• A CENA CON LA “STRAFIGA”

    Partiamo dal presupposto che il più delle volte ci hai messo mesi prima di riuscire ad uscire con la fantomatica. Perché, siamo onesti, quando di una non te ne frega un cazzo tutto è facile ma quando una la vuoi davvero, e senti un qualcosa di diverso dal solito irrigidimento nei boxer, le cose si complicano in maniera esponenziale e tutto sembra collaborare per complicarti la vita; il lavoro, il tempo, gli eventi, i turni di chiusura, le mestruazioni, la salute, le stelle… tutti fattori riuniti con il solo scopo di rompere le palle!
    Ma giunge infine un momento in cui tutto apparentemente si risolve, le nebbie si diradano e tu sei pronto per giocarti la tua occasione. Ti fai una doccia come era da tempo che non facevi (lavi anche nel mezzo delle dita dei piedi ed arrivi a sciacquarti il pisello 2 o 3 volte per essere sicuro di non sfigurare), ti radi, ti sistemi i peli delle orecchie e del naso, perdi mezzo litro di sangue con il filo interdentale, ti tagli le unghie dei piedi rischiando di spaccare lo specchio con le schegge di quelle che una volta erano unghie ma che oggi avresti anche potuto ferrare.
    Indossi i tuoi boxer preferiti perché, diciamocelo, anche se la conosci appena e non hai idea nè di chi sia né a cosa stai andando incontro, dentro di te vive la speranza che dietro a quel sorriso fresco ed a quello sguardo attento che ti hanno tanto colpito si nasconda una novella Moana Pozzi che faccia del tuo pene “carne da hamburger”. E, ovviamente, vuoi essere preparato al meglio, evitando con piccoli accorgimenti quelle due o tre cose che sarebbero in grado di richiudere la faglia di Sant’Andrea (figuriamoci le cosce della agognata) tipo il calzino corto e/o bianco. Peggio che mai gli spugnoni da ginnastica sulla Timberland invernale, che sarebbero stati in grado di far passare la voglia anche a Messalina, od i boxer larghi modello paracadute, che sono tanto comodi ma a vedersi sono francamente ridicoli, specie se ti esce una palla oppure, di dietro, mezzi ti si sono infilati nel culo!
    Lavi i denti tre volte, caramelline a tutto “fresh” messe ovunque, macchina lavata… ok sei pronto e parti sicuro come un puma delle Montagne Rocciose.
    Comincia la serata.
    La vai a prendere e NON sono MAI pronte. MAI!
    Solitamente l’attesa è direttamente proporzionale al tasso di figaggine della suddetta, ma non è da sottovalutare la variabile abbigliamento (una bella figa perizomata e scollata può farti stare ad aspettare anche un ora e mezza come se niente fosse con un semplice: “sono le otto e sei già qui? ma non era alle nove e mezza?”) ed in questo lasso di tempo tu non puoi assolutamente fare niente. Perché, se è estate e scendi dalla macchina il cambio di temperatura ti fa sudare come un Galeazzi qualsiasi e la camicia ti si pezza all’istante; se è inverno rischi la congestione perché ovviamente per fare il guappo sei in maniche di camicia anche se fuori il freddo ha sterminato ogni forma di vita.
    Dopo un periodo che varia dai 20 ai 120 minuti per quanto spiegato lei appare all’improvviso, come la Madonnina di Fatima e tu (pensando: “stasera ti rompo”) accenni un sorriso sornione e le apri la porta.
    Sale in macchina. Se fumi storce il naso per l’odore ed apre all’istante tutti i finestrini portando la temperatura interna a -6º se inverno od a +38º se estate, rovinando così mezz’ora di aria condizionata che tu hai sopportato senza fiatare per farle trovare il giusto ambiente al suo arrivo. Se non fumi e non hai MAI fumato accende una Marlboro Light od una Philip Morris Blu (fumano solo queste due marche) e te la spegne dopo 3 boccate dove tu, da sempre, tenevi gli spiccioli fino a 5 minuti prima.
    Poi, o lo stereo è troppo alto ed allora lo spegne perché non riesce a parlare, o la musica che ascolti non piace e, siccome sono moderne ed emancipate e quindi conoscono ogni tipo di stereo, si mette a spippolare sui tasti della radio cancellandoti immancabilmente tutte le stazioni pre-registrate e sovrapponendo a RADIO FRAGOLA la solita “105” di merda.
    Arrivi al ristorante e DEVI parcheggiare vicino. Anche se a 3 metri dalla porta del ristorante c’è il parcheggio dell’Ipercoop tu la DEVI mettere in tripla fila ad altissimi rischio multa/mozziconi sul cofano e/o righe spregiose sulle fiancate. In quanto all’abbigliamento, o è vestita come una battona (e tu passi fiero in mezzo alla sala gremita, perchè tanto il tuo tavolo è sempre in fondo, si girano TUTTI ma tu prosegui indomito facendoti largo tra orde di smorzate risatine e subdoli “hai visto che po’ pò di troione c’ha quello?”); oppure è accollata come una suora e distrugge con occhiate sataniche il resto della sala spargendo invidia e disprezzo come nemmeno fece il povero Romeo Anconetani con il sale nella partita contro il Cesena.
    “Mmmh!! che famona che ho!” è di solito la prima frase che pronuncia sbattendo le ciglia una volta che ha scelto il posto al tavolo, lasciandoti di spalle e solitamente rivolto verso il cesso. Di conseguenza ordina sempre TUTTO quello che il cameriere propone, contorno di insalatina mista compreso.
    Assalta l’antipastino di mare con una voracità imbarazzante che ti fa pensare “se fa i pompini con la stessa voracità con cui diluvia la zuppetta di cozze stasera me lo stacca!”… e poi ti ritrovi a scofanarti il tuo primo e più di metà del suo, perchè lei è già “piena” alla prima forchettata.
    Poi si passa al fritto misto, un piatto che fino ai primi anni sessanta non esisteva e che è stato inventato appositamente dai tremendi ed espertissimi ristoratori durante gli anni d’oro di Capri solo ed esclusivamente per farlo ordinare dalle fighe. Solitamente è il più caro della lista e quindi prediletto dalle suddette. Bisogna però anche dire che in questi ultimi anni sta prendendo piede in maniera preoccupante quello che senza timore possiamo definire la madre di tutte le inculate: l’astice alla Catalana. Del quale però, volutamente, non voglio parlare perché mi commuovo pensando a quante, e quante, e quante volte me lo hanno stirato nelle chiappe con quei cazzi di ragni rossi con il guscio affogati in un mare di cipolle e carote crude!!!! Torniamo perciò al nostro frittino misto. Bisogna sottolineare che le “fighe” mangiano sempre ed esclusivamente i totanini; le più sofisticate scartano quelli con “le gambine” e lasciano a te tutta la paranza e quei cazzi di famigerati gamberetti di merda che: se li pulisci con la forchetta distruggi il gambero e se li pulisci con le mani ti entra sotto le unghie un puzzo di bidone del sudicio che ti porterai dietro per tutta la sera…
    Ti fa “DI LEGGE” ordinare il vino, rigorosamente bianco e frizzante (!!!) e lei ne beve avida UN bicchiere quando arriva, brindando alla serata che ci aspetta.
    Tutta la boccia restante tocca poi berla tu e di solito si tratta di quei cazzi di “surrogati di prosecchi di mele” gassati come una Fanta! A fine pasto, quando manca un centilitro alla fine della boccia ed una forchettata a finire il piatto, vuole il SECONDO ED ULTIMO bicchiere di vino. Dentro di te pensi che certa gente non merita di respirare la tua stesa aria, ma quegli occhioni ti farebbero fare qualsiasi cosa e… ne ordini un altra boccia che puntualmente poi diluvi perché sei un alcolizzato, perché il cibo è salato come il Sinai e perché comunque costa 15 €uri e ti gira il cazzo lasciare li la bottiglia mezza piena. E siamo al dolce! La tua situazione è gia tragica, sei assaltato dal doppio primo che ti si ribella in pancia, stomacato dal puzzo del fritto, annebbiato dall’alcool del doppio schifoso prosecco, arrapato come un daino dalle cosce tornite del “prugnone” che hai più volte sbirciato da sotto il tavolo… e dalle poppe giganti del troione del tavolo di fronte (che puntualmente se la tromba qualche vecchio bavoso con il BMW). I pantaloni ti premono in maniera imbarazzante contro quello che definire buzzo dell’ubriaco è un eufemismo e non sei in grado di mettere in bocca nemmeno uno stuzzicadenti….. MA LA PANNA COTTA LEI LA PRETENDE!!! Magari ben smerdata da qualche salsina al mirtillo russo, alla prugna africana od alle fragoline delle suorine monche del monastero di Mazzanculo sul Merda…
    Ecco, io vorrei parlare con quella “super-merda” che ha inventato la panna cotta e fargli una semplice domanda: O testa di cazzo, ma lo hai mai assaggiato uno sgroppino fatto a modo?
    Io sono convinto che alla 1ª riunione mondiale segreta dei ristoratori (la stessa in cui decretarono piatto femminile per antonomasia “il fritto misto” per le zone di mare e “la tagliata rucola e parmigiano” per quelle di terra), questi subdoli esserini, tutti piegati alla Enrico Cuccia e con la loro parola d’ordine segretissima (limoncello) si siano accordati per trovare l’ennesima inculata da propinare agli ignari avventori. Perché, parliamoci chiaro: quando porti fuori una figa a cena, anche se lei ordina spiedini di panda e tu sei socio fondatore del WWF, non una sola smorfia di disappunto apparirà mai sul tuo impavido volto. E questo i ristoratori lo sanno bene, se lo tramandano di padre in figlio come la partita IVA ed il libro della contabilità in nero… e tu sei solo un inerme vittima nelle loro mani, uno scemo a cui chiedere qualsiasi sacrificio e qualsiasi cifra.
    Un ristoratore, anche se padrone della peggior bettola, è automaticamente autorizzato a chiederti QUALSIASI cifra come conto a patto che vengano rispettate le seguenti condizioni:
    a) presenza sul tavolo di almeno 1 (una) boccia del più improbabile prosecco di chissà quale cazzo di valle
    b) presenza nel menù del famigerato “frittino” e di primi piatti abbelliti da nomi a prima vista incomprensibili, ma che nascondono cazzate di una semplicità disarmante (io una volta ho mangiato una piattata di penne “tramonto estivo” fingendo di conoscere già quella particolare pietanza, salvo poi ritrovarmi a combattere con la più tremenda delle “arrabbiate”)
    c) presenza nel menù della odiata panna cotta (il tocco di classe sono gli intingoli che questi bastardi ti ci infilano sopra… li non sono mai parchi ed anzi ti ricoprono la già merdosa pannazza con questi sciroppi di foca… succhi di pinoli e ghiande… ghiaia macinata ma fine fine…mousse di bacche e corteccia di quercia)
    d) pronunciare le 2 frasi storiche del ristoratore:
    1) posso offrirvi un limoncello?
    2) serve la fattura o faccio io?…
    Tutte frasi che dopo dipaneremo.
    Amaro, caffè (corretto allo stravecchio per te, decaffeinato per lei, e non mi dilungo oltre sui mille tipi di caffè che possono chiedere le fighe perché sennò non basta Word)… e conto!
    Se fai tanto di provare solo per finta ad ordinare un Montenegro, vieni squadrato come un lebbroso e come se non bastasse vieni automaticamente esposto al pubblico ludibrio, perchè qualcuno dai tavoli vicini ti guarda e sorride come a dire “Oh demente, ti offrono il limoncello, cosa cazzo ordini il Montenegro a fare?”
    Allora provi a rifugiarti in corner dicendo, “sai, per digerire qualcosa di forte è l’ideale… che so… tipo la grappa” e lo dici ammiccando al cameriere quella bella bottiglia di Prime Uve della Poli che hanno in bella vista vicino alla macchina del caffè. Al solo pronunciare la parola “grappa” alla divina si inumidiscono gli occhi e ti stende con un “io non sopporto neppure l’odore della grappa; mi da la nausea!”
    A quel punto, bestemmiando il Cristo Creatore, sorridi annuendo ed accampi il classico “anche io non capisco come facciano a berla, stavo scherzando… figurati, mi vengono i brividi se penso a quanto tempo mi ci vorrebbe per digerirla… non l’ho mai bevuta, sia chiaro, ma mi da l’idea di “pesante” “.
    Non è rimasto altro da fare se non versarsi una bicchierata di quella merda di limoncello che TUTTI fanno in casa con i loro limoni (io vorrei sapere dove li piantano a Gallarate i limoni; in riva all’Arnetta?) e che fino a che qualcuno non si alzerà in piedi urlando “QUESTO LIMONCELLO FA CAGARE (oppure) E’ UNA MERDA!!!” continueranno a propinarcelo come novella e paradisiaca ambrosia!
    Ed ora vengano le risate (od i cazzi)!
    Visto che la maiala è praticamente nuda te ti chiedi “o ha un innesto sotto pelle con il portafoglio o non ha portato cinque euro!” e puntualmente ti frughi come una banca. Che di per se non è né una novità, né un problema, ma è il principio del darlo per scontato che ti fa girare i coglioni… ma, sei infoiato e mezzo ubriaco e, ovviamente, passi oltre.
    Non leggi nemmeno la distinta scritta a mano da un semianalfabeta che ha appena comprato l’attico in Piazza S.Giovanni, ti accartocci in tasca il sanguinoso foglietto a quadretti da cui spicca solo la cifra “110,00 €”, lasci anche 5 € di mancia a quel pulcioso cameriere con le unghie sporche, il quale magari oltre ad averti trombato la figa con gli occhi ti ha anche scaracchiato nelle vongole e dentro di te pensi: “menomale che ha fatto lui e mi ha fatto lo sconto, perchè ho solo 120 €uri in tasca e mi toccava pagare con il bancomat che sono 10 giorni che l’ho finito. Sai Che figura di merda. Ma andate in affanculo, speriamo bruci stanotte questo covo di Satana.
    Il copione vuole che a questo punto l’infame gestore mandi la classica di rito: posso offrire “unqualcheccosa”? un “uiskino”?
    E mentre tu pensi di scolarti un bel Chivas (che ti fa venire la cappella come un riccio dell’Antica Gelateria del Corso), come ciliegina sulla torta della sbornia che hai preso ma che devi fingere di non avere, lei finalmente rivolge per la prima, ed unica, volta parola alla servitù con un laconico “no, grazie”.
    Tu sai che la Madonnina piangerà per le cose terribili che stai pensando del suo Santo Figliolo, ma a te non solo non importa, sed etiam, ne provi piacere.
    Esci barcollante dal ristorante con una fava che non ti sta nei pantaloni, ma cerchi di mantenere qualche metro di distanza perchè DEVI scorreggiare… visto che non lo fai da più di due ore (il frittino) ed hai la vescica piena del fantomatico prosecco che preme come le fans dei Take That all’apertura dei cancelli dell’unico concerto del 2000 in Europa. Fingi allora di esserti dimenticato il bigliettino da visita per consigliare quel posto a chi ti sta veramente a cuore (o meglio sul cazzo, puttanadiquellaeva:110 €uri, me lo hanno fatto piccolo il culo!) guadagni spazio ed espleti! Annusando il tremendo petone giuri di metterti a dieta e di darti una regolata, raggiungi la tua lei che è già davanti alla portiera (manco fosse sua), monti in macchina che nel frattempo è rimasta l’unica a visione di uomo, rigorosamente in mezzo alla strada e semiricoperta da uno stuolo di mozziconi.
    Togli con indifferenza la multa, sbirci appena i 45 €uro della cifra prima di accartocciarla pensando a come fosse bello al tempo dei romani, quanto i Santi, invece che venerarli, li bruciavano vivi o li mangiavano i leoni. Ti volti verso di lei, le sbirci le cosce e poi noti che le scarpe che la maialona indossa non le hai mai viste nemmeno nei migliori porno di Tele+ con cui in passato ti sei sfilato di seghe. Accenni un sorriso e scatta una delle domande più brutte che una figa possa fare ad un uomo dopo “mi ami?”… ossia: COSA FACCIAMO?
    Ma cazzo, come “cosa facciamo”, ma non lo leggi nei miei occhi che ho bisogno di strapparti le mutande e di penetrarti prima che sopraggiunga l’orchite?…
    “Sai, oggi mi sono venute le mestruazioni e sono un po’ stanca… sono stata benissimo… grazie della serata… chiamami domani… grazie per avere offerto tu… la prossima volta pago io non si discute… sei proprio divertentissimo… piripi…piripà…piripì…piripà…”
    Sono questi momenti nei quali cominci a capire Donato Bilancia… e pensi che in fin dei conti lui, in carcere, con due pasti al giorno e la televisione a colori non se la passa poi male. Fantastichi con la mente sognando di uno stato anarchico in cui l’omicidio sia finalmente depenalizzato e pensi a dove hai messo la chiave inglese del 32. Poi l’attimo di follia svanisce e tu provi il gesto della disperazione.. tipo quei calci d’angolo in cui sale anche il portiere e che tanto appassionano il pubblico perché stringono il cuore.
    Hai 2 possibilità ma non puoi giocartele tutte e due, perché una esclude l’altra…
    A) Ci beviamo una cosa in quel localino vicino a casa tua?
    B) Facciamo due chiacchiere sotto casa?
    Nel 99% dei casi la risposta alla domanda A è sempre negativa, anche perché non potrebbe essere altrimenti. Solo gli alcolizzati come te ed i tuoi amici, dopo un americano come aperitivo, due bocce di sidro spacciato per nettare “prosecchiaco”, un corretto allo stravecchio e diverse bicchierate del fetido limoncello avrebbero il coraggio di mettersi altro liquido alcolico in corpo.
    Ti butti quindi a corpo morto sulla B ma vieni liquidato con la merdosa frase di circostanza:
    “Era tanto che non passavo una serata così… sei davvero un ragazzo straordinario… è successo tutto così in fretta… meglio che salga altrimenti chissà cosa potrebbe succedere…”. Sorride, ti passa una mano tra i capelli, ti sfiora le labbra con le sue ed esce dalla macchina come se stesse precipitando da una scarpata.
    Mentre tu sei ancora incantato sul suo culo sbavando sui contorni di quel malizioso perizoma si gira di scatto, ti sgama in pieno, sorride e ti dice “ti chiamo!” sparendo irrimediabilmente nel portone.
    Parti, fai dieci metri, scorreggi, (ancora il frittino!) ti sganci la cintura ed accendi il cellulare, dove ti arrivano 16 messaggi di quei coglioni dei tuoi amici, tra i quali, il più fine ti ha scritto “Paolo: slabbrala”. Scorreggi. Ti avvii zigzagando verso casa e sei perfettamente conscio che l’invocare il Maligno ti farà solo finire all’inferno… ma l’unica cosa che placa la tua ira sembra essere quella!!!
    Ti accendi una sigaretta, scorreggi ed arriva un SMS!… è lei!
    “Non riesco a dormire, vorrei tu fossi qui vicino a me. A prestissimo”.
    Inchiodi la macchina in mezzo al viale dei Tigli, mentre fai manovra per l’inversione ad U ritorni in te, ridi, bestemmi, rinunci e prosegui verso casa. Scorreggi. Fai un rutto che è tutto un programma. Scorreggi. Ridi. Hai sete.
    Che ore sono? Ti chiedi. Mezzanotte e cinquanta… forse, se mi muovo, una grappa in piazza le trovo ancora.


    Stenka ha scritto anche:



      • pv1
      • pv1

      • 7 giugno 2014 at 12:29

      Io ormai faccio sesso solo con sconosciute che mi adescano in ascensore, quindi questi problemi non mi riguardano più.

         1 Mi Piace


        • pelato
        • pelato

        • 7 giugno 2014 at 13:42

        dehhh come minimo qualcuno potrebbe sospettare che l ascensore un lo prendi mai :bz

           1 Mi Piace


          • pv1
          • pv1

          • 7 giugno 2014 at 13:49

          Effettivamente, per tenermi in forma sono ormai una decina d’anni che faccio solo le scale, a passo di corsa.

             1 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 7 giugno 2014 at 12:42

      :rotfl :rotfl :rotfl @Stenka. Dopo quest’Odissea…l’unica riflessione che immediatamente faccio…e’ …MENO MALE CHE CI SONO LE PUTTANE!!:bz Lo so..lo so…lo so… :D Sono poco “Elegante” :Whis .Parlo di quelle che paghi prima!…(sono quelle che paghi meno). Quelle con il tariffario bene in evidenza! La Puttana con la “P” Maiuscola,la ZoccolA,la TroiA! (detto senza dispregio…anzi)Uno dei pochi “rapporti” umani con l’altro sesso,dove non c’è pericolo di fraintendimenti,di equivoci, di dimostrare quello che ” non si è,di sotterfugi,di bugie! di giri di parole…Sei Veramente…Finalmente…Te Stesso e Lei anche!
      Pane al pane & vino al vino! PREZZI CHIARI:…AMICIZIA LUNGA,…10 euri una manovella,20 un pompino,30 una sveltina a pecora in complanare sul gard rail con (le oramai mie famose mosche che ti ronzano sul culo) & una scarpa che mentre la stai trombando,ti accorgi che hai pestato una merda! Zoccole da appartamento,che ti accolgono con fare amichevole (palesemente Interessato)…80/100 Euri!(a volte…trattabili). :D Altro che ste’ “similtroie,da “serata della speranza”. Ma quale Antipasto,Frizzantini,primi,secondi,dolce,frutta,caffè & ammazzacaffè…..IIINNNN GALEEEERA…! >:-( …” Ciao ci vediamo?”…”Si! Quanto vuoi per na’ trombata?”..,Poi si,(dopo aver pucciato)…che leggero come una piuma ritorni verso l’auto scoreggiando,chiami un paio di amici al telefono e dici loro:..” Ci facciamo una bella cenetta?” Immancabilmente uno dei due,risponderà:…” Scusate,ma ho un appuntamento con CENA con una STRAFIGA… :rotfl :rotfl :rotfl …..AUGURI!

         3 Mi Piace


      • il sindaco
      • il sindaco

      • 7 giugno 2014 at 12:42

      Io vedo queste scene ogni giorno, da dietro il banco. A Venezia l inculata e’ obbligatoria con o senza limoncello. Si puo evitare sostituendo la parola “bicchiere di vino” con “capo damme na ombra” o “buongiorno noi vorremmo mangiare qualcosa, si puo?” con ” areo capo se pol magnar qualcosa o ghemo da morir de fame?” Con questi piccoli accorgimenti potreste uscirne vivi….

         2 Mi Piace


      • Zest
      • Zest

      • 7 giugno 2014 at 12:43

      @pv1

      allora che si dice a caverzere :-) ? novita’ ? a quando il prossimo fkk frontaliero :dreaming ?

         1 Mi Piace


      • pv1
      • pv1

      • 7 giugno 2014 at 13:40

      Caro spergiuro, ti vedo in gran forma. Pronto per cominciare la nuova attività, in quel di Varese?
      P.s.
      In un recente intervento il capitano aveva parlato delle varie categorie di partecipanti al multibloggolo, includendovi la nuova categoria degli “scorreggisti”. Mi domandavo chi fossero? Dopo aver letto questo interessante intervento di stenka ho capito….

         1 Mi Piace


      • pv1
      • pv1

      • 7 giugno 2014 at 13:46

      Pps:
      Per chi vive in questa “valle di seghe” gli fkk sono importanti come l’aria che si respira.
      l’unico problema è che chi ha un salario da apprendista manovale il massimo che ci si può pagare è una sega da una vecchia puttana grassa e puzzolente, sdentata e nera, vicino ai cassonetti dell’immondizia.
      Auguri caro amico che ancora per un po’ te la puoi spassare in spiagge da sogno, alberghi a 5 stelle, escort strafiche. Ancora per poco….

         1 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 7 giugno 2014 at 14:03

      :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl
      :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap :clap
      @Stenka, prima di tutto complimentoni (si puó dire in italiano?) per l’esilarante racconto.Diró di piú scompisciante™ e sganasciante™.
      Si vede che questi sono davvero giorni in cui “l’outlet” é di rigore, giacché da oggi la Sra Luporosso conosce (almeno in parte)l’esistenza e ragione di essere di questo multibloggoluccio™.
      Interno giorno, tana di luporosso, i bambini sono dalla nonna, colazione a letto e.. inizio di un weekend romantico.
      La Sra Luporosso é uscita un momento a fare la spesa e mi sono subito connesso a questo sitarello ehem volevo dire multibloggoluccio, per vedere quali nuove vette hanno raggiunto la FdD e il Delirio Collettivo Piratesco o DCP™.
      Al leggere “a cena con la Strafiga” ho cominciato a ridere a crepapelle e non ho sentito rientrare la mia Santa Esposa.Mi ha sentito ridere dal piano di sotto e mi ha trovato con le lacrime agli occhi dalle risate
      Ovviamente, é venuta a sedersi accanto a me per vedere cosa stessi leggendo di cosí esilarante.Non ho avuto altra scelta che tradurle il tuo post. Anche lei ha riso molto, peró ahimé ha adocchiato l’avatar di @dragodoro, e nella rubrica “Stenka ha scritto anche” ha visto le immagini edificanti a piú non posso di “Miglioramento di immagine” (figa florale) e “Nuove botti per il rum” (lesboleccata).Lí ha arricciato un pó il suo bel nasino, ma le ho spiegato che é un blog goliardico e piratesco e le ho detto che ci sono contenuti anche di livello.
      Ho aperto l’articolo di @oasiall sull’India (cultura e Paese che lei ama molto) a mó di dimostrazione della serietá del blog (Dio mio perdonami), ma i suoi leggiadri occhi si sono posati sul banner della ETFT.
      Mi fa: “ Caro, travel fucking tour vuol dire turismo sessuale, no?Allora questo é un sito di sporcaccioni!”
      Volendo dissipare i suoi dubbi sulla sporcaccioneria di questo sito,(Allah abbi pietá) le ho spiegato che la ETFT é fittizia, goliardica, virtuale, e non ho avuto miglior argomento che aprire il post della ETFT.
      Ho tradotto varie didascalie delle immmagini ivi presentate.
      Ha riso abbastanza,piú stupefatta che scandalizzata e il suo commento é stato “ Non avrei mai sospettato che si potesse essere cosi pazzi e cosí intelligenti insieme. Dio li fa e poi li accoppia. ” Benedetta ingenuitá…
      Meno male che avevo promesso di cucinare oggi una lasagna (che é nel forno mentre scrivo) e non abbiamo visto altri post.Mentre veda foto di donne nude passi, ma non credo che approverebbe altrettanto alcune altre immagini, specialmente quelle della FdD™, per non parlare delle rane zoppe,eccetera….
      In ogni caso mi aspettavo una reazione meno condiscendente.
      Adesso approfitto che é nella doccia per scrivere questo commento.
      Insomma, caro Stenka, é tutta colpa tua o é tutto merito tuo, non so.
      Sia come sia, un forte abbraccio e grazie per le risate.
      Propongo lo Scrigno per questo post intero.

         3 Mi Piace


      • whitestyle
      • whitestyle

      • 7 giugno 2014 at 14:11

      :rotfl è tutto vero…
      E aggiungo, magari si comportasse così solo la strafiga. In genere questo è l’ atteggiamento che scimmiotta anche lo scaldabagno…. :-?
      Però posso permettermi una domanda @Stenka e @tutti…. ma sto cazzo di conto l’ha ordinato il medico che lo deve pagare sempre Lui?
      Lei non ha la borsa? Glielo vedi subito e prima che si segga in auto glielo fai notare… magari con una battuta…
      Polso fermo.
      Se siamo arrivati a questo punto, mi dispiace, ma è solo colpa vostra che trattate pure le puttane opportuniste come principesse, “viziandole” fino a farvi prendere per il culo. Naturalmente parlo principalmente dei primi approcci… se vuoi offrire una cena alla Tua Donna, ma ci mancherebbe.
      Date una svolta a questi copioni. :doubleup …..
      Consiglio N° 1) prima di uscire con questa gente fatevi un paio di troie. I ragionamenti a palle sgonfie vengono meglio B-)
      Consiglio N°2 ) se la tipa in questione ti piace sul serio, doppio motivo per non cascarle ai piedi e comportarti da damerino che paga, è l’unico modo per capire se anche lei è interessata a te oppure sta soltanto facendo la solita uscita per arraffare l’ ennesima cena.
      Consiglio N°3) se tutta sta tarantella è solo per scopare, tanto vale prendere in considerazione il consiglio di @dragodoro. Meglio una puttana. Paghi prima e paghi meno anche se mi rendo conto che conquistare una strafiga ha un potere sulla psiche non indifferente…
      Saluti e grazie per lo spunto ma anche per risate… bel pezzo;)

         5 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 7 giugno 2014 at 14:44

      Sig.na @withestyle. Al solo vedere il suo avatar,la digestione mi si blocca…( non mi fraintenda…)….. per il piacere di risentirLa e di riLeggerla of course! :-)

      Ora si,sento che questa inutile,noiosa,ripetitiva,malinconica giornata di inizio estate…ha FINALMENTE un senso! ;;) Non Le dico poi quando,prendendomi generosamente in Sua considerazione,mi cita! :D Vado letteralmente in brodo di giuggiole! :-)

      Lei non è una donna…! E’…LA DONNA! Quella che tutti noi vorremmo per “compagna”…(detesto questa definizione). I suoi 3 consigli dico 3, mi trovano pienamente d’accordo al 100% & ripeto & dico 100%!!! Le sue disamine non fanno un plissé,non una piega….Genuflettendomi servilmente la saluto & sempre a sua disposizione…Dragodoro.

      Perciò come dicono tutti…”ottimizzo” . ( altro termine che mi è antipatico…

      ps.” A raga’ ma al posto di ottimizzo,non sarebbe più appropriato,visto la dilagante “froceria da diporto”, dire “sodomizzo?!……. C

         2 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 7 giugno 2014 at 14:54

      :)) Grande Stenka, un capolavoro! :clap
      Come ha detto luporosso è da inserire in toto nello Scrigno, assieme al commento di whitestyle…..

         2 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 7 giugno 2014 at 15:03

      @CCSP.

      Cit.”…è da inserire in toto nello Scrigno, assieme al commento di whitestyle…..”…non si arruffiani anche Lei la Sig.na…e vabbe’…meno male che tra tanti froci abbiamo anche una Donna !! :bz

         1 Mi Piace


        • CCSP
        • CCSP

        • 7 giugno 2014 at 15:26

        @dragodoro se permette la Sig.na whitestyle è ritornata all’ arrembaggio con noi grazie alla mia Adunata del Vascello….non mi facci così, che poi arriva Littletruths e ci spacca una bottiglia di Ron in testa ad entrambi :ar

           4 Mi Piace


          • dragodoro
          • dragodoro

          • 7 giugno 2014 at 16:38

          Chiedo venia @CCSP. :youdaman Mi perdoni! Non sapevo dell’antefatto! Dunque è grazie a Lei,che io tutt’oggi mi posso beare della compagnia (seppur virtuale ahimè) della Gent.ma Sig.na @withestyle….la ringrazio averlo ricordato.Omaggi anche a Lei a presto risentirLa…:blush

             2 Mi Piace


      • dionisio
      • dionisio

      • 7 giugno 2014 at 15:35

      Ecco finalmente svelato alle melenzane i nostri piu’reconditi pensieri…..
      Visto che oramai leggono il ns. Multibloggolo di nascosto ….come di nascosto si digitalizzano a morte per la voglia di uomo…ma che mai pensano di dartela alla prima sera…. Che almeno buon pro’ gli faccia.
      Care donne …. dovreste pensare che l’uomo e’un animale semplice e tutte le vs. Menate non fanno altro che sortire un’effetto di cattiveria nei vs. confronti .
      Se vi comportaste in maniera piu’umana nel senso “meno a dea in terra” trovereste persone disposte a stabilire un rapporto piu’sincero e casomai arrivereste all’agognato “compagno” senza vederlo come uno schiavo che porta il bancomat nel portafoglio …..
      Alla fine quelle che si sistemano sono le ragazze normali.
      Come diceva Socrate “ca’ niscun’ e fesso”

         2 Mi Piace


      • eggplant hunter

      • 7 giugno 2014 at 16:07

      @whitestyle bellissimo commento che donna… bravo al capitano little

      @stenka la prossima volta pizza da gennarino ai quartieri o kebab da mustafa come faccio io hahahahaahah (max5 euro), aggiungerei poi che dopo aver mangiato come una maiala, la suddetta strafiga alla domanda del cameriere prendete omaggio della casa risponde con un no grazie sono piena… alla faccia ti sei mangiato quel ben di dio tale da sfamare 40 villaggi africani,ci credo che non ti entra più niente. Che poi diavolo dopo tutto quello che ho speso è un omaggio prendilo e fanne quel che vuoi, sciacquati i denti, fatti i gargarismi…

         5 Mi Piace


        • dragodoro
        • dragodoro

        • 7 giugno 2014 at 16:44

        @eggplant hunter. Ecco..! Ci mancava lo sborone! >:-( Non ci allarghiamo….una “rosetta” con mortadella & 1 dico 1 Peroni (piccola), basta & avanza :rotfl Per forza che poi vengono su male! :ar

           1 Mi Piace


          • luporosso
          • luporosso

          • 7 giugno 2014 at 19:21

          :rotfl :rotfl :rotfl dragodoro, tienili a bada! Una rosetta con mortadella e 1 Peroni e ancora grazie!Questi le viziano di brutto,poi succede quel che succede.Ti direi sodomizzo, ma ho paura di essere frainteso :D

             2 Mi Piace


      • Matt
      • Matt

      • 7 giugno 2014 at 16:34

      @Stenka dopo tanto impegno speravo di leggere un lieto fine. Pazienza sarà per la proscion fois

         0 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 7 giugno 2014 at 16:40

      @whitestyle,Grande donna,ops,chiedo scusa,Gran femmina. :youdaman :youdaman
      @stenka,ci sono gli operai fuori che mi sentono ridere come uno scemo.Mi immagino la scena veritiera al 100%,e se mi permetti ti è andata anche bene,pensa te se passava anche l’indiano che vende le rose. . :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl

         2 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 7 giugno 2014 at 16:49

      @piranha …allora lo fai apposta!… Cit.”@whitestyle,Grande donna,ops,chiedo scusa,Gran femmina.” Non si gioca coi sentimenti…. >:-(

         1 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 7 giugno 2014 at 16:59

      @dragodoro,hao,ma nun te scappa niente.
      Senti gia che ci siamo ti volevo chiedere una info,ma se io ti voglio mandare un msg pvt si può su sto multibloggolo?
      Avevo tua mail ma non riesco a trovarla,l’avevo scritta da qualche parte ma non ricordo dove.Avrei da mandarti un pvt,se tua hai mia mail mandami uno scritto che ti dico.Ciao.

         1 Mi Piace


        • dragodoro
        • dragodoro

        • 7 giugno 2014 at 17:30

        @piranha provo a vedere….

           1 Mi Piace


      • eggplant hunter

      • 7 giugno 2014 at 17:27

      dragodoro,

      hai ragione la prossima volta insalatina e acqua eheheh

         1 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 7 giugno 2014 at 17:35

      eggplant hunter:
      dragodoro,

      hai ragione la prossima volta insalatina e acqua eheheh

      …boh..a sto’ punto,eliminerei anche l’insalatina… :)) Al limite giusto un “sodino”,per ri-membrare i vecchi tempi potrebbe anche essere sufficiente :rotfl :rotfl :rotfl

         1 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 7 giugno 2014 at 17:41

      Per @TUTTI… :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl http://www.ortoporno.@sperm
      ……ma che te fumi…….. :)) :)) :)) :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl :rotfl

         1 Mi Piace


        • piranha
        • piranha

        • 7 giugno 2014 at 18:11

        AOOOO,ma che te sei fumato na zucchina????

           1 Mi Piace


          • dragodoro
          • dragodoro

          • 7 giugno 2014 at 18:23

          :rotfl :rotfl :rotfl

             1 Mi Piace


          • eggplant hunter

          • 7 giugno 2014 at 18:34

          E io che ero rimasto alla canapa, come sto arretrato….

             1 Mi Piace


      • eggplant hunter

      • 7 giugno 2014 at 17:54

      dragodoro,

      versione 18 cl o ne esistono di più piccoli?

         1 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 7 giugno 2014 at 18:25

      eggplant hunter:
      dragodoro,

      versione 18 cl o ne esistono di più piccoli?

      …chi cerca…trova….

         1 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 7 giugno 2014 at 18:29

      eggplant hunter:
      dragodoro,

      versione 18 cl o ne esistono di più piccoli?

      ….ma forse è’ meglio arrivare più che alla soda…al “sodo”. :rotfl …una bella tirata direttamente dalla canna……

         2 Mi Piace


      • eggplant hunter

      • 7 giugno 2014 at 18:33

      @dragodoro ovviamente si scherza eh, spero sia lo stesso pure per te

         1 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 7 giugno 2014 at 18:38

      Caro @Stenka. Come vedi il tuo topic ha avuto (forse) un inglorioso finale… :-( Da cenette a lume di candela,Frizzantini & primi piatti…etcc… si è finiti alla canna dell’acquedotto….boh…E proprio vero le cose semplici sono le migliori… :D :heyhey

         1 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 7 giugno 2014 at 18:39

      eggplant hunter:
      @dragodoro ovviamente si scherza eh, spero sia lo stesso pure per te

      Mio caro…io scherzo…seriamente :rotfl :rotfl :rotfl :heyhey

         1 Mi Piace


        • eggplant hunter

        • 7 giugno 2014 at 18:58

        grande c :rotfl :ar

           0 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 7 giugno 2014 at 19:52

      Una buona soluzione potrebbe essere questa

         0 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 7 giugno 2014 at 19:54

      Non so perché non é apparsa la foto, che ci sia la mano di qualche strafiga eheheh
      Dicevo, una buona soluzione potrebbe essere questa

         2 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 7 giugno 2014 at 20:26

      Oppure , se vogliamo comportarci DAVVERO come PIRATI, la ricetta é semplice: massimo una pizza in due, poi se hai ancora fame te le dó io le proteine.Quando abbiamo finito andiamo fuori a cena.
      Notare che quando si sta con un bel fringuellone come me non si finisce manco la pizza,infatti ce n’é rimasta una fetta
      Prima cenare e poi scopare?
      NO BUONO
      Prima scopare e poi cenare.BUONO
      Anche proprio per la salute eheheh
      L’ordine dei fattori altera il prodotto eccome!
      Questa foto é (ancora una volta) del sottoscritto in azione (notare la maglietta PV) ed é dedicata a Stenka che ci ha ossequiato con un capolavoro

         4 Mi Piace


        • dragodoro
        • dragodoro

        • 7 giugno 2014 at 20:36

        @lupogrosso. Cit.” la ricetta é semplice: massimo una pizza in due,”….Certamente…però la paga lei….. :rotfl ammazza come sto diventando taccagno :D Di questo passo altro che i famosi “sodini & ciotolina di riso glutinoso dell’Isaan del buon vecchio caro @Zest….. :rotfl :rotfl :rotfl

           1 Mi Piace


          • luporosso
          • luporosso

          • 7 giugno 2014 at 21:10

          Se non ci pensiamo noi anziani a mantenere le buone usanze questi giovincelli sono prede inermi di fronte alla perdita di valori della societá moderna
          Siore e ssiori, Dragodoro e Luporosso uniti in un’altra campagna Pubblicitá Progresso a cura di Piccole Veritá per il Sociale (PVPIS)™

             1 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 7 giugno 2014 at 20:29

      eggplant hunter:
      E io che ero rimasto alla canapa, come sto arretrato….

      …alla canapa…meglio il cotone… :))

         0 Mi Piace


      • eggplant hunter

      • 7 giugno 2014 at 20:57

      ma quale pizza in due @dragodoro, bisogna andare alla caritas la prossima volta, o al massimo al McDonald. Per quanto riguarda canapa e cotone allora meglio la lana

         1 Mi Piace


      • eggplant hunter

      • 7 giugno 2014 at 20:59

      luporosso,

      prima farla cenare con un buon frullato di sperma e poi scopare eheheh

         0 Mi Piace


      • eggplant hunter

      • 7 giugno 2014 at 21:03

      luporosso,

      luporosso:
      dragodoro, tienili a bada! Una rosetta con mortadella e 1 Peroni e ancora grazie!Questi le viziano di brutto,poi succede quel che succede.Ti direi sodomizzo, ma ho paura di essere frainteso

      la peroni max 33 cl però

         0 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 7 giugno 2014 at 21:17

      @eggplant hunter é tutto per il suo bene, giacché le proteine contenute nello sperma favoriscono l’attivitá fisica (scopata) prevenendo la perdita di massa muscolare e preparano lo stomaco alla digestione della susseguente cena
      Mentre cenare prima della scopata causa l’affluenza massiva di sangue allo stomaco , ostacolando l’erezione maschile e l’irrigazione sanguigna vaginale, ambe condizioni indispensabili a un amplesso pieno e soddisfacente.
      Piccole Veritá per il Sociale™
      (Consulenza scientifica di Minchiamoscia Prof.Dante)

         2 Mi Piace



    • :dreaming :dreaming :dreaming
      Capolavoro assoluto, Pravo @STENKA !!!
      :clap :clap :clap

         2 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 7 giugno 2014 at 23:16

      Avrai notato Capetano LittleTruths l’indefesso lavoro della sezione Pubblicitá Progresso a cura di Piccole Veritá per il Sociale (PVPIS)™
      Tutto in beneficio del prossimo.
      Credo che dovremmo inoltrare una domanda al Ministero della Sanitá di Nassau per far dichiarare questo Multibloggoluccio “Fondazione di Utilitá Pubblica” ekkekkazz
      A proposito, ‘sto post lo mettiamo “in toto” nello scVigno or what?
      Aspettiamo solo il tuo beneplacito…

         1 Mi Piace



      • :dreaming :dreaming :dreaming
        Notato et altamente e pVofondamente appVezzato, mio CaVo… :youdaman
        Direi di si…questo post nello ScVigno ci sta tutto! :clap

           0 Mi Piace



    • luporosso:
      Se non ci pensiamo noi anziani a mantenere le buone usanze questi giovincelli sono prede inermi di fronte alla perdita di valori della societá moderna
      Siore e ssiori, Dragodoro e Luporosso uniti in un’altra campagna Pubblicitá Progresso a cura di Piccole Veritá per il Sociale (PVPIS)™

      :dreaming :dreaming :dreaming

         0 Mi Piace


      • Zest
      • Zest

      • 8 giugno 2014 at 0:40

      @Stenka

      il racconto che hai postato e’ molto carino anche se datato 2007, fece il giro di internet questa esilerante storia, comunque grazie di averlo riportato anche qui su PV :-)

      PS: Ad oggi non si e’ capito mai chi abbia scritto questa simpattica storiellina :-?

         2 Mi Piace


        • Stenka
        • Stenka

        • 8 giugno 2014 at 2:30

        Zest,

        Il racconto è stato scritto dal mio caro amico, il luinese Ettore Castiglioni, sulla falsariga di una mia disavventura, “infiorandola” poi alla sua maniera, per la quale fui preso in giro per secoli dagli amici. Brillante ingegnere aeronautico e, all’epoca, collaboratore “umoristico”di Piero Chiara e di alcune riviste satiriche locali Ettore scomparve alla fine del 2004 e suo cugino Claudio si adoperò per promulgare alcuni suoi (per me bellissimi) scritti dei quali possiedo alcune copie. Luino è terra di mattacchioni pazzoidi (basta ricordare Renato Pozzetto od Enzo Jachetti) che Piero Chiara ben descrive sopratutto nei due libri “La Spartizione” ed “Il piatto piange”. Siccome, come ho detto, possiedo alcuni scritti dell’Ettore ogni tanto ne pubblicherò qualcuno per il gusto di una bella risata per la Ciurma e per essere fedele allo spirito goliardico che contraddistingue questa Gabbia di Matti. O sbaglio?

           2 Mi Piace



        • :doubleup

             1 Mi Piace


          • luporosso
          • luporosso

          • 8 giugno 2014 at 12:16

          RESPECT for Ettore Castiglioni , allora.
          E grazie a te per postare questo ed altri suoi Scritti.

             1 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 8 giugno 2014 at 18:00

      Il testo originale s’intitola “Tanto pe’cantá” é di E.Petrolini, N. Simeoni, Ed. Suvini Zerboni 1932
      Questa adattazione, “Tanto, pe’cchiavá” é di Lupo Rosso Ed. Suini Zerbini™ 2014

      “TANTO, PE’ CCHIAVÁ”
      Pe’ fa la vita meno amara
      me só invitato ‘sta ciociara
      e quann’er sole scende e more
      la porto dal ristoratore
      Me sto a pijá doppia inculata:
      me costa n’occhio ‘sta magnata!
      Credevo fosse la maniera
      de spupazzá la prima sera…
      Tanto, pé cchiavá
      basta pagare, come dal dottore
      Mentre io sto ‘qqua
      cor portafoglio vuoto e tanto ardore
      Vaffanculo, vá
      Io te volevo solo fá l’ammore
      e mó sto solo qua, con ‘st’erezione,
      e francamente un’aria da cojone!
      Puttane belle e appassionate
      nel fondo poco voi costate
      Vi scopo in auto oppure a letto,
      vi metto come fa il capretto
      Non pretendete grandi cose
      cosa saranno 100 “rose” ?
      Meglio che andare con ‘ste streghe
      ed ammazzarsi poi di seghe
      E mó che ddevo fá?
      Pecché c’ho er pacco che sembra ‘n lampione
      Ahó, ‘mme sa che ‘qqua
      mó vado a prenne quarche bel troione
      Lei mi soddisferá
      senza spacciare il sesso per amore
      Se tu pretendi pure panna cotta
      fra le due sei TU la piú mignotta!
      Larallallä, Larallallä…..

      Umilmente dedicato, con rispetto ed ammirazione, alla Memoria di Ettore
      Castiglioni

         2 Mi Piace


        • DRAGODORINHA (Mario o' cecat)
        • MARYBLIND

        • 9 giugno 2014 at 16:56

        :dreaming :dreaming :dreaming

           0 Mi Piace


      • Stenka
      • Stenka

      • 9 giugno 2014 at 3:41

      luporosso,

      Grandissima “Lirica” che, col tuo permesso, copierò e la invierò a Claudio da aggiungere al carteggio di Ettore. Sicuramente ne sarà fatto un quadro da appendere al Bar del Porto di Luino dove si radunava tutta la Banda sotto la guida del Sciur Piero (Chiara). Complimenti :clap :clap :clap

         1 Mi Piace


        • luporosso
        • luporosso

        • 9 giugno 2014 at 16:17

        Caro@Stenka, non solo hai il mio permesso, ma reputerei un grande onore che la mia modesta composizione fosse esposta in tale Mecca dell’Umorismo Intelligente. Grazie a te.

           0 Mi Piace


      • AtiLeong
      • AtiLeong

      • 9 giugno 2014 at 10:29

      Vorrei sapere se esiste qualcuno che non ha fatto almeno il 75% delle attivita preparatorie all incontro che questo brano riporta…..le ultime volte che mi sono prodigato di questo modo, sign of times, era per andare alle riunioni scolastiche del mio figlio piu piccino dove incrociavo una mamma che mi ingrifa a tuttoggi che siamo diventati “amici” :D .
      Flirtare in una riunione di genitori delle scuole elementari era una cosa che non avevo messo nell’ elenco dei sogni “cosa faro da grande” ma….
      Purtroppo mia moglie ha cominciato ad avere sospetti e a mettere i bastoni tra le ruote.
      Una volta, ero tornato tardi dal lavoro,
      avevo pochissimo tempo per fare le consuete minuziose abluzioni prima della riunione e facendomi la barba in gran fretta mi sono tagliato orrendamente la faccia. E il sangue non ne voleva sapere di smettere di fluire.
      Arrivato alla riunione, seduto ovviamente di fianco a lei, dopo un poco ero una maschera di sangue.
      Mi ricordo ancora lo smalto scuro delle unghie dei piedi che aveva quel giorno.
      L’avrei leccata tutta. Era piu sexy del solito. Mi soccorse lei, preoccupatissima che mi dissanguassi, con dei fazzolettini umidi disinfettanti che aveva in borsa.
      :lov

         2 Mi Piace


      • AtiLeong
      • AtiLeong

      • 9 giugno 2014 at 15:25

      AtiLeong,

      “Lupus in fabula” mi ha appena telefonato che sono ancora al lavoro e ci vediamo piu tardi, dovro fare anche oggi le famose abluzioni in tempo record ……ma non mi rado gli piaccio con la barba da fare :pig

         1 Mi Piace


        • Matt
        • Matt

        • 9 giugno 2014 at 15:50

        Signor @AtiLeong attento ai preparativi, non si faccia tremare la mano!

           2 Mi Piace


        • luporosso
        • luporosso

        • 9 giugno 2014 at 16:20

        @AtiLeong, mi sono fischiate le orecchie al sentire “lupus”.Auguri Sr.AtilLeong per il suo appuntamento pomeridiano.La barba favorisce il Suo giá irresistibile sex appeal, non si preoccupi.

           0 Mi Piace


      • AtiLeong
      • AtiLeong

      • 9 giugno 2014 at 16:22

      Matt,

      nun se preccupi….ce vado cussi ce vado…

         0 Mi Piace


      • AtiLeong
      • AtiLeong

      • 9 giugno 2014 at 16:25

      luporosso,
      la ringrazio di cuore,
      siccome sono un po’ animista
      gli auguri di un lupo non possono che essere di faustissimo auspicio :D :drool

         0 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 9 giugno 2014 at 16:55

      Allora guardi Le offro anche un vinello

         2 Mi Piace



    • […] on A CENA CON LA “STRAFIGA”:dreaming :dreaming […]

         0 Mi Piace


      • pv1
      • pv1

      • 9 giugno 2014 at 18:20

      Comunque direi che la cosa più importante di tutte è che tu non ceda a quel brutto viziaccio di mano proprio prima dell’incontro, che poi arrivi spompato.

         1 Mi Piace


      • Stenka
      • Stenka

      • 10 giugno 2014 at 3:51

      @tutti. Sono esterefatto ed eziandio annichilito nel vedere come questa ciurmaglia di depravati ubriaconi calpesta la “Poesia” espressa dal racconto. Che mondo! :dontsee :dontsee :dontsee

         0 Mi Piace



    • A dir poco stupenda, lode a Ettore Castiglioni, purtroppo su Wikipedia parla solo di un omonimo alpinista, bravo Stenka per avercelo fatto conoscere :-)

         1 Mi Piace


      • Stenka
      • Stenka

      • 12 giugno 2014 at 8:44

      epicuro,

      Caro Maestro. Per completezza di info sul “Grande” Ettore, bravissimo ingegnere aeronautico (e, secondo me, giornalista scrittore mancato) debbo dire ancora che fu un preziosissimo collaboratore di Piero Chiara (parole del Sciur Piero), fu anche un mirabile osservatore della “Vita luinese” e dei vizi dei lacustri. Non per nulla il Sciur Piero soleva dire che l’Ettore fu il suo ispiratore dei libri “La Spartizione” ed “Il piatto piange” grazie alle storie che l’Ettore raccontava, infiornadole alla sua maniera e facendoci morire dal ridere. Frequentatore assiduo del Caffè Clerici dove, oltre al Sciur Piero, potevi incontrare i vari Pozzetto, Jachetti ed il povero Zuzzurro (tutti pazzi scatenati) soleva sostare sempre davanti alla vetrata per potere vedere l’ingresso dell’Albergo Due Scale, che, secondo lui, era il più grande “Cornificio” della provincia di Varese. E non aveva tutti i torti. Va sottolineata anche la sua, meritata, fama di gran scopatore. Tutta “Roba Fina”, come diceva sempre lui scoppiando in fragorose risate. Debbo dire, molto immodestamente, che qualcosa ho scritto anch’io sulla base dei suoi racconti e cercando di infiorarlo alla sua maniera. Sono certo che da lassù, vedendo i miei miserandi scritti, mi dirà la sua solita frase: Te set propi un Pirla! Scoppiando nella sua fragorosa ed indimenticabile risata. Ciao Ettore, ci vediamo. Prima o poi. Più poi che prima. (P.S. Chiedo scusa per lo “sfogo sentimentale”, ma certamente tu mi capirai. Grazie)

         0 Mi Piace



    Post a Comment!