• MIA MOGLIA è ITALIANA.

    Ieri 17/12/2017 giornata stupenda,calda ed io con moglia e figli ci rechiamo presso un piccolo residence a due dico due metri dal mare,sotto di noi onde piccolissime si infrangevano ed io con la mia sigaretta elettronica spaparanzato me godevo questa giornata meravigliosa.Verso le 12,30 ci sediamo fuori all’aperto inZieme ai gestori ed iniziamo a pranzare,un aperipranzo da favola,un barman esperto preparava mojito caipirinha caipiroska a seconda delle richieste e pranzavamo,una tavola imbandita con ogni ben di DIO,formaggi,salumi,prodotti sott’olio,tartine,focaccia,pizzette,patate al forno,salsiccia in umido,inZomma ne è avanzato circa la metà,una giornata indimenticabbbbile.Ore 1545,ci alziamo e ci rechiamo presso la palestra di un paesino a pochi km e la mia moglia di corsa porta i bimbi a prepararsi perchè di li a poco ci sarebbe stata il Famoso saggio di ginnastica.Si,i miei figli frequentano una palestra di ginnastica e la piscina.Mentre mi accomodo sugli spalti di li a poco vedo arrivare mia moglie si siede ed attendiamo l’arrivo degli sportivi.Non passano nemmeno 5 minuti che ecco arrivare gli atleti,una settantina,e subito dopo dall’altoparlante si sente il Famoso INNO NAZIONALE.Io e mia moglia ci alziamo in piedi,con stupore mia moglia mi guarda con un sorriso amareggiato,la guardo e col capo gli faccio cenno di no,come per non dire niente che va bene cosi.Signori miei,saremmo stati più di 400 persone ma in piedi forse solo una decina.Finito l’inno ci sediamo mia moglia mi guarda di nuovo ma io la precedo dicendogli non dire nulla e finiamola li’.Ve lo ricordate il mio scritto due lacrime di nazionalismo???
    onestamente non saprei cosa dire,non ho parole e mi chiedevo del perchè,che differenza c’è tra un asilo e uin evento sportivo,si,sono passati 4 anni,la gente è sempre più incazzata,nervosa,avversa nei confronti delle istituzioni,demotivata,derubata,ma perchè questo comportamento,onestamente non me lo sò spiegare.
    Saliamo in macchina con i bimbi,anzi dimenticavo che prima di andare in palestra eravamo passati a prendere un bambino cinese per portarlo a vedere l’evento,mia moglie mi guarda e qui non riesce a trattenersi,e mi dice:
    Mi sento più italiana io che tutti i tuoi connazionali presenti nel palasport.


    Piranha ha scritto anche:




    • “Mi sento più italiana io che tutti i tuoi connazionali presenti nel palasport.” – sSiora Piranha
      :dreaming
      Probabilmente lo é. L’itaGlia non esiste. LitaGlia l’hanno fatta ladri di cavalli, senza orecchie, che parlavano francese. LitaGlia altro non é che un consorzio di mafie conviventi che se lo chiavano in culo a vicenda…ognuno per sé e Dio, che non esiste neanche lui, per tutti.

         3 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 19 dicembre 2017 at 9:58

      :dreaming
      CaVo @Piranha essi’ che c’hai ragggione :D
      Come ci A la ragggione il Venerabile Ssior Capitano @LittleTruths a cui lo appoggio (sempre con il massimo rispetto & sottomissione)… :youdaman
      Ragion per cui…

         2 Mi Piace


      • piranha
      • piranha

      • 19 dicembre 2017 at 17:22

      @dragodoro,m’hai fatto aritornà alla mente la letterina a Babbo Natale che scrissi per mia figlia di 5 anni,lei dettava ed io scrivevo,niente di che,chiedeva semplicemente un paio di orecchini di plastica e una cuffia,per farsene cosa non saprei,ma alla fine delle lettera abbiamo scritto anche cosa bisognava fare per guadagnarsi questi due regali,ed io giù di obblighi,che tanto dopo 10 minuti sera già scordato de tutto.Onestamente un pò me rode che mi moje polacca se arza quanno sente l’inno italiano e me guarda,no con strafottenza o con quel sorriso ironico che me farebbe subbbbito incazza,ma un sorriso amaro fatto di disprezzo verso chi se faceva semplicemente li cazzi sua.Mà,chissà se un giorno rimetteranno a sQuola la materia di Educazione Civica.

         0 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 19 dicembre 2017 at 17:56

      LittleTruths:
      “Mi sento più italiana io che tutti i tuoi connazionali presenti nel palasport.” – sSiora Piranha:dreaming
      Probabilmente lo é. L’itaGlia non esiste. LitaGlia l’hanno fatta ladri di cavalli, senza orecchie, che parlavano francese. LitaGlia altro non é che un consorzio di mafie conviventi che se lo chiavano in culo a vicenda…ognuno per sé e Dio, che non esiste neanche lui, per tutti.

      :dreaming

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 19 dicembre 2017 at 18:33

      Guardate, io sono profondamente itaGliano e lo si vede lontano un miglio… capita che mi scambino per magrebino francese e a volte per israeliano quando sono abbronzato, ma vabbe’ quella e’ un’ altra storia! :ar
      Posso dire che sono contento di esserlo, ma solo e soltanto perche’ ho avuto abbastanza fortuna, sono nato dalla parte giusta della barricata e me la sono sempre passata abbastanza bene, non ho quasi mai dovuto pagare un affitto e questo come sapete in ItaGlia e’ attualmente il name of the game, senza se e senza ma.
      Chi lavorando quaranta ore spende i tre quarti dello stipendio per affittare un buco di culo umido e non ha quasi altra possibilita’ di emergere che non contempli l’ inciucio, dubito possa dire lo stesso… e oltre il danno la beffa di vedere il magna magna che gli sta intorno.
      In questi casi come diceva LT in un post precedente, l’essere patriottici e’ un atto di fede abbastanza innaturale e non si ha tempo ne voglia di guardare alla meraviglia che , malgrado tutto, questo paese e’.
      Se poi ci si mettono i campanili, ci si mette che gli uomini si raggruppano in gruppi di gente con caratteristiche simili, ci si mette che qua si cresce nell’ individualismo e nell’ esempio del metterselo nel culo fin da piccoli, a differenza che in altri paesi… questo mosaico di genti e lingue differenti non potra’ mai sentirsi unito.

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 19 dicembre 2017 at 18:35

      … ecco perche’ io, in fondo in fondo, voglio segretamente molto piu’ bene a @polkapiadina che a voi! :))

         3 Mi Piace



    • CCSP:
      … ecco perche’ io, in fondo in fondo, voglio segretamente molto piu’ bene a @polkapiadina che a voi! :))

      :)) :)) :))
      Ah beh, il Sangue non si può mica rinnegare!
      :rotfl :)) :ohplease

         2 Mi Piace


      • dionisio
      • dionisio

      • 23 dicembre 2017 at 0:49

      @CCSP ben ritrovato anche a te … embe’ il nazionalismo o lo si sente oppure e meglio astenersi (poi mica siamo tutti come il ns. Monaco tibetano … che fu eletto sponsor per una nota marca di olio nostrano …per averne diffuso e profuso in quantita’ in gironper il monTo).
      L’itaglia … e’il piu’bel paese al mondo … quasi come l’isola che non c’e’ … abbiamo tutti pirati ed indiani … mignotte e froci .. ignoranti e cretini .. e tutti al governo … mica ci sono tanti paesi come al nostro .

         2 Mi Piace


      • AtiLeong
      • AtiLeong

      • 2 febbraio 2018 at 21:04

      Caro messer @piranha come lei deve ricordare ci abbiamo sempre da trovarci per cantare sto inno assieme.
      Anche se, come poeticamente ci fa notare il nostro sSior Capitano questa Italia qui, quella Sabauda ‘861, piace pochetto.
      Ma alla fine della fiera é Lei che gli Dei Sempiterni ci han concesso qual natio Patrio suol.
      Magari avrei preferito essere cives dell’ Impero dei Cesari, del Libero Comune della cittá di Padova o suddito della gloriosa Serenissima e
      magari
      al pari di certi amici di @polkapiadina
      mi identifico di piú con quelli che parlano il mio stesso idioma regionale
      ma personalmente mi sento che questa Italia,
      anche se spesso mi é ItaGlia,
      qualcosa che
      coi giorni che corrono
      valga la pena di difendere.
      Perché se é vero che dalla Sicilia al Friuli siamo ben differenti gli uni dagli altri, manifestiamo al contempo una netta differenza poi dai nostri vicini oltre le alpi:
      Siamo una varietá di tribú e etnie profondamente diverse tra loro ma al contempo identificabili facilmente dal fuori come un tutt’ uno.
      E questo almeno fin dai tempi di Petrarca e Boccaccio ben prima che i ladri di cavalli francofoni e senza orecchie
      ( questa delle orecchie non la ho capita…. B-) :-? ) avessero successo nella loro avventurosa conquista
      con conseguenze che non possiamo certo dire positive al 100% per tutti i popoli e per tutte le lande sottomesse.
      In questo momento storico poi in cui siamo oggettivamente sfigati,
      Da 70 anni con armate straniere sul nostro suolo dopo una sciagurata impresa bellica che ci ha visti rovinosamente sconfitti
      e da qualche decennio pure senza neanche la possibilitá di battere moneta ….
      Che cazzo di paese indipendente siamo ?
      Macchiavelli lo ha scritto in Italiano,
      mica in Giapponese:
      senza potere militare e economico un paese non é indipendente.
      Una miserabile colonia, colonia di una colonia, siamo.
      L’inno, anche se bruttino é una delle cose che ci rimane.
      Se vogliamo cercare di sopravvivere come come comunitá fatta di libertá civili e democratiche.
      Anzi, diciamolo,
      se vogliamo risorgere,
      anche a quello ci dobbiamo agrappare.
      L’ alternativa é la schiavitú apolide al quale sembriamo al pari di molti altri popoli sembriamo destinati.
      O dedicarci piú nobilmente all’ apolide arte della pirateria…. :ar

         1 Mi Piace



    Post a Comment!

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.