• Brasiliane VS Italiane: l’emancipazione sessuale-culturale e il problema della monogamia

    Qualche settimana fa, avevo appuntamento con degli amici per una cena informale…
    All’incrocio, prima di parcheggiare, intravedo uno di loro  accompagnato da una donzella brasiliana, resto qualche secondo senza salvazione: altissima, seno gigantesco, spalle larghe da far invidia ad un pallanuotista, sedere proporzionato alla stazza: un 28′ di plasma, il tutto risaltato da un vestito-sottana color viola glicine, attillato, cortissimo e tendente al trasparente, chioma scura lunga quasi al ginocchio.
    “azz” la prima parola che esce fuori dalla mia bocca dopo i secondi di silenzio…
    Accenno un sorriso e un saluto dall’auto avvisando che sono in cerca di parcheggio… Lungo la strada mi dico: “ma dai.. nn fare l’itaGliana  con la puzza sotto il naso!…non farti condizionare dalle apperenze.. d’altronde se il nostro paese è alla frutta è proprio a causa dei pregiudizi e delle etichette… fanculo le etichette!…Abbiamo culture diverse e di conseguenza concepiamo l’abbigliamento e l’apparenza in maniera diversa…  ma questo non ci impedisce di confrontarci, parlare e perchè no instaurare rapporti d’amicizia…”

    Parcheggio e mi incammino verso la meta dell’appuntamento..                                            Lì ad attendermi 2 amici, l’amico in compagnia della brasiliana, una coppia e un’altra amica…

    Le ragazze appena mi scorgono da lontano iniziano a fare cenni di saluto a braccia in aria, la ragazza in coppia aveva gli occhi fuori dalle orbite, pareva che l’avessero
    stuprata poco prima, il compagno occhi sulle scarpe…  -Silenzio tombale in scena-                                                      …”Allora ragazzi andiamo a mangiare? che facciamo?” propongo subito per rompere il ghiaccio… nel frattempo il via alle presentazioni…

    Devo dire che di solito non sono una che cammina inosservata… e le altre ragazze nn sono da meno,  quella sera, eravamo completamente eclissate. Lungo la passerella dove si affollano tavoli e tavolini con gente che mangia e fuma si vedono gli occhi di tutti fuori dalle orbite: qualcuno intento a seguire con lo sguardo la brasiliana fa quasi cadere la forchetta nel piatto, chi si sgomita invitando amici e compagni di sedia a girarsi, chi fischia, chi tira qualche madonna…. Fosse passata una zebra in pieno centro nn avrebbe destato tanto stupore… Insomma la solita barzelletta tutta all’itaGliana….                                                 Ci addentriamo nel locale e anche qui sembriamo avere i fari puntati addosso: camerieri che si fermano al centro della stanza con i piatti roventi e lingua fantozziana sporgente, commensali inebetiti e lo stesso titolare accenna esitazioni per darci il benvenuto …         F-I-N-A-L-M-E-N-T-E ci accomodiamo dopo ben 10′.

    “Sei qui in vacanza?” le chiedo…
    “No no, sono sposata con un italiano e vivo qui! Lui è a casa con i nostri figli, io sono qui per lui”.. indicando il nostro amico….
    BAM… mazzata sulla fronte, teste di tutti nei piatti e completo silenzio in tavola, un solo rumore: la sedia strisciante di una delle ragazze che si alza di scatto e mi chiede di accompagnarla a fumare fuori…
    Sapevo già che quella era una scusa per parlarmi del suo imbarazzo… infatti appena varcate la soglia d’uscita, esordisce così:
    ” Ma chi è sta zoccola? La prossima volta mi informo bene prima di uscire mavaffaculo! ma ti rendi conto che ci stanno guardando tutti? ma se se la deve solo scopare almeno non ci coivolgesse in queste uscite ridicole che ci fanno perdere la faccia!
    pure a dire così apertamente che fa cornuto il marito! ma c’ha preso per coglioni? spero di non beccare nessuno che mi conosce… ”
    Ritorniamo a tavola,  la donzella stava tenendo banco su alcune teorie:
    “ma che problema c’è? Io mi sto solo divertendo!…Siete voi italiani che vi fate tanti problemi… Ma secondo voi una donna può restare sessualmente legata ad un solo uomo tutta la vita? Pensate che i vostri uomini non scopino con altre? non vanno a puttane? allora!? perchè non lo fate anche voi? o peggio perchè se decidete di farlo vi nascondete?”

    In questo stralcio di racconto emergono fuori una serie di tematiche che mi piacerebbe discutere con voi e conoscere i vostri punti di vista.

    1) l’etichetta/apparenza… Siete favorevoli all’abbigliamento appariscente delle donne? siano esse compagne, amiche, mogli? Ovviamente tenendo conto del buon
    gusto e della circonstanza… La brasiliana a mio avviso era un pò “troppo” sopra le righe… ma, una gonna corta, un tacco a spillo e una scollatura degnamente
    portata come viene giudicata?

    2) Siete d’accordo con la brasiliana sul fatto che il tradimento sessuale è in realtà un bisogno fisiologico… e quindi è giusto che come tale vada dichiarato al partner sia esso UOMO o DONNA e quindi accettato per una coppia serena?

    3) La monogamia esiste?

    Un caro saluto a tutti

    whitestyle

     


    Whitestyle ha scritto anche:



      • Leon
      • Leon

      • 25 settembre 2012 at 3:01

      Ciao whitestyle,
      Lavoro in un villaggio turistico (aperto tutto l’anno) da ben 16 anni, e ne ho viste di tutti i colori, anche da parte delle donne, magari fidanzatine “perfette” o mogli “modello”.
      Ho girato mezza Europa, ho avuto ragazze dalla Svizzera in su e dell’Est Europa (una l’ho anche sposata), e ti assiccuro che più TROIE delle italiane non ne esistono sulla faccia dell’intero universo.
      Offenditi pure, ma sai bene che è così.
      Le italiote si permettono di dare delle puttane e/o prostitute a tutte, ma poi si comportano molto peggio, ma basta che non si sappia in giro, che nessuno lo venga a sapere. E la loro Ipocrisia che mi da ai nervi.
      Fino alla soglia dei 30 anni cercano sempre il belloccio di turno, quello col portafoglio gonfio o quello che le può dare una certa visibilità per lanciarle nel mondo dello spettacolo o simile………….poi se alle 2 di notte nessuno se le accalappia si accontentano anche delle scimmie…………..
      Dopo la trentina e peggio quando si avvicinano alla quarantina allora cambiano di botto e magari si sposano il Marocchino clandestino.
      Siamo nel 2012, e giunto il momento che le donne italiane si mettano bene nel capo che la patatina non è di loro solo proprietà, quindi smettano di tirasela (che se gli scappa spappolano la luna) e di guardare tuttio e tutti dall’alto verso il basso.
      Certo noi italioti abbiamo le nostre colpe…..non si può andare in cento dietro la stessa donna, ne tantomeno comportarsi come da te descritto con la Brasiliana.
      Anche noi dovremmo imparare qualcosa dall’estero.
      Ciao.

         8 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 25 settembre 2012 at 7:47

      Ciao Leon buongiorno:) nn mi offendo stai tranquillo:)
      Io più che “più troie” , considererei le italiane “più false”, dato che agiscono in sordina, tradiscono di nascosto e aspettano di varcare il confine per concedersi qualche libertà… Poi ecco non posso sapere cosa facciano nella camera da letto una volta in terra straniera, ma ti assicuro che le donne qui non hanno proprio la cultura sessuale “andare con qualcuno per puro piacere”, avendo questo tipo di slancio 1 volta l’anno in vacanza… risulteranno molto più incapaci sessualmente parlando rispetto ad una brasiliana ad esempio… in questo senso nn so come possano risultare più troie :D… ripeto, per me sicuramente più false, se vogliamo aggiungiamoci incoerenti… poi ovviamente ognuno ha il suo punto di vista..
      Al di la di questo però… mi piacerebbe cosa ne pensi in merito agli ultimi 3 punti che ho elencato:) grazie e buona giornata:)

         3 Mi Piace


      • xaus
      • Xaus

      • 25 settembre 2012 at 13:39

      sluurrrppppp……questo argomento mi fa andare in fuorigiri…ma ora il rabajo chiama. Appena ho tempo sgancio le mie bombe :devil

         1 Mi Piace


      • tirofijo
      • tirofijo

      • 25 settembre 2012 at 14:30

      Ciao White,
      complimenti: un gran bel topic che promette bene! Peccato tu sia ,per il momento, l’unica girl presente; questo genere di discorsi anima le tavolate in compagnia dei miei amici))). Detto questo, ti offro il mio parere in qualità di chi conosce in maniera paritaria entrambe le culture.
      Anzitutto mi devi concedere una premessa doverosa: la tua brazuka non può essere un campione rappresentativo fra le native, a scapito di quello che si pensa il Brasile è un paese di base molto puritano, la classe egemone, sempre bianca, vede di mal occhio certe manifestazioni tipiche del meticciato (e il ribaltamento dei ruoli, tipico del carnevalesco, ne è eccezione a conferma della regola..). L’esuberanza nel vestire e l’eccessiva promiscuità è appannaggio di classi ben identificabili: il fatto che quì nel nostro paese (come in altri del primo mondo) domini questa idea della latina, è dovuto ad altri fattori che non stò ad elencare (come i marocchini ubriaconi, romeni aggressivi etc etc, mi avrete inteso))).
      Il tradimento. Non può essere una prerogativa di una cultura, mi rifiuto di pensarlo!
      In Brasile ho martellato decine e decine di ragazze, fidanzate, e a loro malincuore declinavano amichevolmente le mie proposte: poi una volta “sfidanzate” correvano a contattarmi. L’ultima? ieri. Que tal?
      La poligamia. Credo tutta un’altra cosa. Almeno a mio vedere. E diffusissima in Brasile (e tanti altri paesi afflitti dalla povertà) specialmente laddove si crei una situazione di totale dipendenza (quasi sempre di natura economica) della donna verso un uomo. Per esempio, non posso non evidenziare (e a sostegno di quanto dico) come nel Maranhao,lo stato più povero, le donne siano alla costante ricerca di qualcuno che le possa “foraggiare” a qualunque compromesso, accettando dunque anche il tradimento.. e a loro volta nel tradire quando e come si presenti la prima occasione. Mi viene da pensare che la tipologia di brasileira che sedeva al tuo tavolo potesse appartenere piuttosto a quest’ultima tipologia.
      Concludo affermando che italiane e brasilerias sono portate a tradire nella stessa misura, quando in una relazione c’è rispetto e forti INTERDiPENDENZE e comunanza di obiettivi il problema non si presenta.

         5 Mi Piace



    • Bene bene bene….innanzitutto applausone alla Signorina Whitestyle per il tema proposto :clap :clap :clap :clap :clap
      C’é così tanto da dire al riguardo che inizierò con il rispondere ai tre punti indicati a fine post e poi in seguito elaborerò eventualmente.
      – Sì, sono favorevole all’abbigliamento appariscente…o meglio, non sono contrario, sempre che sìa appropriato alla circostanza.
      – Sì, daccordissimo…anche se questa é una cosa difficile da ammettere ad ancora più difficile da accettare, specialmente nel cso in cui non siamo noi stessi a cercare divertimento al di fuori della coppia ma piuttosto il/la nostro/a partner. Giustissimo che sìa argomento di discussione in una coppia affiatata e devo dire che praticamente ogni volta che personalmente mi sono buttato in una relazione stabile e/o duratura con qualcuna c’é sempre stato un certo livello di “apertura” a certi discorsi.
      – La monogamia come la conosciamo non esiste, e se esiste é solo a costo di grandi sacrifici da ambedue parti oppure in casi eccezionali. Credo che l’unica forma di monogamia che può esistere risiede in quella complicità che si può instaurare tra due partner sinceri ed affiatati…e quest’é quanto.

         3 Mi Piace


      • The_Seducer
      • The_Seducer

      • 25 settembre 2012 at 20:34

      Ciao complimenti per il Topic. Sul primo punto, ovvero sull'abbigliamento, credo sia difficile dare una risposta a riguardo in quanto una risposta generica non la saprei dare e io sono contro le generalizzazioni. Mi spiego meglio io vivo in Italia e sono fidanzato da diversi anni con una ragazza straniera. Essendo lei mulatta e con lineamenti differenti già di suo è molto appariscente, in più quando si veste in maniera provocante attira sguardi e commenti dei balordi italioti e più di una volta ho sfiorato la rissa per dei commenti di troppo. Pertanto la mia risposta è che in linea generale sono favorevole ad un vestito corto, succinto, provocante, etc. purchè sia portato elegantemente e in alcuni ambienti. Se vado in discoteca in Itaglia, so che è brutto, ma le chiedo di evitare perchè non voglio litigare in continuazione. Ho anche vissuto fuori (Londra) beh lì il discorso cambia… città più aperta e una ragazza appariscente e carina viene viste come normale tra le altre migliaia che ci sono. Quindi in definitiva dipende anche dal contesto.

      Riguardo al fatto di tradire… io sono convinto che è impossibile restare fedeli, almeno dal mio punto di vista. Vi chiederete allora perchè ci stai?? perchè ci sto bene, so che mi vuole bene e il suo sentimento, come il mio, è sincero e disinteressato. Stiamo bene ci divertiamo e facciamo progetti, piccoli e non. Mi è capitato di tradire fisicamente ma mai di avere altre storie coinvolgenti. Io lo vedo come un bisogno fisico e non mentale … Con tutta sincerità non mi stupirei se anche lei avesse avuto una scappatella in questi anni… per la voglia di cambiare o sentire quell' attrazione iniziale e passione iniziale. Se fosse così ovviamente non vorrei saperlo. Scusate sono andato un po' sul personale.. e per completare il quadro vi dico che non vado a prostitute, i miei tradimenti, anche se non numerosi, avvengono in viaggio in incontri naturali come ad es. in discoteca…. o un pub e non sono premeditati…

      The_S

         2 Mi Piace


      • Leon
      • Leon

      • 25 settembre 2012 at 23:29

      Ciao whitestyle,
      Provo a dare la mia:
      1) La penso come LittleTruths (che Saluto) e The_Seducer (mi accomonano certe litigate in discoteca), dipende dalle circostanze, diciamo che ad una cena fra amici un abbigliamento troppo spinto forse sarebbe da evitare, invece se si va in certi locali non ho nulla in contrario.
      Però…………….Mai giudicare le donne dall''apparenza, sarebbe un errore madornale e grossolano, spesso quelle meno “vistose” sono le “peggio”, diciamo appartengono alla categoria:
      “mamma Ciccio mi tocca – Ciccio toccami che mamma non c'è”.
      2) Dichiarare un tradimento sessuale al proprio partner? E' un colpo al cuore che fa molto male, se si vuole tradire bisogna anche saperlo fare.
      Considerando anche il posto in cui lavoro diciamo che mi capita in media un'occasione l'anno (è MAI da me cercata), per paura di essere scoperto dalla moglie ho sempre declinato l'invito, e per 2 ancora mi mordo le mani…. :trongo :hairpull …….
      Diciamo che per sentirmi un pò più apposto con me stesso mi son concesso sfoghi sessuali solo con prostitute, in quanto è un tradimento esclusivamente di carattere fisico.
      Il Guaio Enorme è quando trovi quella che invece di farti rizzare l'uccello ti fa battere il Cuore.
      Preferisco fermarmi qui.
      3) Anche su questo punto concordo in linea di massima con l'Amico LittleTruths.
      Però quando hai oltre 16 anni fra convivenza e matrimonio e pure 2 figli…..
      Ti assicuro che UNA SOLA volta in quest'arco di tempo avrei voluto la cittadinanza Araba :youdaman per sposarne un'altra….
      La seconda donna ECCEZIONALE conosciuta nella mia vita (ho 42 anni).

      Ciao da Leon

         2 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 26 settembre 2012 at 0:27

      tirofijo: a. Credo tutta un’altra cosa. Almeno a mio vedere. E diffusissima in

      Buonasera tirofijo, innanzitutto grazie per il tuo intervento e per aver chiarito, in base alla tua conoscenza diretta, dettagli importanti sulle donne brasiliane che erroneamente, confermo, vengono spesso associate ad 1 tipologia di donna: esuberante, appariscente, carnevalesca, simile dunque alla protagonista del mio racconto.
      Tengo però a chiarire che la donna narrata nell’articolo, non vuole essere un esempio rappresentativo e generalizzante di una nazione così vasta, ma solo l’unico esempio che avevo a disposizione e con cui ho avuto modo di confrontarmi:)
      La signora in questione infatti è figlia della patria del carnevale, credo che la sua appariscenza sopra le righe e il modus vivendi importato siano dovuti al contesto socio-culturale piuttosto “aperto” in cui è cresciuta.
      Prendo atto di buon grado che in Brasile si distinguono varie tipologie di donne, bianche, cattoliche e anche fedeli.
      C’è di contro che pur morali che siano, sono sempre più emancipate dal punto di vista sessuale: una donna in Brasile non ha troppi problemi ad avere tanti partners nell’arco della propria vita e sopratutto non ne fa un dramma nel palesarlo.. Su questo punto la differenza con le italiane è lampante.. anche quando queste ultime sono libere da legami sentimentali, sono sempre attanagliate da problemi di etichetta e non sono libere mentalmente di uscire con un uomo e andarci a letto la prima sera, arrivederci e grazie. Se non in casi molto rari.
      Concordo in toto con l’ultima parte del tuo discorso sul fatto che italiane /brasiliane tradiscono alla stessa maniera.. e sui meccanismi che invece si innestano nelle relazioni basate sul rispetto.

         2 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 26 settembre 2012 at 1:05

      LittleTruths:
      – Sì, daccordissimo…anche se questa é una cosa difficile da ammettere ad ancora più difficile da accettare, specialmente nel cso in cui non siamo noi stessi a cercare divertimento al di fuori della coppia ma piuttosto il/la nostro/a partner.Giustissimo che sìa argomento di discussione in una coppia affiatata e devo dire che praticamente ogni volta che personalmente mi sono buttato in una relazione stabile e/o duratura con qualcuna c’é sempre stato un certo livello di “apertura” a certi discorsi.
      – La monogamia come la conosciamo non esiste, e se esiste é solo a costo di grandi sacrifici da ambedue parti oppure in casi eccezionali. Credo che l’unica forma di monogamia che può esistere risiede in quella complicità che si può instaurare tra due partner sinceri ed affiatati…e quest’é quanto.

      Concordo pienamente sulla difficoltà di accettare un tradimento da parte della persona “amata” ..l'essere umano sopratutto quando si sente parte integrante di una coppia stabile in cui investe sentimenti è tendenzialmente convinto di essere unico e speciale per il partner e anche il/i superficiali tradimenti fisiologici, qualora palesati, sono difficili da accettare e potrebbero rompere equilibri interni.
      Parlare apertamente dei propri desideri è sicuramente di vitale importanza, dialogo e complicità viaggiano di pari passo con una buona intesa sessuale ma sentirsi dire dalla propria donna ” senti amore, oggi esco con un tipo strafigo, ho voglia di andarci a letto perchè mi piace troppo” credo, sia un shock per tutti, anche per i più emancipati… certo potrebbe seguire la frase “però io amo te , quindi è solo il mio corpo che gli concedo, nè la mia testa nè il mio cuore” rassicurante certamente, ma di importanza relativa.. La monogamia non esiste a priori, credo sia un Impegno… difficile, molto difficile da mantenere. Tutti gli essere umani, di qualunque razza, prima o poi, sopratutto dopo la prima fase di infatuazione e innamoramento sono irrimediabilmente attratti fisicamente da qualcun'altro… in questo caso restare fedeli al proprio partner diventa un impegno appunto a costo di sacrificare un pò dei propri istinti a favore di qualcosa di più grande.. se ne vale davvero la pena.

         2 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 26 settembre 2012 at 1:29

      The_Seducer:
      Ho anche vissuto fuori (Londra) beh lì il discorso cambia… città più aperta e una ragazza appariscente e carina viene viste come normale tra le altre migliaia che ci sono. Quindi in definitiva dipende anche dal contesto.
      Riguardo al fatto di tradire… io sono convinto che è impossibile restare fedeli, almeno dal mio punto di vista. Vi chiederete allora perchè ci stai?? perchè ci sto bene, so che mi vuole bene e il suo sentimento, come il mio, è sincero e disinteressato. Stiamo bene ci divertiamo e facciamo progetti, piccoli e non. Mi è capitato di tradire fisicamente ma mai di avere altre storie coinvolgenti. Io lo vedo come un bisogno fisico e non mentale … Con tutta sincerità non mi stupirei se anche lei avesse avuto una scappatella in questi anni… per la voglia di cambiare o sentire quell' attrazione iniziale e passione iniziale.
      The_S

      Purtroppo il problema delle discoteche in ItaGlia è lampante per qualunque donna sopra la media.. Immagino quanto martellino la tua che è straniera..
      Per evitare risse e litigi comprendo perfettamente la tua richiesta di vestirsi in maniera non troppo appariscente… Ben diversa la situazione in qualunque altro posto del mondo.
      Per quanto riguarda i tradimenti vedo con piacere che hai un occhio abbastanza lucido anche nei confronti dei possibili ” bisogni” della tua donna e questo ti fa solo onore. Di solito il tradimento maschile è contemplato, accettato e giustificato dalla società, diversamente quello di una donna che invece viene etichettato e bandito. In bocca al lupo :)

         1 Mi Piace


      • capitan_ninja
      • capitan_ninja

      • 26 settembre 2012 at 1:32

      Ciao whitestyle, ottimo topic.
      Concordo con l'intervento dell'amico tiro. Aggiungo solo che, oltre al ceto sociale, fattore importante é il grado d'istruzione e di conseguenza culturale della persona. Credo infatti che la persona da te descritta non sarebbe stata in grado di sostenere una conversazione di livello culturale poco piú che elementare. Quando interagisco con brasiliani, un piccolo test che sottopongo sottilmente per capire chi ho davanti, é quello di inserire nella conversazione semplici calcoli matematici e alle volte se ne escono con degli strafalcioni pazzeschi. Sull'appariscenza della signora, non penso che sia da inquadrare nella questione socio-culturale brasiliana. Piú semplicisticamente, penso che la persona si sia infiocchettata per mostrarsi esclusivamente al suo uomo e magari neanche se l'aspettava di uscire in compagnia di altre persone. Credo che il concetto di emancipazione sessuale piú evoluto stia propio lí. Se una ragazza brasiliana accetta un tuo invito e si presenta “appariscente” é perché vuole veramente dartela, non fa finta, e questa é la forma piú comune che hanno per dimostrarlo. Semplice cosí.

         1 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 26 settembre 2012 at 2:06

      Leon:
      ….Mai giudicare le donne dall''apparenza, sarebbe un errore madornale e grossolano, spesso quelle meno “vistose” sono le “peggio”, diciamo appartengono alla categoria:
      “mamma Ciccio mi tocca – Ciccio toccami che mamma non c'è”.
      2) Dichiarare un tradimento sessuale al proprio partner? E' un colpo al cuore che fa molto male, se si vuole tradire bisogna anche saperlo fare.
      Considerando anche il posto in cui lavoro diciamo che mi capita in media un'occasione l'anno (è MAI da me cercata), per paura di essere scoperto dalla moglie ho sempre declinato l'invito, e per 2 ancora mi mordo le mani….
      Diciamo che per sentirmi un pò più apposto con me stesso mi son concesso sfoghi sessuali solo con prostitute, in quanto è un tradimento esclusivamente di carattere fisico.
      Il Guaio Enorme è quandotrovi quella che invece di farti rizzare l'uccello ti fa battere il Cuore.
      Preferisco fermarmi qui.
      3) Anche su questo punto concordo in linea di massima con l'Amico LittleTruths.
      Però quando hai oltre 16 anni fra convivenza e matrimonio e pure 2 figli…..

      Mai giudicare le donne dalle apparenze, sono pienamente d'accordo.. potrei stilare un elenco di donne che vanno in giro vestite da monache e sguardo basso che potrebbero fare concorrenze alle peggio troie.. altre che invece sono appariscenti si, ma sono quello che vedi…
      Per quanto riguarda il discorso della monogamia, mi pare di comprendere che per “amore” della tua donna tu abbia rinunciato a delle occasioni che potevano mettere in difficoltà la vostra unione … quindi Sì al tradimento puramente fisico con Pro, No a quello in cui potresti trovare un coinvolgimento emotivo in cui il tuo rapporto potrebbe risentirne.
      Su questo punto vorrei dire due parole… Spesso mi sono trovata ad affrontare il problema della differenza tra il tradimento uomo-donna anche per la mia professione… Evitando di generalizzare, parlando quindi in base ad una campionatura di donne italiane, dico che in genere il tradimento di quest'ultime non è Mai tradimento puramente fisico, fine a se stesso, il percorso che loro fanno per arrivare a tradire è praticamente l'inverso da quello da te esposto… si parte in questo caso dalla coppia in cui loro avvertono disagi, mancanze e carenze, si concedono quindi con lo scopo di trovare nel nuovo partner, un compagno fisso da sostituire. In questo il tuo discorso come quello di @the_seductor è sicuramente più rispettoso e paradossalmente più morale… in questa differenza di concepire il tradimento trovo molta più finzione da parte del popolo femminile rispetto a quello maschile.

         1 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 26 settembre 2012 at 2:24

      capitan_ninja:
      Se una ragazza brasiliana accetta un tuo invito e si presenta “appariscente” é perché vuole veramente dartela, non fa finta, e questa é la forma piú comune che hanno per dimostrarlo. Semplice cosí.

      Buonasera capitan_ninja :) comprendo perfettamente, infatti vestirsi in maniera molto appariscente è comq un messaggio che in qualche modo si vuole trasmettere.. Anche se in teoria una donna potrebbe essere intenzionata a “darla” anche in jeans e camicia, togliendo i vestiti esclusivamente per l'uomo con cui è uscita, senza bisogno di far girare tutti :)
      In ItaGlia su questo argomento spesso si ragiona al contrario: minigonna giro fica solo guardare e non toccare… in questo atteggiamento tutta la finzione e la contraddizione delle donne locali :D

         2 Mi Piace


      • Leon
      • Leon

      • 26 settembre 2012 at 2:51

      whitestyle,

      Ciao,
      Credo tu abbia colto un aspetto Importantissimo:
      La grande differenza fra uomo e donna è che l'uomo sa distinguere l'attrazione fisica dal resto, la donna invece cerca (spesso illudendosi) sempre altro.
      Eppure noi uomini saremmo cosi facili da capire…….
      Ciao.

         2 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 26 settembre 2012 at 18:53

      tutto giusto, tutto bello ma…come mai io quando vedo l'Avatar de Whitestyle me eccito ??? :-* :heyhey

         2 Mi Piace


      • xaus
      • xaus

      • 28 settembre 2012 at 5:32

      aurelius:
      tutto giusto, tutto bello ma…come mai io quando vedo l’Avatar de Whitestyle me eccito ???

      aurè…della serie basta un colpo de vento eh?

         3 Mi Piace


      • xaus
      • xaus

      • 28 settembre 2012 at 5:44

      buonanotte Miss White
      rispondo ai tuoi quesiti
      1.fondamentalmente che uomini e donne si vestano come cazzo gli pare. Definendo la brazil “sopra le righe” forse manifesti un pizzico di invidia, mentre il maschio italico pensa immediatamente gonna corta= donna facile
      2.vero che il sesso è un’esigenza fisica;secondo me sia uomini che donne sono perfettamente in grado di scopare senza coinvolgimenti sentimentali.E vero pure è che non dovrebbe essere un dramma.Però da noi è impossibile da accettare, per cui meglio tacere. Confessare un tradimento alla propria compagna solo se si vuole rompere la relazione. E soprattutto, mai MAI per alleggerirsi la coscienza…è da vigliacchi.
      3.La monogamia esiste? Si…e i politici lavorano per il bene del paese e non rubano

         3 Mi Piace



    • xaus,

      ..heheheheheh… :))

         2 Mi Piace



    • Signorina Whitestyle,
      Mi piacerebbe sapere cosa ne pensa dell’argomento secondo cui il tradimento di un uomo e quello di una donna sono da interpretare in modi totalmente differenti…

         1 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 28 settembre 2012 at 11:06

      xaus,

      eheheh…diciamo qlss leggera brezza! No, ultimamente piu’ che scrivere mi piace leggere…e ho letto tutto con piacere e la mia era una chiusa, una summa degli interventi…della lady in particolare !!! ;-)

      Cioe’, che cmq le donne piacciono, italiane, braz, gonna lunga, corta, modi pudici, modi da troia…ma insomma se ci piace una…si prova ! essendo corrisposti logico! poi il tradimento di lei o lui…qual’e’ piu’ lecito…mah, nn saprei. troppo ampio come discorso e troppe sfaccettature o interpretazioni personali. Se si e’ liberi nelle azioni e nei pensieri tutto e’ lecito, rispettando i propri valori etici e morali. tutto qua.

      Un saluto a tutti, complimenti al capitano per l’aggiornamento del blog…e un eccitato ciao a White !!! ahahah :)) :drool :lov :heyhey

         1 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 28 settembre 2012 at 14:25

      xaus:
      buonanotte Miss White
      rispondo ai tuoi quesiti
      1.fondamentalmente che uomini e donnesi vestano come cazzo gli pare. Definendo la brazil “sopra le righe” forse manifesti un pizzico di invidia, mentre il maschio italico pensa immediatamente gonna corta= donna facile

      ciao Xaus:) “sopra le righe” perchè un abito non solo succinto ma anche trasparente e incollato al corpo per il contesto ItaGliano è decisamente sopra le righe… insomma non capita tutti i giorni di vedere un abbigliamento del genere in pieno centro… poi che sia giusto o sbagliato è una questione prettamente legata alla propria personalità… Ognuno è libero di indossare ciò che vuole, l’importante è sentirsi bene ed essere a proprio agio.. Per il resto concordo… se poi inseriamo anche la nostra indegna classe politica nell’argomento ci sarebbero lunghi papiri da scrivere in merito… ma mi limito a darti ragione:)

         0 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 28 settembre 2012 at 15:20

      LittleTruths:
      Signorina Whitestyle,
      Mi piacerebbe sapere cosa ne pensa dell’argomento secondo cui il tradimento di un uomo e quello di una donna sono da interpretare in modi totalmente differenti…

      Rispondo anche a @Leon. In realtà l’argomento è piuttosto lungo e complesso. Dato per assunto che parliamo sempre a grandi linee su campionature di donne italiane che ho avuto modo di conoscere nel dettaglio e analizzare, dico che la faccenda risale ai primordi… La nostra cultura impone una differenza sostanziale e innegabile sulla concezione dell’uso del nostro corpo.. Le donne, anche se con l’evolversi della civiltà sempre meno, vengono educate alla concezione del proprio corpo come un valore aggiunto, un “dono” il famoso “potere della fica” detto nella lingua di Voltaire:D che ognuna crescendo, sviluppa, interpreta e condivide in maniera diversa ma più o meno sempre con le stesse dinamiche… Una Pro vende il suo “dono”, una Indpay lo baratta, una free lo concede come regalo a chi merita secondo i suoi personalissimi parametri. Prendiamo quindi in esame l’ultimo tipo di donna, la free, quella che “regala” qualcosa… Voi a chi fate un regalo di solito? ad un amico a cui volete bene, alla mamma per natale, al fratello, ad una persona per cui provate un sentimento di affetto, stima e o altro… Per questo tipo di persone funziona così, anche quando tradiscono… magari hanno delle mancanze a livello affettivo, incomprensioni con il loro partner, mancanza di attenzioni come loro le concepiscono e sono “quelle” che cercano in un altro uomo, il sesso è lo step successivo non il passo iniziale.. E anche quando queste donne non siano soddisfatte sessualmente, quindi tradiscono per questo motivo, la mancanza dal punto di vista sessuale non è mai legata al fatto che ad esempio quel partner ” non fa ” determinate cose…la mancanza è spesso legata alla sfera emotiva che entra in gioco nel rapporto sessuale… per una donna un uomo ” freddo” è quello che approccia all’atto sessuale senza “poesia” ; per una uomo, una donna “fredda” è una donna limitata agli standard di performance. Tornando in topic, quando il tipo di donne in esame hanno fatto sesso e regalato quindi quello che loro ritengono importante si sono matematicamente coinvolte e compromesse ad un buon 80% , da qui nasce ” illusione” e le aspettative di cui parlava Leon…
      L’uomo da sempre viene “educato” alla maniera opposta. Per lui il corpo ( tranne casi di prostituzione) generalmente non è merce di scambio o dono… ma semplice mezzo per appagare il proprio piacere fisico… Darlo in giro, non comporta nessun regalo… anzi tutt’altro…Partendo quindi da questi presupposti il tradimento di un uomo puramente fisico è davvero qualcosa di circoscritto al puro piacere sessuale. Chiusa la performance si chiude il capitolo, se ci fosse un telecomando per far sparire dal letto la tipa, alzi la mano chi non lo acquisterebbe? :D
      Spesse volte (senza quindi contare i casi nel dettaglio) mentre l’atto sessuale del tradimento, per una donna diventa il punto d’inizio di qualcosa.. per l’uomo è la fase di chiusura.. avuto quello che voleva arrivederci e grazie. Spesse volte amici e pazienti mi hanno posto la questione : ” ma com’è possibile che questa si è già innamorata e io non ho fatto nulla?” ecco, in quel ” io non ho fatto nulla” c’è tutto un universo di cose che per la donna in questione magari sono di vitale importanza… sopratutto se prendiamo in analisi ragazze uscenti da relazioni devastate, persone per cui anche solo un sms è considerato un gesto importante..
      Uomini e Donne hanno sensibilità diametralmente opposte che trovano dei picchi di contatto esclusivamente su determinati territori e o quando entrano in ballo veri sentimenti da entrambe le fazioni:)
      il discorso sarebbe ancora lungo da espletare.. se volessimo considerare anche altri fattori come le differenze reattivo-chimiche sull’ ” eccitazione” e tempi di astinenza e resistenza sessuale che intercorrono tra uomo-donna:)

         4 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 28 settembre 2012 at 15:25

      aurelius,

      aurelius:
      xaus,

      No, ultimamente piu’ che scrivere mi piace leggere…

      Un caro saluto a te :heyhey buon aurelius

         1 Mi Piace


        • aurelius
        • aurelius

        • 28 settembre 2012 at 17:40

        Ciao cara. sto’ passando dei momenti personali in cui ripeto, leggo piu’ chescrivere. leggo tutti e con piacere e anche a te logicamente, e il tuo punto di vista, sempre cmq interessante. a presto :-* :heyhey

           1 Mi Piace


      • xaus
      • xaus

      • 28 settembre 2012 at 15:45

      che bella atmosfera che regna qui…sembra il blog del mulino bianco! :dreaming

         2 Mi Piace


        • aurelius
        • aurelius

        • 28 settembre 2012 at 17:37

        ahahah…dai xaus, tranqui ! capisco che venendo da Grandi Testicoli e’ rimasto lo spirito battagliero, ma dai…sull’isoletta tropicale del Cpt si chiacchiera in relax, con sdraio e caipirinha…o amaca e ron, dipende dai tipi…se pirati o vacanzieri! :-) B-) :doubleup

           2 Mi Piace


      • xaus
      • xaus

      • 28 settembre 2012 at 17:42

      aurelius,

      per me sdraio e caipirinha , anche se il mio drink preferito è Tanqueray and tonic :bz

         3 Mi Piace



    • whitestyle: Rispondo anche a @Leon. In realtà l’argomento è piuttosto lungo e complesso. Dato per assunto che parliamo sempre a grandi linee su campionature di donne italiane che ho avuto modo di conoscere nel dettaglio e analizzare, dico che la faccenda risale ai primordi… La nostra cultura impone una differenza sostanziale e innegabile sulla concezione dell’uso del nostro corpo..Le donne, anche se con l’evolversi della civiltà sempre meno, vengono educatealla concezione del proprio corpo come un valore aggiunto, un “dono” il famoso “potere della fica” detto nella lingua di Voltaire:D che ognuna crescendo, sviluppa, interpreta e condivide in maniera diversa ma più o meno sempre con le stesse dinamiche… Una Pro vende il suo “dono”, una Indpay lo baratta, una free lo concede come regalo a chi merita secondo i suoi personalissimi parametri. Prendiamo quindi in esame l’ultimo tipo di donna, la free, quella che “regala” qualcosa…Voi a chi fate un regalo di solito? ad un amico a cui volete bene, alla mamma per natale, al fratello, ad una persona per cui provate un sentimento di affetto, stima e o altro…Per questo tipo di persone funziona così, anche quando tradiscono… magari hanno delle mancanze a livello affettivo, incomprensioni con il loro partner, mancanza di attenzioni come loro le concepiscono e sono “quelle” che cercano in un altro uomo, il sesso è lo step successivo non il passo iniziale.. E anche quando queste donne non siano soddisfatte sessualmente, quindi tradiscono per questo motivo, la mancanza dal punto di vista sessuale non è mai legata al fatto che ad esempio quel partner ” non fa ” determinate cose…la mancanza è spesso legata alla sfera emotiva che entra in gioco nel rapporto sessuale…per una donna un uomo ” freddo” è quello che approccia all’atto sessuale senza “poesia” ; per una uomo, una donna “fredda” è una donna limitata agli standard di performance. Tornando in topic, quando il tipo di donne in esame hanno fatto sesso e regalato quindi quello che loro ritengono importante si sono matematicamente coinvolte e compromesse ad un buon 80% , da qui nasce ” illusione” e le aspettative di cui parlava Leon…
      L’uomo da sempre viene “educato” alla maniera opposta. Per lui il corpo ( tranne casi di prostituzione) generalmente non è merce di scambio o dono… ma semplice mezzo per appagare il proprio piacere fisico… Darlo in giro, non comporta nessun regalo… anzi tutt’altro…Partendo quindi da questi presupposti il tradimento di un uomo puramente fisico è davvero qualcosa di circoscritto al puro piacere sessuale. Chiusa la performance si chiude il capitolo, se ci fosse un telecomando per far sparire dal letto la tipa, alzi la mano chi non lo acquisterebbe? :D
      Spesse volte (senza quindi contare i casi nel dettaglio) mentre l’atto sessuale del tradimento, per una donna diventa il punto d’inizio di qualcosa.. per l’uomo è la fase di chiusura.. avuto quello che voleva arrivederci e grazie.Spesse volte amici e pazienti mi hanno posto la questione : ” ma com’è possibile che questa si è già innamorata e io non ho fatto nulla?” ecco, in quel ” io non ho fatto nulla” c’è tutto un universo di cose che per la donna in questionemagari sono di vitale importanza… sopratutto se prendiamo in analisi ragazze uscenti da relazioni devastate, persone per cui anche solo un sms è considerato un gesto importante..
      Uomini e Donne hanno sensibilità diametralmente opposte che trovano dei picchi di contatto esclusivamente su determinati territori e o quando entrano in ballo veri sentimenti da entrambe le fazioni:)
      il discorso sarebbe ancora lungo da espletare.. se volessimo considerare anche altri fattori come le differenze reattivo-chimiche sull’ ” eccitazione” e tempi di astinenza e resistenza sessuale che intercorrono tra uomo-donna:)

      :victory Interessante…non l’avevo mai considerata in questi termini… :-?
      Si direbbe che quando un’uomo é coinvolto emotivamente da una donna e non la bazzica semplicemente per fini ludici, allora entrano in gioco un pò le dinamiche “standard femminili”…

         3 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 28 settembre 2012 at 21:25

      LittleTruths,

      beh diciamo che quando un uomo è coinvolto emotivamente inizia anche a “pensare” e i pensieri mettono in atto quel meccanismo di “seghe” che di solito si attribuiamo principalmente all’universo femminile:) anche per quanto riguarda la sfera sessuale si avvertono cambiamenti .. che si traducono semplicemente nella differenza tra “fare l’amore” e “fare sesso”.

         2 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 28 settembre 2012 at 21:28

      aurelius:
      Ciao cara. sto’ passando dei momenti personali in cui ripeto, leggo piu’ chescrivere.

      Carissimo, fai quello che più ti senti, leggi, scrivi, sappi che per me/noi è sempre un gran piacere averti qui e in bocca al lupo per le tue cose:)

         0 Mi Piace


      • xaus
      • xaus

      • 28 settembre 2012 at 23:03

      cara white, a proposito di quel telecomando….eeehmm…dove hai detto che si compra? Da Trony? Allora ecco, le file non sono per l’aifoncinque :rotfl

         3 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 28 settembre 2012 at 23:05

      ahahahahha :rotfl ecco adesso l’ho detto! svelato l’arcano hahahaha :rotfl

         0 Mi Piace


      • loup_garou
      • loup_garou

      • 30 settembre 2012 at 15:42

      whitestyle… devo dire che ero più d’accordo con te nella vita precedente ;-)

      ti faccio solo un appunto su una cosa che hai scritto e poi passo a dire la mia:

      ” Devo dire che di solito non sono una che cammina inosservata… ”
      ahi ahi questa frase è vagamente melanzanesca… ;-) come dire, io sono una principessina e tutti mi guardano….

      passando al tema del tuo post.
      ti dico subito che questa storia non mi convince, ma proprio per niente. non dico che sia falsa, naturalmente, ma le conclusioni che fai (o fa sta brasiliana).
      Mi spiego. Secondo me la coppia brasiliana/cornuto italiano deve essere evidentemente una coppia aperta se il marito accetta che sta mignotta gli faccia così apertamente le corna :vaca
      In tutto il mondo, non solo nella nostra brutta Italia, generalmente chi fa le corna cerca di nascondere la cosa, e questo è vero a Roma come a Tokyo come a Los Angeles come nel più sperduto paese della Siberia o del Brasile.
      Una cosa così esplicita non mi è mai capitata (e te lo dico, mi sono scopato un certo numero di donne sposate o già fidanSate ;-) :devil ).

      Passando alle tue domande:
      1) domanda di nessun interesse :skull
      2) per quanto tutti possano dire che un tradimento lo accetti (e in una certa misura è una cosa fisiologica) essere traditi è una ferita, soprattutto se avevi investito sentimenti, tempo, ecc. nella coppia. Io non mi farei prendere per il culo da una donna, e infatti;
      3) la monogamia non esiste. è una palla, portata avanti dall’ipocrisia e dai buoni sentimenti della società (donne in primis, non lo dico io, lo diceva un certo Jean Jacques Rousseau :wuaa ). poi ognuno ne tragga le proprie conseguenze (io ho tratto le mie, sono felice e libero da ogni rottura di palle e se voglio fedeltà e dedizione c’è il mio cane).

      Infine, una nota. L’uncia cosa che condivido pienamente del tuo post è la maggior ipocrisia delle donne italiane (non che le altre non lo siano).
      è risaputo che la donna italiana, non solo se va all’estero, ma non appena si allentano i controlli (familiari, sociali, ecc.) diventa una grandissima troia, immagino per un principio di compensazione.
      come avevo già scritto [nella vita precedente] se tutti giocassimo apertamente io non sarei così misogino. ma voi donne (mediamente) tendete a fare un po’ troppo le moraliste, quando in verità le cose stanno un po’ diversamente (e pensa alla storia della mignotta brasileira. se è vera, questa fa esattamente ciò che hanno sempre fatto gli uomini, mentre il compagno/a sta a casa a guardare dei pargoli, l’altro si fa una bella chiavata con il primo che capita ;-) )

      Spero di non essere stato troppo polemico come primo intervento da iscritto… :quakquak

         2 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 30 settembre 2012 at 17:25

      ciao loup_garou, bentrovato :) io sono sempre la stessa, magari cambiano i temi di confronto… ma le mie opinioni restano quelle di ” allora” e coincidono con quelle di “adesso” :)
      In questo racconto mi sono limitata a narrare quello che è accaduto durante la serata… che poi la brasiliana dichiari apertamente, non solo alla tavolata di amici italiani ma anche a suo marito, il suo tradimento,questo, sinceramente non lo so, magari è come dici tu… cioè che tutto il mondo è paese e che i tradimenti ai diretti interessati vengono nascosti… in questo senso però anche la brasiliana peccherebbe di una certa falsità.. :/// certo minore rispetto alla donna italiana che anche in presenza di amici e conoscenti intimi, quindi non solo del partner, negherebbe fino alla morte il fattaccio:)
      Sul fatto che l’italiana all’estero si senta più “libera” di vivere la sua sessualità come meglio crede è assolutamente vero e risaputo, concordo.. ma non per lo spirito di ” compensazione” seppur può vigere in parte ma proprio perchè fuori di casa non ci sono i compratrioti ad etichettarle come “troie”: una donna che va con tanti uomini in ItaGlia viene marchiata come una donna di facili costumi, quindi haimè agisce in maniera falsa e subldola per fare tutti “fessi e contenti” Sbagliato? SI, ognuno dovrebbe vivere la propria sessualità come meglio crede, sopratutto, come avevo già detto nella vita precedente “non si vive per accontentare gli altri”… Ma tutto questo è veramente possibile?Viviamo in una società in cui vige la repressione e si adeguano in molti… e non parlo sono di donne.. Come quando chiedi a qualche amico perchè vai per il terzo anno consecutivo a Pattaya piuttosto che visitare altri luoghi.. e questo, non ti risponde mica come il buon descarao “per andare a trovarmi una cubana e trombare” (racconto della prima Havana)… affermando quindi la Verità sbattendosene i coglioni dei giudizi;) …spesso la risposta è “perchè mi piace il clima di relax che si respira tra olii, profumi, massaggi e mare magnifico…” In tutto questo, il falso moralismo e limiti della nostra società costretta alla finzione per evitare giudizi ed “etichettamenti”://

         2 Mi Piace


      • loup_garou
      • loup_garou

      • 30 settembre 2012 at 21:42

      whitestyle,

      adesso che mi parli di Thailandia… è proprio vera questa…. io dicevo che ero stato a Patong per la spiaggia :rotfl ….. e tutti a guardarmi del tipo: seeeee

      per tornare seri… un po’ più d’accordo adesso ;-)
      tuttavia le “etichette” e i giudizi della società è vero che le applichiamo noi uomini, però voi donne siete le più brave a demolire le altre donne… ricordati che le maggiori insultatrici di donne (dopo di me) sono proprio le donne :D

         3 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 1 ottobre 2012 at 10:57

      No no, le etichette le appioppano uomini e donne indistintamente, mica solo gli uomini!:)… Infatti concordo pienamente sul fatto che le donne siano le prime ad ammonire ed additare certi “comportamenti” di altre donne sputtanandole in giro..
      Piuttosto che formare una forza coesa, volta davvero allo sviluppo, al cambiamento, all’emancipazione, ma quella Vera, non le cazzate nazi-femministe che altro non fanno che scaricare tutta la “colpa” sugli uomini
      dalle maggior parte dei “nostri” deficit.. …se queste donne si spostassero poco poco all’estero inizierebbero a fare un confronto reale con gli uomini italiani e interrogarsi un attimino su tante cose..

      L’Itaglia checchè se ne dica, resta un paese all’antica, basato ancora
      su valori come il corteggiamento, la famiglia, la coppia, il possesso, valori fortemente maschilisti-patriarcali.

      E’ vero che gli Italiani sono “puttanieri”, ma perchè? Perchè hanno più voglia di scopare degli svedesi?
      No, e ve lo sottolineo..

      Ma perchè l’UOMO in Italia ha seminato le basi per NON scopare, diffondendo un certo pensiero… che adesso provo a spiegare in base alle analisi e studi sul caso che ho fatto:

      la donna che la dà in giro facilmente E’ da considerare esclusivamente come svuota palle, non verrà inclusa nelle probabili scelte per una relazione “seria” e quindi come ipotetica madre di famiglia.. Se, come ho sottolineato prima, la nostra società si basa sulla famiglia, una donna di facili costumi non riuscirà ad integrarsi e “sistemarsi” in questo tipo di realtà, quindi al pensiero delle conseguente di “esclusione”: NON LA DA, LA DARà CON CAUTELA,
      QUANDO LA DARà 20 VOLTE MENTIRà DICENDO CHE L’HA DATA 8, SI NASCONDERà SE VORRà DARLA SPESSO.

      Il concetto è semplice, basilare, elementare.

      La mentalità che la donna scopa=troia è ormai diffusa e radicata nella testa di tutti: uomini, donne, giovani, vecchi, bambini… motivo per cui L’uomo è costretto a soddisfare i le sue esigenze sessuali su altri terreni, fare i salti mortali per scopare, andare a puttane…

      Se domani mattina (facciamo un ipotesi) tutti(molti) uomini scegliessero come compagna, fidanzata, moglie, una donna che l’ha data in giro facilmente… tempo pochi mesi… molte donne “capirebbero” che possono darla tranquillamente, perchè verrebbero scelte comq,
      rispettate anche se hanno una vita sessuale attiva e nonostante tutto “inserite” nella società patriarcale come fidanzata, moglie, compagna anche se scopano.

      Ovviamente la mia è un ipotesi, ci sarebbero le eccezioni, cioè chi non segue il branco, chi è fuori dai vari meccanismi, ma in linea di massima il risvolti potrebbero essere questi…

      Il nocciolo della questione è Voi sareste poi davvero contenti di questa rivoluzione?

      All’estero, riprendendo il discorso precedente sul libertinaggio delle italiane fuori confine, la situazione cambia..
      1) la vacanza viene vista come luogo temporaneo, non di sistemazione, ma di esclusivo “divertimento”…
      (le migrazioni a Capo Verde non sono certo per trovare il FidanSato)
      2) All’estero non Vigono regole così integerrime di giudizio, non ci sono la sorella del vicino del cugino che andrà a fare il porta e riporta…

      Tornate in Italia si ricomincia poi la farsa…

      Al di là cmq dell’emancipazione sessuale (che sinceramente vedo molto difficile perchè la rivoluzione non violenta va fatta da entrambi i piani maschile e femminile.. le rivoluzioni unilaterali non funzionano) secondo me il problema più grande che hanno “le italiane” è l’atteggiamento: sono antipatiche, schizzinose, pali di legno con la testa dritta che camminano come se avessero la terra infuocata sotto i piedi, incapaci di divertirsi, sorrisi finti e non solo con quelli quell’altro sesso.. pure con le donne stesse…

      In cosa può essere rintracciabile tutto questo?

      In primis “andazzo” che come pecore seguono il branco… in secondo luogo ancora una volta “arma di difesa” e paura dell’etichettamento: una donna che risulta simpatica, fa battute si siede al tavolo con 5 uomini con un boccale di birra e si fa 4 risate viene giudicata come “c’è qualcosa che non va”

      In Itaglia piace molto l’idea del branco, gruppetto, basta andare in giro per locali italiani: “gruppetti di donne” , “gruppetti di uomini” i quali si incontrano solo se si deve scopare.. Guai poi se una donna fidanzata, sposata ha degli Amici (e qui parlo di Amicizia nel vero senso del termine, non come trombamico) ancora una volta l’idea è :” c’è qualcosa che non torna”

      Mi chiedo come mai?

      Adesso concludo il pensiero, con due parole, senza polemica, prendendo il mio caso di esclusione dalla “precedente vita”

      Lasciando perdere per un attimo che le regole erano uno spazio per soli uomini( concetto adesso chiaro a tutti su cui non si discute)

      Ma, gli atteggiamenti che sono venuti fuori hanno messo in luce tutti i limiti della società in cui viviamo:
      L’ incapacità di relazionarsi con l’altro sesso, con conseguente segnalazione alla mammina, solo perchè un essere umano dotata di figa si era “inserito” nel gruppo, pur avendolo fatto con rispetto ed educazione..
      Tutto questo fa comprendere quanto NON siamo pronti ad un contesto eterogeno, in cui donne e uomini si confrontano e o semplicemente parlano.. è bene quindi separarci in classi distinte con grembiulino rosa e azzurro..

      Deduco quindi che i veri “viaggiatori” quelli che hanno vissuto davvero su altri territori, quelli che “hanno assimilato” concetti nuovi, diversi, che tanto invidiamo all’estero, ad esempio anche se non hai scopato in quel locale almeno ti sei divertito perchè le donne sono simpatiche, perchè con le donne si può liberamente parlare, dialogare anche di sesso senza beccarsi un ceffone,ci si può divertire alla stessa maniera con cui si fa con il tuo migliore amico.. sono veramente in pochi, pochissimi…

      Gli stessi quindi che si lamentano degli “italiani antifiga, bigotti” come il male sociale ne sono quindi i primi rappresentati.

         3 Mi Piace


      • loup_garou
      • loup_garou

      • 1 ottobre 2012 at 14:57

      ” Piuttosto che formare una forza coesa, volta davvero allo sviluppo, al cambiamento, all’emancipazione, ma quella Vera, non le cazzate nazi-femministe che altro non fanno che scaricare tutta la “colpa” sugli uomini
      dalle maggior parte dei “nostri” deficit.. …se queste donne si spostassero poco poco all’estero inizierebbero a fare un confronto reale con gli uomini italiani e interrogarsi un attimino su tante cose..

      L’Itaglia checchè se ne dica, resta un paese all’antica, basato ancora
      su valori come il corteggiamento, la famiglia, la coppia, il possesso, valori fortemente maschilisti-patriarcali. ”

      Non so se dai ancora sguardi “dall’altra parte” … però sul thread delle melanzane stiamo continuando ad insultare, bestemmiare ed ululare… ti link un paio di indirizzi su queste matte inacidite e in menopausa, così per farsi un’idea… io sarò un misogino, ma tu leggiti queste, ogni stronzata è sempre comunque un’offesa al corpo delle donne, un tratto distintivo della società maschilista e il colpo di coda del PATRIARCATO MORENTE :rotfl
      E te la butto così… sono le donne i pilastri della cosiddetta “società patriarcale-maschilista”

      http://www.facebook.com/pages/Un-altro-genere-di-comunicazione/114603571928685?fref=ts

      http://comunicazionedigenere.wordpress.com/

      Guarda cosa hanno fatto in Svezia queste malate.

      http://www.casedipiacere.it/notizie-prostituzione-mondo/263-prostituzione-la-ricetta-svedese-qsi-vince-colpendo-il-compratoreq

      http://www.casedipiacere.it/notizie-prostituzione-mondo/200-la-prostituzione-in-svezia

      ” Deduco quindi che i veri “viaggiatori” quelli che hanno vissuto davvero su altri territori, quelli che “hanno assimilato” concetti nuovi, diversi, che tanto invidiamo all’estero, ad esempio anche se non hai scopato in quel locale almeno ti sei divertito perchè le donne sono simpatiche, perchè con le donne si può liberamente parlare, dialogare anche di sesso senza beccarsi un ceffone,ci si può divertire alla stessa maniera con cui si fa con il tuo migliore amico.. sono veramente in pochi, pochissimi… ”

      Sempre [nella vita precedente] ho parlato della mia esperienza quando ho vissuto a Parigi (non dico il resto della Francia, che per certi aspetti è ancora più bigotta e “cattolica” della maledetta Italia. Le donne francesi sono molto più libere e indipendenti nel vivere la loro vita, e la “loro sessualità” (santodio come sto parlando :watevz ) rispetto alle italiane. E non dico semplicemente che se la tirano di meno… intendo proprio che se c’hanno voglia di scopare con te, le donne parigine scopano con te…. se una melanzana vuole scopare con te…. :hairpull
      in certi casi sono vere e proprie “predatrci sessuali”, ma MEDIAMENTE (poi io qui non mi riferisco alle centinaia di minoranze che abitano Parigi, mi riferisco alla “parigina media”) sono più libere nel decidere se fare sesso, con chi farlo, ecc….. E voi italiane? :Whis

         1 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 4 ottobre 2012 at 12:19

      buondì loup:) innanzitutto di dico subito che non leggo più la [vita precedente] non capisco perchè dovrei continuare a farlo.. per dare accessi ad un personaggio che ha ritenuto che la mia opinione non fosse “inerente”.. ? inoltre credo che quel luogo abbia perso personaggi importanti, coerenti, intelligenti, capaci di confronto e di dare un taglio interessante al luogo in essere… Detto questo sono andata a dare un occhio alla vecchia discussione per risponderti e dico a gran voce che io mi DISSOCIO dai pensieri estremisti delle nazi-femministe… e da tutti coloro che ” tolgono la parola ” a chi vuole intervenire.. quindi se ho criticato il mio bann, critico in assoluto anche i bann che le tipe in questione hanno fatto.. Ergo, sono per il dialogo, il confronto e il rispetto.. una società civile dovrebbe imparare a confrontarsi.. nn mi piacciono i blog monologo ;)
      Ho dato uno sguardo veloce alla pagina fb e al loro blog non riesco a leggere tutto perchè non ho tempo.. ma ci sarebbe da intervenire su parecchie cose.. tipo il fatto che loro scaricano la colpa sui maschi se esistete la prostituzione ahahah la prostituzione è il mestiere più vecchio del mondo! già ai tempi di Gesù Cristo c’era chi vendeva il proprio corpo… le donne SCELGONO di prostituirsi… a meno che nn parliamo di sfruttamento della prostituzione minorile ed entriamo in un’altra questione… Le donne per quanto povere che siano hanno sempre una seconda scelta… ho visto gente povera, senza una lira, ne tetti sulla testa andare a pulire i cessi… e piano piano migliorarsi.. smettiamola di dare sempre la colpa agli uomini per ogni minima cazzata… “povere donne prostitute sfruttate dagli uomini”… ma quando mai? Un’escort guadagna più di me… di che cazzo parlano? … c’è a chi piace vincere facile.. c’è chi fa scelte diverse… ma non parliamo di ” povere persone che HANNO DOVUTO” fare certe scelte perchè parliamo di nulla, sentito dire, qualunquismo del più generico… questo ad esempio è il mio pensiero sulla prostituzione… ma ci sarebbe un gran papiro da scrivere e sono purtroppo di corsa… sul motivo per cui le donne in italia non la danno facilmente ti ho già risposto nel post precedente:) se ti va leggilo!

         2 Mi Piace


      • dionisio
      • dionisio

      • 4 ottobre 2012 at 15:20

      whitestyle,

      “ci sarebbe un gran papiro da scrivere e sono purtroppo di corsa… sul motivo per cui le donne in italia non la danno facilmente”
      Dico una cosa brevemente altrimenti c’e’ da scrivere un papiro veramente….
      La scelta di darla o meno spetta sempre alla donna …. un amico diceva sempre che se una donna schiocca le dita trova….un uomo se pur bello ai voglia a suonare anche le nacchere…
      La cosa che non capisco è perche avercela con l’altro sesso se LORO non si godono la vita..????
      Ieri in uff. sono arrivate due tizie per fittare una stanza età 37/40 aria saccente (so’ tutto io) zitelle acide ,,,,e quando la mia metà mi decantava dicendo che ero una brava persona e che lei lavorava insieme a me queste con fare stizzoso si sono rivolte dicendo che loro erano professioniste e non dipendevano da nessuno….
      La mia metà mi ha visto “nervoso” forse per la prima volta in 8 anni….sono uscite a gambe levate.. :doubleup

         3 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 5 ottobre 2012 at 0:28

      dionisio,

      “La cosa che non capisco è perche avercela con l’altro sesso se LORO non si godono la vita..????”

      Caro dionisio, molte donne sono incazzate in primis con se stesse per non riuscire a venire fuori dagli schemi, di conseguenza, per convivere con questo loro “deficit” devono dare la colpa a qualcuno quindi alla società, e agli uomini. Se solo si comprendesse che la società siamo noi tutti e dal cambiamento di rotta del singolo partono primi miglioramenti…
      Inoltre ti dico subito che molte donne non sono inacidite solo con l’altro altro sesso ma anche con quelle delle loro specie… A me dispiace parlar male della mia razza, ma non posso negare che il fare da ” zitella acida” è cosa tipica dell’italiana anche in età giovanile.. a volte provo a studiare caso per caso, a volte dico che la situazione è talmente irrecuperabile e stagnante che si contano sulla punta delle dita le ragazze made in Italy che sorridono gratuitamente, che si mostrano cordiali, che non si pongono su un trespolo a dettar verità e questo haimè nei confronti di Voi uomini e Noi donne.
      Ad esempio quando mi trovo a conoscere nuove donne, colleghe, amiche di amiche… mi trovo spesso di fronte a donne diffidenti, che mi studiano, di cui mi devo conquistare la fiducia, quando LORO hanno deciso e capito che posso essere loro utile a qualcosa allora ok… ci sarà mica un motivo se le mie più care amiche sono una Thai e una Moldava ? entrambe colleghe e professioniste… Con questo nn voglio infangare le Italiane, c’è una percentuale che si distingue egregiamente.. ma quanta fatica devo fare per instaurare rapporti d’amicizia? tanta! quasi quanto la vostra fatica a scoparvele! (siamo nella stessa barca fratelli :D) .. inoltre anche quando finalmente mi sono sudata la loro fiducia… ti accorgi che sono terribilmente COMPLESSE, si offendono se nn le chiami spesso, se loro hanno deciso qualcosa e tu hai un contrattempo, sono macchinose, menose, si filmano e si pippano la testa di continuo… infine sono molto, ma molto infantili… e qui parlo anche di casi di donne che fanno terapia: incapaci di distinguere un complimento dal vero interesse, incapaci di rapportarsi a qualunque essere dotato di pisello piacente senza “innamorarsi ” ovviamente il tutto a livello “platonico”… perchè in realtà resta tutto nella loro testa… proprio come gli adolescenti… donne adulte.. 26-17-30 anni innamorate di chi ? dell’amico,del collega del parente che hanno visto 1 volta e gli hanno aperto lo sportello della macchina… ” io lo amo” scrivono fiumi di stronzate, arrivano dalla sottoscritta a pezzi… ma mai il coraggio di tirare fuori i coglioni e chiedere un di numero di telefono, un contatto… ma porca puttana.. ti piace uno, ma fai qualcosa! no, sta storia della prima mossa, del primo sms, tutte FISIME MENTALI inutili… sarà che io sono una strizzacervelli e tendo a trovare la soluzione più che crogiolarmi nel problema… ma sti cazzi!!

         5 Mi Piace


        • capitan_ninja
        • capitan_ninja

        • 5 ottobre 2012 at 0:42

        Azz… che massacro! :punch …tu devi essere propio speciale: é la prima volta che sento una ragazza parlare cosí.

           6 Mi Piace



        • Ebbene si Caro mio, la Signorina Whitestyle spacca di brutto….e non é per vantarmi ma modestamente ne avevo riconosciuto da subito la stoffa Piratesca! :ar
          Brava Whitestyle, standing ovation per te!
          :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap

             4 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 5 ottobre 2012 at 11:57

      GRANDE …WhiteStyle for President !!! :doubleup
      Candidata Ufficiale per la prima GANG-BANG di PV, con tutta la truppa…che si svolgera’, ovviamente, sul veliero del Capitano !!! Che avra’ l’onere e l’onore della prima cavalcata !!! BBUUUAAAHHHHH… :rotfl B-) :ohplease

      whitestyle,

         3 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 6 ottobre 2012 at 21:29

      LittleTruths,

      Grazie amici @capitan_ninja e @Little Truths :ar non sapete quanto mi farebbe piacere dire il contrario! MA cerco sempre di essere obiettiva anche se questo può sembrare crudo e sui generis!

      ps in effetti il buon Little mi ha offerto subito immediata fiducia e disponibilità…. beati coloro che hanno ancora il dono delle intuizioni:)))

         2 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 6 ottobre 2012 at 21:32

      aurelius,

      azz :skull Aurelius

         0 Mi Piace


      • gnocchettaro
      • gnocchettaro

      • 14 ottobre 2012 at 10:08

      1) l’etichetta/apparenza… Siete favorevoli all’abbigliamento appariscente delle donne? siano esse compagne, amiche, mogli? Ovviamente tenendo conto del buon
      gusto e della circonstanza… La brasiliana a mio avviso era un pò “troppo” sopra le righe… ma, una gonna corta, un tacco a spillo e una scollatura degnamente
      portata come viene giudicata?
      2) Siete d’accordo con la brasiliana sul fatto che il tradimento sessuale è in realtà un bisogno fisiologico… e quindi è giusto che come tale vada dichiarato al partner sia esso UOMO o DONNA e quindi accettato per una coppia serena?
      3) La monogamia esiste?

      Per il primo punto dipende da che tipo di mentalità ha la controparte uomo, che sia amico, compagno o marito. E’ un tipo geloso ? E’ suggestionabile ? Ecc… purtroppo e per fortuna l’ individuo è composto da plurime sfaccettature psicologiche che lo distingue dall’ oggetto immobile e apatico.

      Per il secondo punto dipende se la dichiarazione di infedeltà è recepita come tradimento o come forma di onestà dalla controparte. La domanda che l’ individuo recettore dovrebbe farsi è la seguente: ” dopo questa dichiarazione io mi sto rispettando di piu’ se accetto o se non accetto questa eventualità ? ”

      Per il terzo punto dico che sarei mooolto ottimista se dicessi che la monogamia esiste in rari casi… e comunque non è qualcosa di scientificamente dimostrabile.

      Morale: non si puo’ rispondere con un SI o con un NO secco ai 3 punti.

      Parere personale.

         2 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 15 ottobre 2012 at 22:44

      Ciao gnocchettaro:) il tuo discorso fila e nn fa una piega.. siamo tanti, abbiamo pensieri diversi, un pregresso socio-culturale differente e per questo nn possiamo reagire allo stesso modo.. sono d’accordo… anche se quando si parla di Itaglia più o meno il cerchio si stringe e le possibilità di “variare” atteggiamento sono davvero limitate.. a volte ho la sensazione che ci si assuefa ad un certo style tutto made in Italy chi non lo fa? beh resta un pò emarginato:)

         1 Mi Piace



    • In itaglia anche i ricchioni se la tirano. Stamane sono andato di primo mattino a fare una ricarica al bar vicino casa di mia madre e l’addetto é una frocetta che faceva tutta la sostenuta… :fulvit

         2 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 15 ottobre 2012 at 23:14

      sti cazzi! nn posso che darti ragione al 100% ormai è prassi che dove vai vai, la gente nn solo se la tira, ma ha sempre quella faccia inacidita bellicosa e incazzata… ma mangiatevelo un sorriso una tantum… d’altronde è l’accessorio più bello che si possa indossare! spendente 50 euro in meno per una borsa e fate un corso per allenare le mandibole!:DD

         1 Mi Piace


      • Mago Bianco

      • 4 gennaio 2013 at 17:13

      gnocchettaro:
      1) l’etichetta/apparenza… Siete favorevoli all’abbigliamento appariscente delle donne? siano esse compagne, amiche, mogli? Ovviamente tenendo conto del buon
      gusto e della circonstanza… La brasiliana a mio avviso era un pò “troppo” sopra le righe… ma, una gonna corta, un tacco a spillo e una scollatura degnamente
      portata come viene giudicata?
      2) Siete d’accordo con la brasiliana sul fatto che il tradimento sessuale è in realtà un bisogno fisiologico… e quindi è giusto che come tale vada dichiarato al partner sia esso UOMO o DONNA e quindi accettato per una coppia serena?
      3) La monogamia esiste?

      Per il primo punto dipende da che tipo di mentalità ha la controparte uomo, che sia amico, compagno o marito. E’ un tipo geloso ? E’ suggestionabile ? Ecc… purtroppo e per fortuna l’ individuo è composto da plurime sfaccettature psicologiche che lo distingue dall’ oggetto immobile e apatico.

      Per il secondo punto dipende se la dichiarazione di infedeltà è recepita come tradimento o come forma di onestà dalla controparte. La domanda che l’ individuo recettore dovrebbe farsi è la seguente: ” dopo questa dichiarazione io mi sto rispettando di piu’ se accetto o se non accetto questa eventualità ? ”

      Per il terzo punto dico che sarei mooolto ottimista se dicessi che la monogamia esiste in rari casi… e comunque non è qualcosa di scientificamente dimostrabile.

      Morale: non si puo’ rispondere con un SI o con un NO secco ai 3 punti.

      Parere personale.

      Ciao sono nuovo, e l’argomento si fa veramente interessante… Non pensate che il marito della brasiliana possa essere stato costretto ad accettare quella situazione? Perchè se è vero che esistono differenti sensibilità nel rapporto di coppia sul tema del lecito e della sincerità credo che la brasiliana in questione, conoscendo un poco la loro cultura, non farebbe mai uscire il marito con un’altra donna e dico di più, il marito arrivato a subire un’umiliazione come questa, neppure si farebbe venire in testa l’ipotesi…. Buon Anno e la Forza sia con Voi!

         3 Mi Piace



    • Mago Bianco,

      Ciao e Benvenuto a bordo! :ar
      Secondo la mia modesta opinione, non saprei fino a che punto si può parlare di essere costretti a fare qualcosa in un rapporto di coppia così come in altri tipi di rapporti sociali.
      In genere le persone fanno tutto ciò che gli si lascia fare senza che qualcuno opponga obiezioni…e sono daccordo sul punto che ci sono poche chance che la brasiliana in questione lascerebbe fare lo stesso al marito, ma d’altro canto se al marito in questione mancano le palle per far rispettare se stesso e la propria sensibilità di chi é la colpa? Della “brasiliana” che se ne approfitta o del marito senza coglioni?

         2 Mi Piace


      • Conte di Cesa
      • Conte di Cesa

      • 4 gennaio 2013 at 23:38

      aurelius,

      Great Aurelius !

         0 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 6 gennaio 2013 at 15:21

      Mago Bianco: Non pensate che il marito della brasiliana possa essere stato costretto ad accettare quella situazione?

      In parte sicuramente sì. Lei ha affermato chiaramente che suo marito è legatissimo ai suoi figli e un evetuale divorzio e /o separazione ” nn sarebbe convenuto” a nessuno… con le leggi itagliane sono sempre le donne ad avere il coltello dalla parte del manico… a meno che lui nn dimostri con dati schiaccianti, e prove di fatto l’adulterio in questione.
      Che poi lui non abbia i coglioni è certo. Concordo con l’amico Little, alla fine della fiera si ha sempre una seconda scelta nella vita.. anche se questo implica poi una bufera successiva, affrontare a piena faccia conseguenze spiacevoli..

         2 Mi Piace



      • Massì…basta avere un po’ di palle nella vita e tutto diventa possibile.
        :dreaming

           1 Mi Piace


      • Mago Bianco

      • 10 gennaio 2013 at 7:24

      whitestyle,

      Bene, bene, amica Whitestyle, ti aspettavo…Noi maghi amiamo le magie e tu mi stai seguendo…quindi Abracadabra…siamo nel salotto del tipo e ascoltiamo la conversazione che ci fu prima della famosa cena: lui: Scusa ma che fai vestita cosi?
      lei: Esco, vado a cena con amici…
      lui: Senti a me non va questa cosa, i bambini hanno bisogno di te stasera non domani, hanno bisogno di una mamma non di una zoc…
      lei: Guarda che i bambini mi amano, tu pensa ai czz tuoi piuttosto e se non ti va bene vai dall’avvocato…
      E adesso, abracadabra, magia: gli diamo le famose PALLE!
      lui: Ah si, domattina ci vado putt… ti faccio vedere io chi hai davanti…
      Dopo tre mesi: Lui sta cercando una casa in affitto e non vede i bimbi da una settimana e sa che li lascia anche a casa da soli o presso le amiche; deve mantenerla nella casa per la quale deve continuare a pagare il mutuo e sa che li ci porta a scopare gente (i bambini gli hanno raccontato solo che si chiude in camera con degli amici ma lui non è scemo). La madre dice al bambino e alla bambina che il papa all’improvviso se ne è andato e li ha lasciati soli. Lui è un duro ma non vedere i bambini che ama e sapere che forse diventeranno disadattati o peggio ipersessuali come la madre e che non saranno consolati dal fatto che il papà ha finalmente le PALLE gli crea un DOLORE disumano. Preferisce tornare indietro con un’altra magia… abracadabra e sorridere… Nonostante tutto sta molto meglio ora!
      Che la forza sia con voi!

         3 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 18 gennaio 2013 at 22:01

      Mago Bianco,

      ciao Mago:)
      in realtà nn mi pare ci siano mutui da pagare, piuttosto proprietà da perdere… e non quattro soldi.
      Forse questo uno dei motivi che spinge il presunto marito a non decidere per il divorzio…
      Ad ogni modo, da quello che ho capito tra le righe, senza scendere troppo nei dettagli, visto che si parla di persone reali e minori, lui è un padre amorevole, generoso e molto presente, in due parole : ha sposato la donna sbagliata e adesso ne paga le conseguenze.
      Ci sono momenti nella vita in cui anche l’operazione matematica più semplice in questo caso (vaffanculo troia) diventa difficile perchè ci sono in ballo troppe varianti, la vita di creature che hai messo al mondo e il lavoro che in una vita hai costruito. Concordiamo quindi :)

         1 Mi Piace


      • dionisio74

      • 19 gennaio 2013 at 1:14

      whitestyle,

      Minchia.white ……hai appena dipinto l’incubo di ogni uomo.
      Cmq

         2 Mi Piace



      • Si, effettivamente mi é capitato anche a me di conoscere casi simili in cui un lui troppo buono si era andato a mishiare con una canaglia troppo infame…ed ovvio, mi é capitato anche di vedere la situazione opposta, of course.

           2 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 19 gennaio 2013 at 2:09

      dionisio74,

      ciao dionisio :)
      potessi cambiare le cose con un tocco di magia lo farei … purtroppo gli errori si pagano… alcune leggerezze si scontano amaramente:/

         0 Mi Piace


        • Mago Bianco

        • 20 gennaio 2013 at 7:04

        Amica White, e che ci sto a fare io? Il tocco di magia è il mio mestiere, e poi sei bianca come me! Dammi tempo, sono un mago pigro, sto pensando pensando… intanto buona Domenica a tutti, abbiamo già fatto una magia, siamo entrati dentro, dentro al mistero, al di la delle apparenze che ingannano quasi tutti. Ma non Te, Little Truths e Dioniso! Grande gruppo e che la forza sia con voi!

           0 Mi Piace


      • loup_garou
      • loup_garou

      • 22 gennaio 2013 at 13:46

      Mago Bianco: whitestyle, Bene, bene, amica BR>E adesso, abracadabra, magia: gli diamo le famose PALLE!lui: Ah si, domattina ci vado putt… ti faccio vedere io chi hai davanti…Dopo tre mesi: Lui sta cercando una casa in affitto e non vede i bimbi da una settimana e sa che li lascia anche a casa da soli o presso le amiche; deve mantenerla nella casa per la quale deve continuare a pagare il mutuo e sa che li ci porta a scopare gente (i bambini gli hanno raccontato solo che si chiude in camera con degli amici ma lui non è scemo). La madre dice al bambino e alla bambina che il papa all’improvviso se ne è andato e li ha lasciati soli. Lui è un duro ma non vedere i bambini che ama e sapere che forse diventeranno disadattati o peggio ipersessuali come la madre e che non saranno consolati dal fatto che il papà ha finalmente le PALLE gli crea un DOLORE disumano. Preferisce tornare indietro con un’altra magia… abracadabra e sorridere… Nonostante tutto sta molto meglio ora!Che la forza sia con voi!

      E bravo il Mago Bianco!!! con un incantesimo hai appena svelato l’Arcano.
      Come diceva il famoso filosofo di Zagarolo: “so’ tutti boni a fa i froci cor culo degli artri”
      Traduco: sono brav(e) tutt(e) a fare le emancipate quando non c’hanno nulla da perdere!!! ;-)

         4 Mi Piace


      • Mago Bianco

      • 25 gennaio 2013 at 9:55

      loup_garou,

      Grazie Loup, mi spieghi il tuo nome? Quando si riesce a entrare in un’altra situazione che non ci appartiene, li c’è Magia, è molto raro, è molto più facile tradurre dall’arabo al cinese che entrare nella vita di chi ci sta accanto. A questo serve anche questo Blog, a capire e fare Magie! E alla fine della giorstra le esperienze catastrofiche ti dicono che devi cercare nuove armi, nuovi schemi, nuove bandiere, per la prossima battaglia, perchè c’è da combattere per avere il meglio, si amici miei ve lo dice il Mago, e il nemico sono i bisogni privati che si porta dentro ognuno di noi e che sbagliando alimentiamo troppo a lungo anche in chi desideriamo di più. Allora, prendiamo il comando o ci accontentiamo di guardare la vita dalla finestra come si fa con le fiction in TV?

         0 Mi Piace


      • loup_garou
      • loup_garou

      • 28 gennaio 2013 at 11:57

      Mago Bianco:
      loup_garou,

      Grazie Loup, mi spieghi il tuo nome?

      Volentieri… purtroppo anche io sono stato vittima di un incantesimo tanti anni fa.. ma non è stata la magia di un Mago Bianco, bensì quella di un Necromante esperto nelle arti Oscure… da allora, come in questi giorni, nelle notti di plenilunio (ma non solo in quelle a dire il vero :D ) mi sale questa febbre incontrollabile per cui divento un lupo puttaniere… e sono costretto a mettermi in macchina e a dirigermi verso le strade di periferia ai margini della città finchè la febbre non si placa in qualche stradina di campagna, ululando sotto la luna :ar :hallow

         3 Mi Piace


      • loup_garou
      • loup_garou

      • 28 gennaio 2013 at 11:58

      :yay

         0 Mi Piace


      • loup_garou
      • loup_garou

      • 28 gennaio 2013 at 12:06

      ” A questo serve anche questo Blog, a capire e fare Magie! E alla fine della giorstra le esperienze catastrofiche ti dicono che devi cercare nuove armi, nuovi schemi, nuove bandiere, per la prossima battaglia ”

      Comunque, per tornare al topic del thread, come già ti ho detto hai riposto la questione nella giusta prospettiva. Sinceramente il problema della monogamia vera o presunta mi interessa ben poco, avendo fatto un’altra scelta di vita, però certo, non so fino a che punto portare a esempio la brasiliana di questa storia sia indicativo di “emancipazione VS melanzane”…. intendo dire, l’emancipazione è anche e soprattutto emancipazione sessuale… però, come ho già scritto, questo più che un esempio di emancipazione mi sembra l’esempio di una furbacchiona!
      Eh certo… il padre è “troooooppo legato ai figli” per poter sopportare l’onere di una separazione e il distacco della lontananza dai figli (perchè se li prenderebbe la mignotta)…Insomma questo è il tipico caso di una società, quella italiana, che effettivamente non dà emancipazione vera alle donne, ma nel frattempo consente loro dei mezzi di rivalsa disgustosi come ad esempio la forza della legge in caso di divorzio…. entro cui mignotte come questa hanno vita facile nel fare quel cazzo che vogliono… alla faccia dell’emancipazione! ;-)

      ,

         4 Mi Piace


      • Mago Bianco

      • 1 febbraio 2013 at 7:15

      loup_garou,

      Esatto Loup, pensandoci bene sento che c’è una domanda sotto sotto che ultimamente ci siamo fatti senza rispondere e che fa vedere le cose in una nuova prospettiva. Forse col Brasile abbiamo finito, è un Paese meraviglioso, con donne meravigliose anche se qualcuna si porta dei segreti dentro, spesso terribili e inconfessabili, ma, dove più dove meno succede in tutto il mondo. La domanda è: si può reagire a un ricatto costante come per alcuni può essere un matrimonio sbagliato? Come se ne esce alla grande o alla meno peggio? Lo so che è una domandona ma non mi sento di lasciare li il maritino dopo esserci divertiti a sue spese! Riaprirei un post su questa domanda “Il matrimonio è davvero la tomba dell’Amore?”… se la domanda è quella giusta… Che la forza sia con voi!

         1 Mi Piace



    • :dreaming

         1 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 28 settembre 2014 at 15:57

      :dreaming :dreaming :dreaming
      Ho appena messo vari passaggi nello Scrigno.
      @whitestyle :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman :youdaman

         1 Mi Piace


      • AtiLeong
      • AtiLeong

      • 28 settembre 2014 at 18:43

      Cara dottoressa sempre saporiti i suoi scorci di vita negli orti italici.
      Ma se debbo esserle sincero, La brasiliana che ha conosciuto da come me la descrive me pare fosse un travone o un operato. :))
      I chirurghi estetici a s.paulo so forti sá…..
      Ho imparato a diffidare delle brazuke troppo alte e atletiche, specie in Italia.
      E mi puzza che il suo atteggiamento sia stato volontariamente provocatorio in risposta all’ ostilitá della melanzanica.
      Se é vero che in Brasile non sono sessualmente repressi come in Italia ( ma ci vuol poco ) non é peró vero che il tradimento e la promisquitá sessuale siano un fatto cosí normale e socialmente accettabile.
      Esiste in certi ambiti sociali, soprattutto tra le classi piú povere, ma lo ho riscontrato anche nelle periferie di Lisbona tra gli immigrati brasiliani e africani, una certa abitudine all’ indypay: una ragazza si fa facilmente vari sponsor che le permettono di arrotondare le magre entrate e certi fidanzati magari fanno finta di niente e ci marciano pure ( ma solo alcuni per quel che mi consta ).
      Rispondendo alle sue domande:
      1) Non sono un amante della donna che gira molto vistosa, specie se la sto accompagnando. Non mi piace attirare l’ attenzione, specie per un motivo cosi “basic”. Trovo sia una forma di insicurezza un po’ puerile sentire la necessitá di rendersi particolarmente attraente per uscire fuori in strada :
      Non mi si fraintenda, non mi disturba affatto una eleganza sensuale MA deve essere misurata col metro ( introvabbile, devi andar a occhio ) del buongusto.
      Quelle coi vestiti strettissimi, trasparenti e cortissimi spesso non sono che l’equivalente dei tamarri canotta-bicipitone tatuato- ingellatabronzatissimi occhalonscuro depicilgliati.
      La necessitá di essere visivamente apparescenti mi suona a volte uno sgraziato e patetico tentativo di attrarre l’attenzione, un po’ come quelli che urlano in strada:
      Poropoopoooo…
      Ma alla fine della fiera questo é un aspetto che mi interessa veramente poco e se devo uscire con una e mi si presenta apparecchiata a troione non me ne cruccio granché. Bevo, rido e abballo la mia kizomba lo stesso…
      Vale quindi sempre e comunque il sacro FUPCCVP.
      2 e 3 ) faccio fatica a parlare per tutti, ogniuno di noi ha la sua sessualitá specifica e differente, ci sono persone iposessuali che hanno poche o nulle pulsioni sessuali, ci sono quelli che gli piace vedere che gli scopano la moglie quelli che gli piacciono le galline, quelli che si sparano le seghe con le scarpe da donna o annusando le mutande delle ragazzine….
      Quanti siano in questo caos i “natural born” monogami non lo so.
      Ma rappresentano lo standard socialmente piú accettato e lodato nella maggior parte delle societá esistenti.
      Credo sia per una questione di quieto vivere, pace sociale.
      La libertá sessuale implica un saper scindere completamente il binomio sesso-possesso cui siamo culturalmente e in qualche misura “etologicamente” legati.
      Sicché credo che l’ unica salvezza per non finire o frustrati o in mezzo a casini la vita tutta stia nella discrezione, nell’ ipocrisia o nell’ evitare di stabilire legami stabili.
      E brutto dire le bugie. Ce lo insegnano fin da piccini. Ma ci son bugie che han salavato vite, generato gioia e nessuna tristezza….sta storia del sacro valore della VERITÁ a tutti i costi son giunto alla conclusione che é una cazzata pazzesca.
      La veritá puó fare stragi, vi son persone disposte ad ammazzare in nome della veritá. O quella che pensano tale. La fame di veritá e seconda solo alla fame d’oro per pericolositá: bevetevi un amaro, fatevi una troia e accarezzate il gatto che ti si struscia sulla gamba quando torni a casa. La vita e gli dei ti sorridono.
      Fanculo i drammi del “dimmi la veritá!” – “mi hai tradito !?” Con tanto di lacrimozzoli di contorno.
      Ma non é facile stabilire una “relazione aperta” . La maggior parte delle donne e una parte significativa degli uomini ne é incapace. Personalmente no ho mai avuto una partner disponibile a sto tipo di relazione, sicché vi sono disponibile “teoricamente” ma non sono mai stato messo alla prova. :Boh

         7 Mi Piace


      • magic_mirror
      • magic_mirror

      • 29 settembre 2014 at 9:33

      @AtiLeong :youdaman
      @whitestyle
      Bello questo episodio del 2012!
      Copevolmente mi sono perso i tuoi scritti …cercherò di recuperare quanto prima.
      Riguardo il tradimento credo sia abbastanza assodato che l’uomo tradisce per istinto….quindi un eventuale scappatella non è da prendersi sul “personale”.
      Ammettere un tradimento? MAI.
      negare…negare negare sempre fino alla fine, anche di fronte alla prova più schiacciante…come quando Michael Corleone di fronte alla supplica della sorella Connie di dire la verità sul fatto se sia stato lui a far ammazzare il loro fratello Fredo…risponde…NO! (L’importante è fare anche la stessa espressione del volto)

         4 Mi Piace


      • onegold
      • onegold

      • 29 settembre 2014 at 10:34

      @Little Thruts: cit. ” in Italia anche i ricchioni se la tirano” ahahahah bella li un altro tatuaggio da fare! :rotfl

      @whitestyle

      etichetta/apparenza… Siete favorevoli all’abbigliamento appariscente delle donne? siano esse compagne, amiche, mogli? Ovviamente tenendo conto del buon
      gusto e della circonstanza… La brasiliana a mio avviso era un pò “troppo” sopra le righe… ma, una gonna corta, un tacco a spillo e una scollatura degnamente
      portata come viene giudicata?

      Personalmente non apprezzo MAI l’abbigliamento da zoccolona o sexy forzato, in più invece penso che “smonti” IMHO

      2) Siete d’accordo con la brasiliana sul fatto che il tradimento sessuale è in realtà un bisogno fisiologico… e quindi è giusto che come tale vada dichiarato al partner sia esso UOMO o DONNA e quindi accettato per una coppia serena?

      Quoto Magic… MAI confessare niente

      3) La monogamia esiste?

      …da parte mia NO

         1 Mi Piace


      • Matt
      • Matt

      • 29 settembre 2014 at 12:58

      CaVa DottoVessa molto divertente l’episodio, nel quale hai dimostrato buona volontà e apertura mentale.
      A me invece viene da assumere una posizione intransigente, forse da ItaGliano: esistono il decoro, la discrezione, l’eleganza e l’umiltà, tutte doti che la Brasiliana ha dimostrato di non conoscere, a prescindere da qualsiasi differenza culturale.
      Una persona è libera di avere convinzioni diverse e anticonvenzionali, ma non dovrebbe sbatterle in faccia agli altri al primo incontro. Se poi ti presenti da straniera e da sconosciuta a un gruppetto di amici, dovresti farlo in punta di piedi, con rispetto.
      L’arroganza e la volgarità non sono sinonimo di intelligenza e libertà di pensiero, semmai vanno a braccetto con l’ignoranza. Si puo’ essere sexy ed esuberanti mantenendo una certa eleganza e decoro, e adeguandosi all’occasione e all’ambiente. Non so quali fossero le premesse della vostra cenetta informale e il vostro grado di amicizia, pero’ mi sembra che anche il tuo amico abbia mostrato poco rispetto nel coinvolgervi. Insomma, capisco e approvo la reazione della tua amica.
      Quindi, per rispondere alle domande specifiche:
      1) etichetta/abbigliamento: sexy-elegante si, finanche provocante se la mia donna intende provocare solo me e non esibirsi per gli astanti, appariscente e volgare no.
      2) tradimento sessuale= bisogno fisiologico da praticare e dichiarare apertamente: assolutamente no, di impulsi bestiali ne abbiamo molti altri ma se li seguissimo tutti senza ritegno sarebbe il caos, e la sincerità totale è una pura utopia (ottimizzo @AtiLeong) .
      3) si, la monogamia esiste.

         3 Mi Piace


      • dionisio
      • dionisio

      • 29 settembre 2014 at 14:54

      Io modificherei in parte la risposta all’art 3 ) la monogamia esiste ..?
      Si …. fino a quando non si presenta l’occasione …..che rende l’uomo ladro e la donna ……lasciva.

         2 Mi Piace


      • Matt
      • Matt

      • 29 settembre 2014 at 16:32

      CaVo @Dionisio secondo me ancora oggi molti resistono agli impulsi o alle occasioni che si presentano. Per questo alla domanda io ho risposto “si”. Se invece la domanda fosse “la monogamia è naturale per l’uomo?” anche io risponderei “no”.

         1 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 30 settembre 2014 at 9:14

      @whitestyle,concordo con @matt,si la monogfamia esiste,chiedo scusa se non aggiungo altro per il momento ma domani che forse piove e avrò più tempo a disposizione cerchrò di dire la mia.
      Mentalità aperta,ma che è sta cazzata grossa come na casa in questo contesto .
      Forse nessuno ha detto a sta brasilera che oltre a sposarsi avere figli ci sono mille altre cose che legano la coppia.

         1 Mi Piace



    Post a Comment!

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.