• CCSP On Tour 2014 : Giappone

    Volo diretto da Kuala Lumpur, l’ arrivo a Tokyo in notturna è a dir poco impressionante….
    Dal finestrino del aereo non riesco a vedere la fine delle luci che illuminano questa megalopoli, che conta quasi 36 milioni di persone nella sua area metropolitana.

    La skyline vista dal ponte sulla baia è surreale….

    Tokyo sulla carta è suddivisa in quartieri, che in pratica si possono considerare delle vere e proprie città.

    Ho affittato un mini-appartamento, per non essere costretto a dormire in una capsula, nella periferia di Shinjuku, una tra le aree più movimentate di Tokyo, con la stazione più trafficata al mondo. Proprio a fianco della mia via, inizia la bellissima area di Kagurazaka, quartiere delle gheishe dove si può ancora respirare l’ aria di un Giappone più tradizionale, fatto di viuzze, case basse e piccoli locali, e dove si possono incontrare facilmente persone che passeggiano in kymono.

    Se a kuala lumpur avevo il telefono montato a fianco al water, qui si va addirittura oltre…
    Il cesso sembra una navicella spaziale, e posso farmi il bidet e addirittura regolare la temperatura della ciambella.
    100_3903
    Si sono inventati pure l’ urinatoio maschile con schermo e gioco incorporato, con punteggio relativo alla forza del getto di urina. C’ è addirittura l’ applicazione con la quale più si piscia forte e più si alza la gonna di una ragazza sullo schermo, con possibilità di salvarsi i punteggi su chiavetta usb…
    Chissà quanti ragazzini si spaccheranno la vescica, roba da matti….

    Tutto è minuscolo e perfetto, o quasi…

    Ho comprato pure una bottiglia di Sake, da bere a cena ed eventualmente usare come lubrificante, dato che ho finito l’ olio…(no dai, scherzo, però se uno riuscisse a fare un numero del genere, dovrebbe come minimo andare a brindare a Se Stesso al Bar sotto casa….)
    100_3814
    Girare è inizialmente dura, al di fuori degli aeroporti e di alcuni centri informazioni, non c’è nessuno che parli mezza parola di inglese, nemmeno alla reception del mio albergo. Però sono gentilissimi e se possono si fanno in 4 per aiutarti…

    Non riuscendo ad interagire con quasi nessuno, mi limito ad osservarli….

    Cercano la perfezione in ogni gesto quotidiano. La loro incredibile attenzione per ogni dettaglio, pietra per pietra, pianta per pianta, lettera per lettera ha dato vita ad un paese di una bellezza unica, quasi commovente.

    Rispettosi e gentili all’ inverosimile, si prodigano in grandi inchini e porgono tutto con due mani, in segno di rispetto. Non mostrano quasi mai sentimenti negativi in pubblico, se camminando per strada sento “sbuffare” qualcuno so già quasi per certo che sarà straniero….

    A differenza di altri paesi non vengo squadrato, ogni tanto noto sguardi curiosi, ma mai oppressivi.

    In Australia mi trovo spesso costretto a chiudere porte e finestre per evitare che i miei friendly vicini australiani ci si infilino dentro a fare le chiacchere…
    Qua il discorso è tutto all’ opposto e dopo qualche giorno di permanenza, nessuno mi ha ancora fatto una domanda, a causa della enorme barriera linguistica e del rispetto della privacy.

    La città è qualcosa di incredibile, è difficile se non impossibile trasmettere a parole quello che si vede e si prova.
    I quartieri più vivi sono giganteschi formicai con palazzi coperti da migliaia di insegne luminose, vetrine di alta moda, grandi magazzini pieni di insegne, elettronica e gente che urla per vendere qualcosa. Migliaia di locali e ristoranti di ogni tipo….
    100_4150
    100_3824
    Poi all’ improvviso, si imbucano viuzze strette, con localini piccolissimi che espongono le bottiglie di sake all’ esterno, decorati con lanterne giapponesi multicolore….e si respira improvvisamente qualcosa di meravigliosamente antico.
    100_4118
    100_4107
    100_3810
    Una fusione di Giappone tradizionale e ultramoderno, in una città che è sterminata a tal punto che rende difficile comprenderne numeri e misure, finche non ci si mette piede.
    Tokyo non dorme mai e in alcune zone si possono vedere migliaia di persone anche a qualsiasi ora della notte, in qualsiasi giorno della settimana….
    100_4155
    Non esagero quando dico che per strada, soprattutto in quartieri come Shinjuku, Ginza, Roppongi oppure a Shibuya nella zona dell’ incrocio pedonale più attraversato del mondo, ci sono decine di migliaia di bamboline di ceramica, eleganti e curate in maniera maniacale. Il genere può piacere oppure no, ma gli amanti delle Mandorle qui impazziscono, come in nessun altro luogo al mondo….

    La grandezza e varietà di Tokyo mi costringono a fermarmi un paio di giorni in più del previsto, per cui decido di cambiare il programma, tralasciando Osaka e qualcos’ altro, per concentrarmi su Tokyo e Kyoto.

    Mi muovo verso Kyoto, la precedente capitale del Giappone, con uno Shinkansen, il “treno pallottola” che per rapidità ed efficenza, è diventato un mezzo nettamente preferito all’ aereo.

    Appena lascio il centro di Tokyo, il paesaggio si addolcisce e i grattacieli lasciano spazio ad un immensa distesa di case basse da periferia, poi campagne, colline verde scuro e piccole deliziose vallate….

    Ho prenotato una camera in un Ryokan, il tipico albergo in stile giapponese con i letti a terra e le porte scorrevoli.
    100_3856
    100_3858
    La pulizia di qualsiasi cosa è ai massimi livelli, nel Ryokan così come credo in ogni casa giapponese, ci si toglie le scarpe all’ ingresso e si indossano ciabatte.
    Se si deve andare in bagno si trovano altre ciabatte all’ ingresso da usare esclusivamente in bagno.

    Kyoto è l’ antica capitale del Giappone, sostituita in tempi moderni da Tokyo.
    Città storica delle geishe e dei Ryokan, credo sia una tra le più belle, se non la più bella città di tutto il paese.
    Le parole sarebbero riduttive, preferisco lasciar parlare le foto che, fatte dalla mia patetica digitale, non rendono comunque giustizia…
    100_4071
    100_4006
    A Kyoto mi sono perso tra i vicoli, i templi, i suoi splendidi cimiteri a picco sulle vallate o nei boschi…..e nel perdermi ho trovato tanto, e nutrito gli occhi e l’ anima di una bellezza che fino ad ora non avevo forse mai trovato.
    100_3974
    100E3990
    L’ ho lasciata a malincuore e con un senso di incompletezza, tornando a Tokyo invece che proseguire per Osaka come previsto, per completare la visita della Capitale.

    Non pensavo ci fosse così tanto da vedere e la cosa mi ha colto di sorpresa, ma tornerò senz’ altro per venire a trovare alcuni amici giapponesi che al momento risiedono in Australia.

    Ho sentito spesso parlare di razzismo verso gli stranieri, invece mi sono sentito assolutamente rispettato. Certo ci saranno dei razzisti come da qualsiasi altra parte, ma mi è venuto da pensare che la loro iniziale timidezza e riservatezza venga scambiata per menefreghismo o altri sentimenti….

    E che se ci è vietato l’ ingresso in svariati luoghi è perchè loro si sentono storicamente a disagio e intimiditi da alcuni nostri comportamenti, che per noi sono assolutamente normali e per loro assolutamente irruenti. Io non liquiderei la cosa così facilmente parlando di “razzismo”……
    Spesso e volentieri mi sono sembrati anche molto insicuri…

    La differenza è abissale, questo è un altro pianeta a tutti i livelli.

    E’ stato bello viaggiarlo senza che nessuno mi rompesse i coglioni, tirandomi per le braccia per vendermi qualcosa o chissa che altro….
    Splendido farci le vacanze… ma viverci, alla lunga?
    Io non ci metterei la firma, se non per brevi periodi e comunque conoscendo bene la lingua giapponese….ed anche in quel caso non ho dubbi che prima o poi sentirei il peso delle enormi differenze.

    Mi trovo ora nel bellissimo ristorante del mio albergo per la mia ultima cena giapponese, mi muoverò tra un paio di ore verso l’ aeroporto con destinazione Bangkok….
    A la procion’ dalla Thailandia!


    CCSP ha scritto anche:



      • CCSP
      • CCSP

      • 18 luglio 2014 at 11:08

      .

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 18 luglio 2014 at 11:13

      ,

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 18 luglio 2014 at 11:14

      :

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 18 luglio 2014 at 11:16

      ;

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 18 luglio 2014 at 11:17

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 18 luglio 2014 at 11:19

      _

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 18 luglio 2014 at 11:20

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 18 luglio 2014 at 11:21

      \

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 18 luglio 2014 at 11:22

      |

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 18 luglio 2014 at 11:23

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 18 luglio 2014 at 11:32

      ^

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 18 luglio 2014 at 11:34

      (

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 18 luglio 2014 at 11:36

      )

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 18 luglio 2014 at 11:43

      =

         1 Mi Piace


      • aurelius
      • aurelius

      • 18 luglio 2014 at 20:26

      Beh debbo dirti caVo Fratello che ormai la foto della Tazza del Cesso Multinazionale ™ sta’ diventando virale sul [Forum Riservato A] :)) :ouch :))
      E poi si, belle foto, posti splendidi. Si credo anch’io, da quel che so’ con un amico che lavoro’ li per 6 anni…differenze. Posto stranissimo, comportamenti lunari per dei poveri Eurpoei del sud come noi. Ma anche affascinanti; si molto probabilmente per brevi periodi.
      Bene, bel giro in giro…daje divertiti e a presto dalla Thai, e non ci far mancare le ” Cess news ” ™ con spruzzino annesso !!! :)) :ohplease :))

         0 Mi Piace



    • Pardon, ma sarei curioso di sapere se sono io l’unico sfigato che non riesce a vedere gran parte delle foto…. :-?
      Io ne vedo appena un paio…forse sono troppo grandi?
      @dudy ne sai niente?

      Bellissimo viaggio comunque Fratello, un paio di anni addietro quando ero sul punto di fare il biglietto per andare a visitare successe la catastrofe della centrale nucleare ed il piano andò in fumo.

      Lo conobbi in Bolivia un italo-boliviano che era stato non so quanti anni in esilio in Giappone e poi se n’era tornato in Bolivia con la mugliera giapponese…ecchettelodicoaffare…un folle…credo fosse stato coinvolto con una qualche giunta militare o colpo di stato o chessòio, bah.

      Grandissimo viaggio comunque!

         0 Mi Piace


      • magic_mirror
      • magic_mirror

      • 19 luglio 2014 at 11:06

      Grande @CCSP!
      Bellissimo una delle mete che vorrei fare da tempo…che sfortunatamente non sono ancora riuscito amettere nel mirino….ma prima o poi…
      Gran bel posto e gran belle foto.
      Complimenti!

         0 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 19 luglio 2014 at 16:03

      Grazie Fratelli!
      Ha ragione Aurelius comunque, ho smesso con la Froceria da Diporto ™ ma mi è venuto il vizio di fotografare i cessi…. :))
      Però…..che Cessi! :))
      Solo per Finissimi Estimatori….

         3 Mi Piace


      • Bombolo
      • Bombolo

      • 19 luglio 2014 at 17:25

      Complimenti per il viaggio anche da me, il Giappone è da molto tempo tra i miei desideri, l’ho sempre scartato per ragioni di costo della vita troppo superiore ad altre mete (Filippine, Thai) per essere abbordabile dalle mie tasche. Ad ogni modo, non per fare lo sborone, ma la tazza Hi tech l’ho trovata a Taipei, l’ho fotografata pure io. Postero la foto per fare il confronto. Non ho però avuto il coraggio di toccare nessun pulsante, nella peggiore delle ipotesi correvo il rischio di attivare la modalità gay e mi trovavo un sifulotto su per il culo..

         2 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 19 luglio 2014 at 19:51

      Bel reportage @CCSP, m’hai fatto venire la nostalgia con le foto di Kyoto, giacché lí vissi una torrida storia d’aMMOre e venni iniziato alla “geometria sessuale”.
      Complimenti e auguri di buon viaggio e aspettiamo tue notizie dalla Thailandia.

         1 Mi Piace


      • Matt
      • Matta

      • 19 luglio 2014 at 21:26

      Bello il Giappone, peccato che non ci vada da tanto tempo. Pero’ i Giapponesi oltre che molto educati mi sembrano anche molto repressi. Il loro sistema scolastico è rigidissimo e alienante. Li hai visti come si divertono con il pachinko? Non è un luogo comune privo di verità che il Giapponese manchi di flessibilità mentale. Quando sono costretti a mescolarsi con altre culture molti hanno grandi difficoltà, alcuni diventano persone straordinarie.

         1 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 20 luglio 2014 at 4:51

      @Bombolo effettivamente è costoso, soprattutto accomodation e spostamenti. Non è costoso così tanto come si pensa, ma dopo Australia e Giappone ora la Thailandia mi pare molto più economica del solito….però offre anche soluzioni in economia come capsule o camere condivise….
      @Luporosso, una storia d’ AMMore in quel di Kyoto l’ ha da esser qualcosa di Speciale…magari coi ciliegi in fiore o i colori autunnali…. :lov
      @Matta dici bene, sono assolutamente repressi e poco flessibili(quelli che conosco in Australia vanno un po’ meglio sotto tanti punti di vista) Sui loro binari sono efficentissimi ma basta un qualcosa che sia di una virgola diverso e tanti vanno in panne…..basta parlargli in inglese oppure dargli una mancia, che da loro non è contemplata e questi si mettono a pensare a come faranno a pagarci sopra le tasse o cazzate simili…. li vedi proprio che non sono in grado di affrontare l’ imprevisto.
      Tra l’ altro alcuni un po’ di inglese lo saprebbero anche, ma hanno paura di buttarsi….
      A Kyoto sono arrivato alle 15 56, il check in del Ryokan era alle 16, la camera era pronta ma alla reception mi hanno fatto sedere per 4 minuti! :))
      A me hanno fatto spesso tenerezza…..più che razzismo mi hanno dato l’ idea che abbiano complessi di inferiorità ed insicurezza.
      A Rappongi una notte mi ero messo seduto in una viuzza e davo effettivamente l’ idea di poter essere li per vendere qualcosa….
      Sono arrivati 3 sbirri a piedi che volevano farmi un controllo…..ma non sapevano come dirmelo, cioè, ci giravano intorno con frasi del tipo….”sa….Rappongi è un quartiere pericoloso….”
      Non capivo se volevano mettermi in guardia o cosa…..alla fine ho capito e gli ho dato io i documenti e gli ho svuotato le tasche, e loro che mi ringraziavano e facevano gli inchini….roba da matti
      A volte mi capitava di incrociare lo sguardo con qualche ragazza che mi stava guardando ma questa abbassava gli occhi immediatamente…..il tuo sguardo non lo reggono. Un mix di repressione, insicurezza e timidezza che a volte, credo vengano scambiati da alcuni per disinteresse o menefreghismo….
      Io credo siano soltanto enormi le differenze e che prima di condannare bisognerebbe sempre provare a capire….
      Proprio per tutte queste cose io so già che in Giappone non riuscirei a stare a lungo…..

         3 Mi Piace



    • Vabbé questa degli sbirri che si vergognavano a farti un controllo e menavano il can per l’aia è una Perla di Follìa Assortita cone se ne leggono poche… :dreaming :dreaming :dreaming
      A pensarci bene capita anche a Napoli che gli sbirri non sappiano come chiederti i documenti…l’unica differenza sta nel fatto che anziché menare il can per l’aia come i colleghi giapponesi ti partono direttamente con una pigna in bocca :punch
      :)) :)) :))
      Comunque a me per quel poco che ci ho avuto a che fare Giapponesi e Coreani mi piacciono un sacco…insomma meglio loro che tanti altri.

         0 Mi Piace


      • Matt
      • Matta

      • 20 luglio 2014 at 16:56

      @CCSP mi capito’ di mandare in crisi un bar di Osaka chiedendo una cocacola a temperatura ambiente: saranno venute 3 diverse cameriere a rifarmi la stessa domanda (cioè se davvero la volevo a “room temperature”) sorridevano e se ne andavano, poi venne il manager, anche lui sorrise e se ne ando’, infine torno’ la prima cameriera per dire che la potevano servire solo fredda di frigo.
      @LittleTruths a me invece i coreani stanno mediamente sulle palle.

         0 Mi Piace


      • Bombolo
      • Bombolo

      • 20 luglio 2014 at 19:16

      Ecco la mia tazza tecnologica di Taipei, Cosmo hotel..

         1 Mi Piace


      • Bombolo
      • Bombolo

      • 20 luglio 2014 at 19:17

      Dettaglio pulsantiera

         1 Mi Piace


      • AtiLeong
      • AtiLeong

      • 21 luglio 2014 at 22:53

      Sono un confesso fan dell’ estetica giapponese: sia quella classica del teatro “No” e dei Samurai e della cerimonia del té, sia quella contemporanea ( esclusa la mania che é venuta alle fighette di magnare sto cazzo di pesce crudo: il sushi non lo sopporto ).
      Ma a sto punto mi devo dichiarare pure fan dei candidi e ironici racconti di viaggio di “Capa ‘e muort” @CCSP San: le pennellate che da dei paesi che visita sono sempre “fresche”, saporite e efficaci. :clap
      Inoltre la galleria fotografica dei cessi ormai é diventata un “must” al quale difficilmente saprei rinunciare mi sa che me le scarico e me le conservo in un “file” . :D

         0 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 22 luglio 2014 at 5:29

      Grazie @AtiLeong! In più quella canaglia di @Bombolo mi ha esaltato con le sue foto dei cessi di Taipei…..io sono un tipo competitivo per cui se ne vedranno delle belle… :))

         1 Mi Piace



    • :dreaming :dreaming :dreaming
      @CCSP & @Bombolo a questo punto considerato il riscontro che ha avuto l’argomento con la strana, strana gentaglia che frequenta questo Multibloggolo ™ suggerirei quasi quasi di aprire un thread dedicato in cui potete sfidarvi a chi ce l’ha più strano (il cesso). :))

         1 Mi Piace


      • Zest
      • Zest

      • 22 luglio 2014 at 11:51

      @CCSP

      Che dire….bel racconto anche se abbastanza sintetico, ma le foto che hai fatto hanno perlomeno contribuito a farne un buon resoconto. Il Giappone e’ una meta che attira parecchi, idem il sottoscritto dove anch’io ho messo piede nel lontano 2004, ma che non nego mi piacerebbe ritornarci quanto prima. Un abbraccio ovunque tu sei, immagino ora in Los ;-)

         1 Mi Piace


      • Zest
      • Zest

      • 22 luglio 2014 at 11:54

      @LittleTruths

      e parlando di cessi , lo sapevi che ci si possono fare molto cose :rotfl :rotfl

         2 Mi Piace


      • dionisio
      • dionisio

      • 22 luglio 2014 at 14:38

      Bello l’avatar @littletruths ……. :rotfl :rotfl :rotfl

         0 Mi Piace



    • @Zest questo stesso poster ce l’aveva in negozio un mio amico… :dreaming
      GraSSie @dionisio :doubleup

         0 Mi Piace


      • dionisio
      • dionisio

      • 22 luglio 2014 at 15:20

      LittleTurds:
      @Zest questo stesso poster ce l’aveva in negozio un mio amico…
      GraSSie @dionisio

      Se vuoi flagellarti …….posso mandarti qualcuno dei miei clienti ……… il caldo gli fa’particolarmente male…….mi stanno tritando i coyote’s …….non hanno capito che tra poco organizzo un treno e li deporto in mezzo ai cannibali ….. :devil
      Cosi faccio due cose buone…..me li tolgo dalle palle …..e aiuto le minoranze…. :rotfl

         1 Mi Piace



    • @dionisio tieni da aprte un posto anche per me su quel treno :dreaming

         0 Mi Piace


      • dionisio
      • dionisio

      • 22 luglio 2014 at 15:59

      LittleTurds:
      @dionisio tieni da aprte un posto anche per me su quel treno

      Per noi avevo pensato ad un volo su Praga ……. se vuoi i cannibali…. contento tu???

         1 Mi Piace


      • Bombolo
      • Bombolo

      • 22 luglio 2014 at 17:37

      Tra i cessi asiatici, odio le tazze con l’acqua alta..non credo servano spiegazioni sul perché.

         1 Mi Piace



    Post a Comment!