio

      • 3 settembre 2015 at 14:04

      “Dio non ha pietà per coloro che non hanno pietà per gli altri”

         1 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 3 settembre 2015 at 18:01

      Erano le 0630 de stamattina,quanno mentre me bevevo er solito caffè indo avevo sempre magnato @aurelius che me vedevo la rassegna stampa con le due foto,quella de regazzino che hai postato te e quella der soldato col bambino in braccio.
      Alle 0730 sono andato in camera dove dormono i miei figli,li ho coperti mentre dormivano e gli ho detto:voi si che siete fortunati.Na carezza e me ne so andato a lavorà.Il mio pensiero quando si parla di bambini lo conoscete,sapete come la penso,quindi spero aurè che non ti offenderai se non scrivo più nulla su stò 3d che hai aperto,anzi,se mi posso permettere magari se la puoi togliere la foto forse è meglio,magari mettice quella de regazzini che giocheno felici,cosi sia io che tutti gli altri se lavamo la coscienza,si perché tanto fra qualche giorno ce ne saremo dimenticati e torneremo alla nostra vita normale e ci saremo dimenticato di questo bambino e di tutti quelli che sono morti chiusi nelle stive come topi.

         1 Mi Piace


      • dionisio
      • dionisio

      • 3 settembre 2015 at 20:08

      Io ho voluto scrivere una delle frasi di religione che più mi ha colpito nel mio viaggio su sto schifo di pianeta….
      Un pensiero alla mamma ,,,ed al papà ,,, perché il dolore di un essere umano resta uguale per tutti che tu sia bianco, nero, giallo o verde ,,, mussulmano, cristiano, taoista, buddista, o ateo….
      E per dirla tutta ,,,,,la frase citata è attribuita a Muhammad ,,,, per tutti Maometto ….

         1 Mi Piace


      • pietra_vivente

      • 4 settembre 2015 at 1:35

      Perdonatemi ma scrivo qui, non riesco a farlo altrove o aprire un topic a parte, volevo porvi questa riflessione che in un certo senso ha anche a che fare con ciò…
      Il primo problema dell’Italia sono gli italiani, più inclini al ruolo di sudditi che di cittadini, per attitudine morale ma prima ancora per deficit culturale. L’ignoranza è forza, per demagoghi e oligarchi: questo video ne è una minuscola spia. Queste sono le parole del giornalista.

      Non aggiungo niente, fate voi… Con questi livelli di ignoranza da parte mia dobbiamo considerarci fortunati se la situazione attuale è questa, perché potremmo stare veramente molto peggio.http://tv.ilfattoquotidiano.it/2015/08/23/le-parole-del-giornalismo-qual-e-la-piu-bizzarra-vox-e-sondaggio-di-piero-ricca/405569/?pl_id=44025&pl_type=category

      Assenza totale di conoscenza della costituzione, ma non c’è da sorprenderci il diritto nelle scuole italiane è un optional, nessun interesse per l’attualità e la storia e gli eventi di oggi, nessuna conoscenza su elementi finanziari, giuridici e cosi via.
      Se non si sradica l’ignoranza, avremo sempre gli stessi problemi… E qui mi permetto di aggiungere la paura del diverso, xenofobia e quant’altro.

         0 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 4 settembre 2015 at 6:29

      Compare Piranha, questa e’ una notizia; terribile e angosciante ma resta una notizia. E la foto, anche se ci ho pensato molto se metterla, e’ di dominio pubblico e serve a dare realta’ alla stessa. Cambiarla sarebbe come parlare dei cani mettendo gatti, o parlare della Roma e metterci la foto della Juve. Non servirebbe.
      Che poi resti una notizia e tra qualche giorno molti si saranno dimenticati si, e’ vero. O forse no, come dice @dionisio qualcuno che ricordera’ e avra’ pieta’ ci sara’ sempre. O chi non ha voglia di guardare o commentare o abbandonarsi all’indifferenza e’ libero di farlo.
      Io sti giorni sono un po’ preso da questi discorsi, e ho voluto solo fare un pensiero, riportare una notizia. Domani magari ricazzeggio sugli itaglioti, o su qualche troia scopata: sti giorni pensavo ad Aylan e tutte le situazioni annesse.
      @dionisio purtroppo anche la madre e l’altro figlio sono morti. E’ rimasto il padre a disperarsi solo in terra straniera; speriamo che il suo Dio abbia pieta’.
      @pietra_vivente questi sono discorsi diversi, ma comunque paralleli. Vedo proprio in questi giorni come l’ignoranza, la paura, la disorganizzazione regnino ovunque. Ora che anche mezza EU e’ protagonista di questa tragedia, ci sono stati ( Polonia, Rep.Ceca, Slovacchia, Ungheria, UK) che ostacolano i flussi, compiono azioni indegne, contrastano le decisioni della Commissione UE: la stessa a cui hanno aderito, e che li ha salvati piu’ volte dalla bancarotta o a cui hanno sempre chiesto soldi, compresi quelli Italiani. In Rep.Ceca per quei quattro poracci che si sono avventurati solo di passaggio per la Germania, e’ toccato il marchio a pennarello indelebile con numero sul braccio: come che 70 anni dalla guerra non avessero significato nulla. L’Ungheria alza muri, blocca frontiere, chiude stazioni con treni in transito internazionali, etc etc…Sono momenti tristi, ma da guardare con attenzione. Non tanto per noi, quanto per il prossimo futuro, e di chi lo vivra’.
      Io sono attento a queste cose perche’ mi interessa capire dove sto’ andando, ma capisco che a molti possono non interessare.
      O magari gli basta stare sotto la coperta, in attesa di Santa Klaus.
      Sono discorsi lunghi e forse noiosi, e magari non e’ questo il luogo.
      E tant’e’.

         1 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 4 settembre 2015 at 8:25

      Stavolta non sono d’accordo con te @piranha, sul fatto di mettere al posto di quella foto bambini felici & prati fioriti.
      Capisco perfettamente il tuo pensiero è il tuo stato d’animo di padre riguardo l’argomento è so che sei particolarmente sensibile a questo tipo di problematica in particolare.
      Ma come detto da aurelius questa è realtà, che possa procurare fastidi & disagi ai nostri fragili equilibri mettendoli in crisi ben venga!
      Ritinteggiare & colorare sepolcri non serve a niente, tanto li sotto rimane comunque il tanfo e l’umido della morte. Se, non aspettare come già detto, l’ennesimo Santa Klaus nel calduccio rassicurante dei nostri lettini.
      Sono d’accordo quando dici: “perché tanto fra qualche giorno ce ne saremo dimenticati e torneremo alla nostra vita normale e ci saremo dimenticato di questo bambino e di tutti quelli che sono morti chiusi nelle stive come topi.”
      Già,…la nostra “vita normale”. E’ vero! E’ questo il problema!…ci si fa’ l’abitudine! Ma è una Brutta abitudine!
      Ma vedi…e’ vero, la foto in questione è un pugno nello stomaco! Come lo sono immagini & filmati di un recente e tristo passato fatto di deportazioni, sopprusi & torture. E purtroppo non è la sola e ahimè non sarà l’ultima.
      Ma personalmente penso, credo, (spero) che, come per tutti gli orrori che impregnano questa Umanità questi cosiddetti “Pugni nello Stomaco” servano e lascino, negli strati profondi & latenti della coscienza collettiva una ferita aperta & sanguinolenta. Che ci faccia rimanere Svegli! E non ci faccia cadere in quel pozzo senza fondo che è torpore & indifferenza!
      Bisogna guardarle quelle foto! (ma non per morboso voyeurismo). E bisogna mostrarle, divulgarle alle nuove generazioni, ai nostri figli, certamente spiegarle, facendo capire che il Mister Hide che convive con il Dott,Jekill deve essere sfrattato e bandito da tutti i condomini di questa terra! Anche se fosse l’ultima delle Utopie!
      Questa è una delle poche circostanze in cui vorrei essere un Credente! Pregare & Credere in una Giustizia Divina, qualsiasi essa sia, in un Dio con una Grande Mano che oscuri per un attimo il Sole e’ ci faccia tremare & ricordare di quanto siamo piccoli & insignificanti in questo nostro Universo!
      Purtroppo il mio fottuto realismo, mi porta ad avere scarsa stima & fiducia nella nostra razza!
      Capace si, di costruire & riscoprire civiltà meravigliose antiche di millenni, ma anche come sta accadendo ultimamente di distruggerle nel giro di qualche ora! In nome (forse) di una religione che invece di accomunare gli uomini li divide e li allontana!
      Certo è facile rasentare retorica & buonismo con certe riflessioni. Ma non abbiamo armi migliori, se non quelle della riflessione, consapevolezza & ragionevolezza.
      Un abbraccio.

         2 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 4 settembre 2015 at 9:25

      @dragodoro,per dirla tutta nemmeno io so d’accordo con me stesso,come dice @aurelius stà foto serve a dare realtà alla stessa,perchè tutti sappiano e che nessuno se ne lavi la coscienza.
      Io in quella foto vedo molto di più,lo sai benissimo come la penso quando si parla di bambini,NUN SE TOCCANO,perchè so innocenti.
      Guarda bene la foto,guarda i capelli,sono lisci ben pettinati dalle onde del mare,neanche un capello fuori posto,e la maglietta rossa che se fosse stato in piedi stò regazziono je sarebbe arivata all’ombellico,e i pantaloncini,sembra quasi che stò regazzino abbia addosso ancora il pannolino perché si fa la pipi’ addosso,e le scarpette,che sembrano più grandi dei suoi piedi,ovviamente un genitore quando acquista qualcosa per un bimbetto come quello compra una misura più grande,per la cresita.E li fermo,immobile,sembra quasi un bambolotto ma è senza vita,ma era VIVO,si era innocente,e non è giusto che a quella età si debba pagare con la vita.Lo sò,io sono sempre di parte quando si parla di bambini,ma che ce volete fa,io so fatto cosi e scusatemi se mi lasci prendere la mano e metto la testa dentro un buco per non vedere manco fossi uno struzzo,ma ce patisco troppo quanno se parla de bambini.
      Stamattina quella bestia di mio figlio che onestamente stà migliorando alla grande quindi meno bestia e più ubbidiente del solito,gicava alla wii,lo osservavo e prima di uscire gli ho detto:
      Ciao Rocchetto bello ,te sei un bambino fortunato,ci vediamo a pranzo,mentre la mia krulowa se la dormiva ancora,(krulowa=regina)che ha la stessa età del bambino morto.
      Ciao,carissimo compare dragodoro,è sempre un piacere.

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 4 settembre 2015 at 9:28

      Bravo Aure`, gran belle riflessioni a 360 gradi, che condivido! :clap
      Nel pueblo tutti prendono una personale posizione, e la spandono ai 4 angoli dell’ internetS, ma sono pochi quelli che vanno alla base del problema, che si chiedono per colpa di chi queste cose succedono, da cosa o chi sono state causate alcune guerre e relativi spostamenti… hanno un’ immagine del mondo limitata e relativa al proprio giardinetto di casa.
      Senza una visione globale, che vada oltre i confini del proprio paese, senza informazione ne esperienza personale diretta, la bocca converrebbe tenerla chiusa.
      Si colonizzano paesi per centinaia di anni sfruttandone le risorse, si rovesciano i regimi che fa comodo rovesciare, si bombarda, ci si lascia dietro scie di guerre civili e poi i problemi che ne derivano sono cazzi degli altri?
      Vedi gente scagliarsi e scandalizzarsi invocando la pena capitale per un leone morto, quando in Africa ci sono 27 stati in guerra e 182 gruppi separatisti coinvolti, con tutto il rispetto e la tenerezza per il leone morto… altri che godono dei barconi affondati, ma se lo sono mai visto un bambino morire tra le mani? Le hanno sentite le urla della gente sotto le bombe l’ anno scorso a Gaza o avevano le orecchie occupate dalla telecronaca della Champions League?
      Questi e altri problemi ci sono sempre stati e ci saranno sempre, il Mondo e` fatto apposta cosi`, l’ illusione di poterli risolvere e` tutta occidentale.
      Non si risolvono, ciclicamente si ripetono, si puo` solo decidere di informarsi, scegliere che posizione prendere e cosa fare con le cose che ti capitano davanti agli occhi tutti i giorni. Aurelius l’ ha fatto, in questo scritto, come penso nella vita.

         2 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 4 settembre 2015 at 10:20

      Lo so’ @piranha bello qual’e’ il tuo pensiero, quello di tutti. Ma come dice @dragodoro bisogna guardarle e conoscerle le cose, per capirle. O comunque averne un’idea, per esprimere un giudizio. Come dice e ricorda @CCSP che ringrazio; io non ho la presunzione di capire o conoscere tutto. Ma queste cose mi interessano, sia per studi che ho fatto(Scienze Politiche ad indirizzo Rel.Internazionali, lasciati dopo 2 anni per vari motivi…) che per vecchie utopie giovanili.
      Detto questo, il destino mi riporta sti temi sotto casa. Oggi 4 settembre si riuniscono a Praga, a 50mt da casa mia, i leader di Polonia, RepCeca, Slovacchia, Ungheria per decidere una strategia comune, controtendenza alle decisioni UE, per affrontare il problema. http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/ESTERI/migranti_polizia_ceca_marchia_con_numero/notizie/1545264.shtml
      http://www.expats.cz/prague/article/weekly-czech-news/czech-republic-faces-global-backlash-over-migrant-numbering/
      E rimango a casa sia perche’ sono fortunato che ci posso rimanere, sia perche’ hanno barricato la zona, cosa mai vista in 8 anni. Cosi come hanno fatto manifestazioni “contro” l’ingresso.
      Allora come detto da CCSP bisogna ricordarsi le cose(la memoria corta e’ brutto sintomo) passate, e leggere tra i vari accadimenti per capire le situazioni; e sapere che la Storia odierna e’ fatta di questa migrazione eccezionale che ci coinvolge e cambiera’ la faccia EU per i prossimi anni.
      Ora io, essendoci in mezzo fisicamente e moralmente direi, voglio capire. E non sono daccordo con chi, come questi paesi, e’ impaurito, nevrotico ed ha reazioni scomposte.
      In attesa del rassicurante Santa Klaus. Ricordiamoci infatti che l’Ungheria e’ stata salvata dai soldi UE per due volte, che RepCeca e Polonia erano nulla dopo il 91/93, salvate ed incentivate da soldi USA per il famoso ipotetico scudo Stellare al quale solo loro avevano dato benestare, e poi dalla Germania e UK con generosissimi finanziamenti per convertirli dal Comunismo al Consumismo: che sono poi la stessa identica faccia della medaglia, cambiano solo le marche e la pubblicita’. Ma sempre ti inducono entrambi a fare pensieri di massa. Come dice CCSP, per non parlare poi di USA, Israele e le tragedie MedioOrientali che si trascinano da secoli; e la buona democrazia USa e gli sfacelli che vediamo.
      Ce ne sarebbero molte di cose da vedere e valutare, ma non sto’ qui a fare complottismo, o schierarmi, o demonizzare questo o quello.
      Leggo solo un fatto, forse anello di catena interminabile con altri.
      Io ripeto, non ho palle di vetro ne cappelli magici; ma queste cose mi interessano. So’ che possono essere argomenti ostici, noiosi o suscettibili di fraintendimento: ma appunto prendo una posizione, giusta o meno non so’; ormai non estremista, non patetica, ne’ rassicurante o totalmente menefreghista. Cerco d’attenermi alla realta’, almeno quella della cronaca cosidetta tale.
      Aylan e’ cronaca. I numeri tatuati sulle braccia pure, i muri ed il filo spinato eretto su frontiere libere pure.
      E non mi piace. E ci vivo in mezzo. E fiuto un’aria marcia, indegna, gonfia di nevrosi, pregiudizi, paura. Questo a volte nella Storia sono stati precedenti bellicosi: ecco, almeno esprimo un pensiero da libero intelletto, reputandomi tale.
      E, come diceva Trilussa: “forse ste bestie nun me capiranno, ma almeno provo la soddisfazione de pote’ di’ le cose come stanno, senza core er rischio de’ fini’ m’priggione…”.
      Almeno per ora.
      Ma questo voleva essere solo un Topic per ricordare un fatto, una notizia come ce ne sono tante, e’ vero. E come ancora abbiamo notizie di centinaia di morti, migliaia di sbarchi, decine di migliaia di profughi in cammino disperato.
      Come dice Dragodoro se qualcuno ha un Dio lo preghi, chi ha un’idea la esponga. O anche chi ha due tasche, ci ficchi dentro le mani e cosi sia.
      In ogni caso, sara’ la cosa giusta.

         1 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 4 settembre 2015 at 10:44

      E finisco.
      Quello che proprio non mi piace come dice CCSP, e’ la politica del ” Not in my Home”. A cui preferisco ” Not in my name”.
      Purtroppo non risolvono questi problemi i Politici o politologi ed economisti a livello mondiale, figuriamoci due chiacchiere al bar, o sul Multibloggolo.
      Pero’ l’irriconoscenza di alcuni Stati, o la bieca cecita’, e’ grave. davvero mi irrita. Troppo comodo prendere e mai dare, sia nella vita delle persone giornalmente, figuriamoci a livello di burocrazia mondiale, o di relazioni tra Stati uniti peraltro da trattati di reciproco sussidio.
      Troppo semplice, troppo comodo e troppo semplice!
      E ripeto, questi sono sintomi brutti, che in passato hanno dato luogo a tragedie, proprio in questo continente. E fatalita’, coinvolsero poi proprio questi paesi, e proprio in essi ci furono poi tragedie umane.
      Come potersi non ricordare, come si fa’ ad essere cosi ottusi, opportunisti?
      No, questo e’ proprio voler essere bastian contrari, e non e’ la prima volta. E questa rigidita’ ed irriconoscenza non fara’ altro che aggravare situazioni gia’ al collasso. Vedi EU del Sud.
      I modi, i tempi, il marasma che si crea forse non piace a molti, magari sotto certi aspetti neanche ame. Ma una soluzione io mi auguro che si trovi, con la collaborazione di tutti.
      Altrimenti, come dicono statisti, intellettuali ed osservatori illuminati, il declino e’ dietro l’angolo.
      Che la ragione ci salvi.

         1 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 4 settembre 2015 at 15:09

      Ogni 4 SECONDI MUORE UN BAMBINO !

      Di denutrizione, acqua insalubre, malattie per le quali in “Occidente” non muore piú nessuno da anni.
      OGNI 4 SECONDI MUORE UN BAMBINO SENZA CONTARE LE GUERRE NÉ I CASI COME QUELLO DI AYLAN.
      Se contiamo le guerre e i morti durante la fuga ALLORASONO ANCORA DI PIÙ.
      Purtroppo i bambini NON SEMBRANO AVERE LA STESSA VALENZA QUANDO MUOIONO.
      Quelli che sono piú numerosi a morire, ossia quelli del continente africano, non li menziona quasi nessuno.
      Quelli del SEA e dell’Est-Europa, non pervenuti.
      Sudamerica? Ma dov’è?
      Non parliamo poi della Palestina, dove secondo la ONU (buoni quelli) più dell’80 % delle operazioni dell esercito israeliano sono contro bambini ed adolescenti.
      Allora, cos’é che fa Aylan diverso?
      La maglietta? Ogni pochi secondi ne muoiono lentamente inesorabilmente altri che non hanno neppure avuto una maglietta in vita loro, come quello della foto che troverete qui sotto.
      Non posso fare a meno di ricordare il mio Amico Vittorio Arrigoni, che durante il massacro di bambini a Gaza, a chi stavamo in contatto con lui e che stavamo collaborando con invii di provviste e medicine (e continuiamo a farlo) diceva:”Stay human”.
      Sì, Gaza, quel massacro oscurato dalla Champions League come dice il buon @CCSP.
      “Stay human” era il suo motto che non gli servì a non essere torturato ed assassinato poco tempo dopo.
      Adesso vi spiegheró cosa ho pensato sì e no una settimana fa.
      Mia figlia (bellissima come la mamma) era stata a un matrimonio e per prima volta si era vestita come una adulta(ha 7 anni), addirittura con un filo di maquillage, e, tornata a casa radiante dopo aver ballato e giocato senza freni, mi chiese se poteva dormire con il caftán che aveva indossato alla festa.Tutte le sere da sempre i bambini a casa mia si addormentano con una favola, dopo una breve preghiera.
      Quella sera lei era cosi contenta e cosí spossata che dopo un paio di minuti si era giá addormentata.
      Io la guardavo, così felice, sorridendo seppure addormentata, innocente, pulita.
      MI sorpresi a pensare : ” E se non si svegliasse più? E se se ne andasse cosí, una bambina felice, che non ha ancora avuto delusioni, che crede che tutti siano come i suoi genitori, che ignora la abbietta meschinità dell’uomo.
      E se non si svegliasse, e se rimanesse così, con quel sorriso, senza conoscere null’altro che la felicità?
      Cosa si perderebbe? Le atrocità, l’ipocrisia, una societá dove sappiamo navigare nello spazio ma non sappiamo ancora vivere in pace fra noi?
      Quasi quasi, per lei, avrei desiderato che non si svegliasse più.
      Certo, probabilmente io resterei distrutto dalla sua assenza, ma forse per lei sarebbe meglio, visto come va il mondo e visto che nel futuro andrá ancora peggio.
      Quindi Aylan, se davvero sei in Paradiso (che ci sono giorni che credere costa un pó di più) non ti preoccupare che non ti sei perso niente.
      Un abbraccio.

         1 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 4 settembre 2015 at 16:00

      @luporosso,
      :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman
      DIRE CHE SEI SOLO UN GRANDE EQUIVALE A OFFENDERTI.

         0 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 4 settembre 2015 at 16:16

      @aurelius,@ccsp,@luporosso,desidererei farvi una domanda,ed è la seguente.
      Ma non credete che il bambino morto sulla spiaggia sia stato lasciato li apposta per un qualsiasi interesse,quindi per essere fotografato,senza entrare nel merito,bene,io credo di si.
      Non credete ad esempio che le prostitite tanto per dirne una che arrivano dall’africa e che battono i nostri marciapiedi tranquillamente non stiano li per l’interesse di qualcuno,non credete che le centinaia di migliaia di badanti dell’est che ci sono qui in itaglia che lavorano in nero e nessuno se ne cura non ci stiano perché fa comodo a qualcuno quindi sempre per interesse,non credete che sti lager qui in italia li chiamano centri di smistamento di riconoscimento o chiamateli come volete non chiuderanno mai anzi esistono anche secondo me in inverno e le persone che risultano essere presenti non siano poi alla fine neanche la metà perché a qualcuno fa comodo cosi sempre per interessi,inZomma,alla fine io credo che se muoiono bambini sulle spiagge,nei barconi,in africa,in sea in fin dei conti non frega un cazzo a nessuno,tranne a quelli che sono interessati al business di traffico umano???
      luporosso,mi hai fatto venire i brividi con il tuo scritto,concordo su tutto anche i pensieri,credo sia il caso di dire povero chi rimane.

         0 Mi Piace


      • AtiLeong
      • AtiLeong

      • 4 settembre 2015 at 18:03

      RICORDI E PENSIERI SPARSI SULLA SABBIA DI BODRUM

      Io su quella spiaggia, bambino delle elementari, ci son stato quasi di sicuro.
      Credo sia dove ho incontrato e adottato un gattino bianco e nero, magro brutto e spelacchiato: lo ho battezzato appunto “Bodrum” e lo ho portato con me finché non l’ho lasciato con l’amico Cetin, un turco di un paio d’anni piú vecchio di me ma che suscitava la mia ammirazione perché guidava il trattore.
      Ma mi ritorna pure in mente un altra spiaggia e un’ altro giorno di quell’ estate.
      Una spiaggia deserta davanti a un isolotto dove c’erano le rovine di una cittá, e le rovine si vedevano pure sul fondo del mare. Chissá che cittá era.
      Sbuca dalla boscaglia dietro alla spiaggia una bambina di un 3 o 4 anni.
      Tutta sola, ha un vestitino, delle scarpette di plastica azzurre e dei vistosi e inusuali da per quelle terre, boccoli biondi. Una Shirley Temple turca.
      Dirlo cosí pare na allucinazione, ma giuro che la mia memoria questo ricorda.
      Shirley si mette a giocare con la scapetta di plastica: la usa come barchetta.
      Di fatto pare piú adatta a essere barca che scarpa.
      Ma le onde gliela trascinano via, lei la insegue e finisce dove non tocca.
      Shirley non sa nuotare, affonda.
      Io sono a qualche passo ma resto paralizzato a guardare.
      Ma arriva subito da dietro il mio grande maestro e amico AR,
      all’epoca sui vent’anni e poco, che prende senza problemi bimba e scarpetta e la porta in salvo.
      Shirley parla poco. Forse non parla proprio.
      Si cerca in giro se ha qualcuno con lei nei paraggi.
      Appare appena un pastorello sui 12 anni che si aggira tra gli arbusti.
      La guarda, se la guarda, abbastanza distrattamente.
      Quando ci allontanammo col gommone, le donne, apprensive e intenerite, le facevano ciao.
      Lei ci guardava ma non faceva gesto.
      Anch’io non salutavo. Ma per settimane, forse mesi o anche anni, ancora adesso…quando penso alla riccioli d’oro turca mi prende uno spasmo di angoscia.
      E se la prossima volta non c’é nessuno la per salvarla ?

      Fine 1ª parte.

         1 Mi Piace


      • dionisio
      • dionisio

      • 4 settembre 2015 at 19:01

      Insomma ,,, su sto legno chiamato Piccole Verità ,,, più che indomiti pirati io ci vedo sempre più uomini con un cuore troppo grande da essere contenuto in un petto solo……
      Troppa vita abbiamo visto e vissuto per giudicare un altro essere umano dalla scorza ….. e troppe esperienze hanno accompagnato questo cammino.
      La foto è nuda e cruda …… ed ha risvegliato gli animi sopiti della moltitudine di gente che la guerra la vede alla TV ,,, tra un panino ed una frutta ,,,tra il meteo e lo sport.
      Dice bene sor @piranha ,,, su quella foto ne faranno d’affari….
      Le solite lobby ,,, i soliti noti … i soliti amici degli amici…
      Come affari ne hanno fatto e ne faranno sempre sulla pelle della povera gente ,,, noi e loro ,,, uno contro l’altro ,,, lo straniero ,, l’invasore ,,, la ns.civiltà ,,,la loro civiltà … ma di chi ,,,ma de che ,,,, ma poi la diversità dove è ???
      Che uno prega con la faccia al cielo ,,, ed un altro col corpo rivolto a sud…. ma che stanno a dì ,,,ma che ci vogliono far credere .
      Ci speculano ,,, e ci speculeranno sempre ……le armi .. la guerra… sono il vero motivo ….
      Il resto…. solo danni calcolati ,,, tanto a loro ,,, i burattinai,,, nessuno li tocca.
      Allego una foto che ho trovato sul web … forse una mano pietosa ,,, voleva farcelo immaginare cosi

         1 Mi Piace



    • Di tutta sta storia chi ci ha guadagnato e stato solo il fotoreporter che ci ha speculato sulla morte di questo bambino acquistando punti per quanto riguardo il suo nome e soldi, tanti soldi dove si e venduto l esclusiva a testate giornalistiche e televisioni straniere e fare salire l audience. Per il resto mi accodo anch io alla linea di pensiero di @luporosso. Ha ifatto bene Sandro ad aprire il topic se te lo sentivi di fare. Un abbraccio a te e a voi tutti cari pirati.

         1 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 5 settembre 2015 at 6:57

      Belli i ricordi del Sig @AtiLeong .
      Beh ragazzi, io comunque sono dell’idea che le foto, come le notizie debbano essere riportate, anche se nella crudezza delle situazioni. Altrimenti sarebbe un mondo con gl’unicorni rosa che girano felici cavalcando gl’arcobaleni: e non e’ cosi. Senno’ la foto der cinese a P.za Tienamen non l’avevamo, come quella della bimba Viet spellata viva dalle bombe, o la ragazza Afghana dagli occhi verdi in miseria. O quelle del Che col sigaro, e molte altre.
      Le foto accompagnano la storia, ci sono persone ugualmente che sono morte per una foto. E’ il loro lavoro, e lo fanno molte volte in modo disagiato: ora parlare sempre e solo di avvoltoi, speculazione…mi sembra esagerato. Come ci ricorda Fratello @luporosso parlando di Arrigoni, oltre che impegnato nel sociale fu’ anche regista e produttore di video in zone di guerra, appunto. E fu’ rapito ed ucciso, se non ricordo male.
      Comunque non saprei cosa sarebbe stato meglio per Aylan e migliaia di bimbi, o persone che come lui perdono la vita: se meglio vivere, o lasciare sto’ mondo crudele. Si diceva una volta, facendo un po’ di sano banale populismo, che finche’ c’e’ vita c’e’ speranza, e che questa e’ l’ultima a morire.
      Boh, magari diamogliela una chance alla vita, ai bambini, al futuro. Magari ogni tanto qualche tragedia, qualche foto, qualche pessima notizia potranno forse smuovere ancora qualche uomo di buona volonta’, a fare qualcosa di degno, di giusto.
      Cosi come dice @dionisio e’ bello che su sto’ legno ci sia spazio per il dialogo, la comprensione e lo scambio d’idee. Quattro Pirati sparsi agl’angoli del mondo, che debbano esser d’esempio d’idee e d’umanita’!…
      Bella la foto Dionisio, allora adesso questa va’ bene; e questo era comunque il mio intento( e come ho interpretato la foto): Aylan ancora nei suoi vestitini, che “riposa” guardando il mare, senza ascoltare piu’ nulla delle urla del mondo.E ricantandogli la Ninna Nanna, ce lo ricorderemo cosi.
      AMEN

         1 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 5 settembre 2015 at 8:39

      Evvai Sig@dionisio,questa è la foto giusta,l’altra ha sortito l’effetto che doveva,ora è tempo di lasciar dormire stò regazzino tranquillo.
      @aurelius,vedo tutti i tg,e sembra che forse tutte queste grandi nazioni europee si stiano muovendo,che dici,forse iniziano a provare un po’ di vergogna???sarebbe quasi ora……..

         0 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 8 settembre 2015 at 12:05

      Guarda Compare @piranha io non mi esprimo manco piu’. Vedevo ieri dei discorsi, e francamente me ne infischio, nel senso che ormai e’ tutto ben conosciuto, ma mi sembra si facciano le cose stancamente, quasi che si subisca l’andare verso un baratro.
      Alcune si muovono, o vorrebbero; altre reagiscono a cazzo di cane. Alla fine grosse organizzazioni Internazionali ci vengono pure a dire di fare qualcosa! Poi tutta sta’ massa che comunque ci si ritrova in mezzo di tutto, dal buono al cattivo. Eventualmente pretendono pure cose che fanno salire l’intolleranza, a volte giusta dei popoli.
      Non saprei.
      La vedo dura negli anni a venire.
      Chi parla d’islamizzazione, chi di nuovo terrorismo, chi di catastrofe umanitaria.
      Chi di nuova silente invasione dell’EU.
      In mezzo a cio’ ragazzini, madri, scansafatiche, bestie umane che cagano per starda; gente col telefonino e che pretende pure soldi, casa e gira rompendo il cazzo.
      Tanti si chiedono perche’ non li accoglie il mondo Arabo, o perche’ la Turchia con kilometri di zone incolte non li ospita: belle domande.
      Sara’ che le lucette e le pubblicita’ dell’EU sono piu’ accattivanti.
      O chi li identifica, come si potra’ mai fare con sta’ marea; in mezzo c’e’ di tutto ripeto: che scopi ci sono?
      I paesi dici tu si stanno organizzando? Io li vedo impanicati, disorganizzati, litigando l’un con l’altro, e forse e’ pure questo lo scopo…boh.Politica zero, politicanti molti. Burocrati finanziari che non sanno neanche piu’ dove recuperare quattro soldi. Et il dragone cinese comincia a sputare vomito e fuoco: tempo al tempo. L’America affanna, tornera’ piano piano a fare l’isolazionista dopo gli sfaceli che ha fatto per il mondo, e ci lascia rovine e cadaveri, sbrigatevela voi in EU, diciamo.
      La Russia guarda e ride, pe’ nun piagne. Presa dalla crisi interna, dalle sanzioni, dagl’impicci che pure lei ha fatto in medio oriente e rema contro sempre per mantenere basi e potere in quelle terre.
      Gl’Israeliani chiagneno e fottono, al solito. Sanno tutto e niente, fanno tutto e niente. Tanto, come cascano cascano bene.
      Non saprei.
      Qualcuno si muove dici…mah, per andare dove? Dove stiamo andando?
      A me, ormai mi fa’ male la testa e sento le voci. Forse mi vado a mettere a letto, e mi tiro le coperte fino alle orecchie.
      E aspetto Santa Klaus. :ar

         1 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 8 settembre 2015 at 15:04

      D’accordo in toto! :dreaming :dreaming
      Io non aspetto neppure più Santa Klaus aurelius :Boh
      Ma confido nella predizione di Nostradamus, che sentenziava l’apocalisse dopo la “sfera di fuoco” apparsa l’altro giorno sui cieli Tailandesi! :dontsee :dontsee spero che almeno questa si avveri :doubleup dopo il “flop” delle previsioni di fine del mondo di quei buontemponi dei Maya!….Che te devo da di’… :Boh chi arriva per ultimo, a parte che è frocio… :bz che almeno chiuda la porta B-)

         0 Mi Piace


      • il sindaco
      • il sindaco

      • 9 settembre 2015 at 8:18

      Grande Aurelius la tua analisi finale con le domande senza risposte e le considerazioni geopolitiche sono da mente eccelsa, sono quesiti che mi pongo spesso anch io…. a chi giova tuttosto casino organizzato? Perche’ non si aiutano i paesi in questione alla base? Dove sono in questo caso gli americani? Sul resto si puo dire tutto e niente, si la foro fa tristezza perche ce’ um bimbo di mezzo, ma la tragedia che si verifica ogni giorno sul meditterraneo non fa tristezza anessuno? Gente buttata in mare, trattate come bestie con la speranza vana di un futuro……cmq auguri a tutti, domeica ce il derby, pomeriggio 5 e’ gia’ in onda, settimana prossima X factor, 15 giorni di ferie in agosto e esclusiva champios su mediaset premium. W le monde!

         1 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 9 settembre 2015 at 14:04

      …”loro”, la chiamano “protesta”,…sarà che sono…”all’antica”, ma a me pare (sicuramente sarò un cinico), più l’ennesimo moda per spettacolarizzazzare un triste destino, insieme alla recente moda di battere le mani ad un funerale…più Silenzio & Rispetto please! Sarebbero più consoni e senz’altro più auspicabili in certe occasioni!

         1 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 9 settembre 2015 at 17:23

      @il sindaco,@dragodoro,@aurelius,
      Giorni fa ho sentito uno che diceva:
      forse era meglio quando era peggio,forse se c’era ancora Saddam,gheddafi………..e non aggiungo altro,onestamente voi analizzate dite la vostra,aurelius che fa domande senza risposta,bohhh io nun ce stò a capi più un cazzo,e forse e meglio cosi,egoisticamente mi dovrei rinchiudere nella mia oasi di vita tranquilla felice godereccia e beata e fragrmene alla grande?credo sia una ottima idea,e ci riuscierei anche se non fosse che quando se toccano li regazzini numme và proprio giù,si perché come al solito sono sempre loro a pagare delle conseguenze beceri di chi sa effettivamente come stanno le cose.

      aurelius: Tanti si chiedono perche’ non li accoglie il mondo Arabo, o perche’ la Turchia con kilometri di zone incolte non li ospita: belle domande.
      Sara’ che le lucette e le pubblicita’ dell’EU sono piu’ accattivanti.

      aurelius,stai a vedere che la maggior parte di questi migranti verranno messi sui posti di confine (polonia)dove ci sono cittadine intere senza un abitante,là dove se ci andavi ad abitare il governo tedesco ti avrebbe dato anche dei soldi pur di recupaerare queste citta fantasma,la prox volta che ci capito faccio qualche foto,

         1 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 9 settembre 2015 at 17:28

      Compare @dragodoro,ma sei ancora in thai o sei ritornato?secondo me se sei ancora in thai faresti bene ad allungare la vacanza fino a dopo le feste di natale,cosi risparmi sul costo dell’aereo,tanto passato un mesetto dalle ultime statistiche dovresti ripartire. :rotfl :heyhey

         0 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 9 settembre 2015 at 18:47

      cit.”Giorni fa ho sentito uno che diceva:
      forse era meglio quando era peggio,forse se c’era ancora Saddam,gheddafi………..e non aggiungo altro”
      CaVo @piranha e che ce voi aggiunge ancora? Il carrozzone del Circo di questa variegata Umanità va’ avanti! Nun se capisce più chi so più pagliacci se i clown o quelli che gli abbattono pure le mani! Bohhhhh….
      …”Forse era meglio prima…forse se c’era ancora Tizio…Se…Forse…si Presume…si suppone…Magari….quando i treni arrivavano in orario….”
      Ma se n”andassero a………sempre co sti luoghi comuni & banalità assortite C”hanno proprio rotto er……tanto per usare un eufemismo!
      Personalmente sono stufo di sta retorica & falso buonismo.
      Ogni tanto, qualche furbo politicante, da qualche hangar in disuso, scongelano & tirano fuori il Popolo del Dolore per l’ennesima fiaccolata di cosiddetta solidarietà, così…tanto pe’ raccatta’ n””po’ de voti…fa du’ passi e pe lavasse tutti la coscienza!
      Cosi, messo a dormire il “senso di colpa”, se po’ fa’ na bella magnata, mentre si guarda in stato di ipnosi l’ennesima Tavola Rotonda in quella Medusa Tecnologica chiamata Tele-Visione! Che come da Mitologia, pietrificava chi la guardava!
      Visto che me lo chiedi ebbene si, sono ancora a zonzo in SEA, stavolta ho picchiato duro!
      Ora sono a Chiang Mai da una settimana, dopo Laos & Vietnam e domani levo le tende per tornare in Cambogia, palle di fuoco permettendo.
      Me so fatto fa’ un bel massaggio che m’ha rimesso ar Monno a e gambe che me se so gonfiate come du copertoni….saluti e sempre Buona Vita.

         0 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 9 settembre 2015 at 20:36

      Evvai@dragodoro,la tipa in foto me sembra che se impegna,ma lo sai che te dico,che se ce stai n’artro annetto in vacanza non sono invidioso,ma so contento per te.Ciao compare e sempre buona VITA.
      PS ogni tanto fatte senti che è sempre un piacere,comunque ultimamente scarseggi con le vignette,sari mica diventato kiniao di vignette??? :rotfl :rotfl :rotfl

         0 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 9 settembre 2015 at 22:04

      Grazie @il sindaco …non so’ piu’ ormai se sono lucido io, o scemi gl’altri! Mah. :Boh
      Sara’ che non c’e’ voglia di pensieri semplici, o di risolvere le cose. Come dice Dragodoro poi alla fine sembra solo tanto rumore per nulla. Tutto viene poi banalizzato, anche le tragedie vere.
      E le domande che ci facciamo tutti compare Piranha, rimangono senza risposta.
      Peccato.
      ps: bel massaggio Dragodoro complimenti! :dreaming

         0 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 10 settembre 2015 at 3:10

      @aurelius mi sembra di capire che sei al pc,indovia indo sto,al buio a salea ad aspettare i compari che avevi sotto la finestra la notte-domani ti faccio sapere come e andata.

         0 Mi Piace



    Post a Comment!