• Elucubrazioni Notturne….

    Ho sempre amato guidare di notte, da solo o in compagnia mi faceva poca differenza….Mi piace guidare da solo di notte perché mi ricorda un po’ la vita come e’ fatta, di luci ombre, solitudine, gioia e riflessioni, decisioni da prendere a breve o a lungo termine…scegliendo il percorso che in quel momento il nostro sesto senso ci dice di intraprendere, in quell momento siamo noi con noi stessi, e li dobbiamo essere lucidi e razionali, senza farci troppo coinvolgere emotivamente. Viaggiare e andare via da chi ? e perche’ ? Ogni istante, ogni ora, ogni giorno combattiamo contro tutto e tutti, I nostri colleghi di lavoro, gli amici I famigliari, un parcheggio mal riuscito, una cena andata di traverso, perfino una scopata andata a male…. Poi una bella sera decidi di partire, prendi la tua macchina e cominci a macinare kilometri, un déjà vu, uno dei tanti gia’ fatti in precedenza, solo che a differenza di allora la meta e imprecisata, seguiamo solo il nostro istinto, non sappiamo esattamente dove quella strada ci portera’ e’ cosi’ e la vita…. C’e’ solo un unica differenza in tutto questo, in macchina siamo noi che decidiamo dove andare e a quale velocita’, nella vita’ a volte sei costretto dagli eventi che ti sopraggiungono come pietre rotolanti venute da chissa’ che , e allora ti costringono ad accellerare a non guardarti indietro, ad ogni modo so che prima o poi andro’ a sbattere contro qualcosa…. guidare o vivere in entrambi I casi c’e’ sempre il rischio che qualcosa vada sempre storto…

    Guidare e vivere hanno molto in comune secondo me, siamo noi che decidiamo in entrambi I casi se essere prudenti, disinvolti, audaci, riflessivi e pronto, entusiasti e strafottenti o coraggiosi.
    Poi magari ogni tanto spuntano quei tunnel quelle gallerie che sai che prima o poi ci devi entrare, chi di voi guidando non ha mai imbeccato una galleria ? entrare dentro una galleria mi viene in mente quando stai entrando in un periodo non troppo felice della tua esistenza , che la vita sembra riservarti come uno step fisso senza che puoi esimerti di tralasciare. I ricordi che ognuno di noi si porta addietro, con la sua bella borsa di esperienze, errori e gioie dolori passate, guidare e vivere porta in entrambi I casi a dei percorsi ancora sconosciuti a noi, la notte poi porta pensieri ancora piu’ profondi, e facendolo guidando si enfatizza tutto molto di piu’, sei solo con te stesso, parli solo nella tua mente e osservi l’orizzonte che hai davanti a te, entri in una galleria lunga diritta ,di notte che sembra mimetizzarsi bene con l’oscurita’ , sono quei tunnel senza fine che sembra non finiscono mai, esattamente come I periodi che ognuno di noi passa, periodi non proprio esaltanti , poi ad un tratto vedi le curve, le curve sono gli ostacoli che la vita ci presenta, non possiamo voltarci e far finta di niente, se sono li ci sara’ pure una ragione, e allora dobbiamo curvare, aggirare l’ostacolo facendoci il minor male possibile, cerchiamo di limitare I danni con noi stessi senza andare a sbattere contro un muro di cemento che potra’ segnarci per il resto dei nostri giorni…. E solo quando vediamo quella lucina Bianca davanti a noi, ci diciamo che stiamo terminando quella galleria, e nella vita vale lo stesso, il nostro brutto periodo sta per terminare , usciti dal tunnel , abbracciamo di nuovo la vita reale quella a cui abbiamo sempre esplorato a piene mani, riprendiamo la nostra strada , con le luci I lampioni, e le insegne , le insegne sono I consigli che prendiamo di buono da chi ne sa piu’ di noi, e puo’ essere qualsiasi persona, l’importante e sapere da dove vengono fuoriuscite quei consigli che magistralmente ci diranno se stiamo facendo la cosa giusta…
    Guidare di notte da solo mi trovo a mio agio, ho tanto da raccontarmi, un introspezione dentro te stesso con la tua mente , la tua anima, e poi ad un tratto ti accorgi quanto sia flow quella traccia che dalla testa ci porta diretti al cuore, perche’ il nostro silenzio e’ impermeabilizzato dentro pochi metri quadrati di un abitacolo, in quel poco spazio dove l’unica tua compagna e’ il tuo stereo che manda bit in continuazione. Ho sempre amato guidare di notte , perche’ so che da qualche parte sto andando che sia vicino o lontano fa poca differenza, la vita idem , e’ bello raggiungere un obiettivo a cui ci eravamo prefissati e quando lo raggiungi ti senti rassicurato come in inverno una bella sciarpa un cappello e un paio di guanti che ti scaldano, ti senti protetto per aver raggiunto il tuo scopo. Queste elucubrazioni mi sono arrivate dopo ieri notte in cui mi sono messo a guidare per non so quanti km, avevo voglia di starmene un po’ solo e riflettere, ogni tanto ho bisogno di pensare senza avere nessun intorno, e guidare mi mette a mio agio e quando ho bisogno di decidere qualcosa devo guidare , decidere qualcosa di importante l’ho fatto sempre in queste condizioni , da solo, di notte, solo con me stesso, dentro uno spazio limitato quale e’ l’abitacolo di una macchina. Ieri ero arrivato fin su in montagna ,piovigginava, vedevo tutta Dongguan con le sue lucine fioche in lontananza, c’era il silenzio piu’ assoluto , mi sono acceso un paio di sigarette , e sono rimasto li seduto sul cofano della macchina a contemplare la notte , mi mancavano le stelle e il suo cielo blu, ma ho capito che da quando sono qui non ho mai visto ne stelle ne cieli blu da assaporare. Vivo qui in una dimensione astratta, in un paese lontano da voi, pieno di problematiche, l’unica mia solitudine se cosi’ la posso chiamare e’ l’ostacolo della lingua autoctona, ma oramai ci ho fatto anche un po’ l’abitudine non riuscire a comunicare come vorrei con le persone, a volte penso che ci viene difficile anche comunicare con la nostra stessa lingua e I nostri connazionali, e ti accorgi che forse realisticamente non ci sono tutti questi interessi comuni che pensavi ci fossero, qualcuno disse non so chi, che le persone sono come I cioccolatini che trovi dentro le scatole, non sai mai chi sono veramente fin quando non li hai assaggiati, metaforicamente parlando.
    Avrei voluto ieri notte affogare in un cielo stellato e lasciarmi dietro I miei dubbi e caricare solo le mie speranze I miei nuovi obiettivi, sogno di non smettere mai di sognare, fin tanto che ne avro’ la forza, bisogna essere consci che la vita non potra’ mai essere una strada dritta e basta, troveremo , salite, discese, le curve, le gallerie, tutti ostacoli da passare e che la vita sempre ci riserva, cerchiamo solo di essere coraggiosi e scaltri quando si presentera’ il prossimo ostacolo, che tanto nessuno ci regala nulla, dopo la tempesta arriva sempre la quiete accompagnata da un bel arcobaleno… e solo in quel momento decideremo se tenere acceso il nostro cervello e combattere contro tutto e tutti , oppure abbassarsi al sistema e vivere senza averci provato un solo istante…. Che se quando moriro’ almeno qualcuno scrivera’ sulla mia tomba :
    “E morto dopo aver vissuto” e la cosa non era poi tanto scontata….

    Nightcall

     

     

     


    Zest ha scritto anche:



      • aurelius
      • aurelius

      • 7 maggio 2014 at 10:08

      Eehhh si CaVo amico @Zest …andare, correre, fermarsi, riflettere. Ripartire. Grosse similitudini tra il guidare et il vivere, giuste metafore della vita. E farlo significa fortunatamente essere ancora degni di vivere.

      Ti lascio due frasi che ho cercato apposta, anche segno che gli Antichi ne sapevano gia’ sempre piu’ di noi; l’unica cosa buona che ti da’ lo scorrere del tempo infatti e’ cercare di capire le cose e farne esperienza…

       

      • Navigare necesse est, vivere non est necesse
      È necessario navigare, non è necessario vivere. Plutarco
      • Vita, si uti scias, longa est
      La vita, se tu sai usarla, è lunga. Seneca

         1 Mi Piace


      • Matt
      • Matt

      • 7 maggio 2014 at 10:50

      Bella metafora, anche a me piace guidare di notte ma rigorosamente da solo, con la mia musica. In fondo, nonostante amori amicizie e compagnie, la vita la viviamo da soli

         3 Mi Piace



    • ellissima riflessione compare @zest, purtroppo io l’ho perduto questo senso di evasione e di raccoglimento in macchina, perchè qui a Lione è come vivere in una prigione piena di radar, ti controllano anche il buco del culo, sono soffocato dai limiti di velocità, dalla disciplina ferrea che col pretesto di ridurre gli incidenti ti fottono soldi a paletta e punti sulla patente.

      Il senso dell’avventura vorrei tanto recuperarlo, ricordo quando da Nantes arrivavo a Leccein moto, 2200 km, non programmavo nessuna tappa, mi fermavo quando mi stancavo, e cosi’ in Bulgaria, Romania, Croazia, Grecia, etc. Ora credo che Internet mi abbia rincoglionito, la sola possibilità di sapere che in quel posto l’hotel è più bello e meno caro, in quella zona potrebbe piovere, li’ ci sono i radar, mi sembra tutto prevedibile, sai già quello che ti succede o ti puo’ succedere, e se da un lato risparmi dall’altro ti senti meno pirata :ar

         3 Mi Piace


      • CCSP
      • CCSP

      • 7 maggio 2014 at 14:11

      ”     “E morto dopo aver vissuto” e la cosa non era poi tanto scontata….  “

       

      Dici bene zest, questo è un punto cardine della vita secondo me. Quanta gente muore quarant’ anni prima di esalare l’ ultimo respiro o magari non vive affatto, troppo repressa dalle paure…..

         2 Mi Piace


      • oasiall

      • 7 maggio 2014 at 14:15

      Mi hai fatto  venire in mente questa canzone:

      The loneliness of the long distance runner

       

      The tough of the track

      With the wind

      And the rain that’s beating down on

      Your back

      Your heart’s beating loud

      And goes on getting louder

      And goes on even more ’til the

      Sound is ringing in your head

      With every step you tread

      And every breath you take

      Determination

      Makes you run never stop

      Got to win got to run ’til you drop

      Keep the pace hold the race

      Your mind is getting clearer

      You’re over half way there

      But the miles they never seem to end

      As if you’re in a dream

      Not getting anywhere

      It seems so futile

       

      Run on and on

      Run on and on

      The loneliness of the long distance runner

       

      I’ve got to keep running the course

      I’ve got to keep running and win at

      All costs

      I’ve got to keep going be strong

      Must be so determined and push myself on

       

      Run over stiles across fields

      Turn to look at who’s on your heels

      Way ahead of the field

      The line is getting nearer but do

      You want the glory that goes

      You reach the final stretch

      Ideals are just a trace

      You feel like throwing the race

      It’s all so futile

       

      Run on and on

      Run on and on

      The loneliness of the long distance runner

       

      La solitudine del maratoneta

       

      La durezza della strada

      Con il vento

      E la pioggia che sta cadendo

      sulla tua schiena…

      Il tuo cuore batte forte,

      E aumenta sempre di più;

      E continua finché

      Il suo suono non risuona nella tua testa,

      Per ogni passo che percorri,

      E per ogni respiro che fai

      La determinazione

      Ti fa correre senza mai fermarti.

      Devi vincere, devi correre finché non cadrai.

      Mantieni il passo, continua la gara

      La tua mente si sta rischiarando.

      Hai già percorso più di metà strada,

      Ma le miglia non sembrano finire mai;

      Come se fossi in un sogno,

      Senza raggiungere nessun luogo,

      Sembra tutto così inutile…

       

      Corri, continua ancora ed ancora

      Corri, continua ancora ed ancora

      La solitudine del maratoneta…

       

      Devo continuare a correre la gara,

      Devo continuare a correre e vincere

      a tutti i costi.

      Devo essere ancora forte,

      Devo essere determinato e spingermi oltre.

       

      Corri oltre le staccionate e attraverso i campi,

      Voltati per guardare chi è alle tue spalle;

      Prosegui diritto per il campo,

      La linea si sta avvicinando ma

      Tu vuoi la gloria che se ne va.

      Compi lo sforzo finale.

      Gli ideali sono solo una traccia…

      Senti di mollare tutto…

      E’ tutto così inutile.

       

      Corri, continua ancora ed ancora

      Corri, continua ancora ed ancora

      La solitudine del maratoneta

       

       

         2 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 7 maggio 2014 at 14:34

      Caro compare @Zest   Belle similitudini! A volte la cosa più dura alla guida come nella vita e’ “scalare” di marcia! quando ci si abitua ai 300 all’ora della formula uno,tornare ai 120 di un utilitaria può diventare drammatico…ma nella vita c’ sempre l’altra facciaccia della famosa medaglia. E’ un continuo  “educarsi” e imparare….perché come diceva qualcuno giustamente “gli esami non finiscono mai”….un abbraccio comparuzzo…..

         1 Mi Piace


      • Zest
      • Zest

      • 7 maggio 2014 at 14:55

      tante domande non hanno una risposta ben precisa, nel perche’ di tanti comportamenti che adottiamo nel nostro quotidiano che se sapevo tutte ste cose era meglio che studiavo per fare lo psicologo scienziato, siamo qui che seppur molto distanti questo spazio ci ravvicina molto, ed ognuno di noi con i suoi problemi che la vita ci ha riservato e che forse ancora e’ tutto da decidere, io nel dubbio ho deciso di vivere che poi prenderlo in culo e’ un attimo, che solo gli stronzi non sbagliano mai, di quelli che non piace mai rischiare, di quelli che non si mettono mai in gioco e che sono sempre li a vedere ogni minimo movimento che fai….

      o fai bene o fai male saranno sempre li a puntarti il dito e allora tanto meglio fare di testa propria che se devo sbagliare almeno non devo dare conto a nessuno.

      http://www.youtube.com/watch?v=PWW01PcQU50

      Grazie Compadri :-)

       

         1 Mi Piace


      • Leone Di Lernia
      • Leone Di Lernia

      • 7 maggio 2014 at 17:47

      Sì.. sì… vabbè và, dìte pure tùtt le stronzàt che volète qua, ma ie quànd guido di nòtte è solo per andarme a cercàre le puttàn… e bàst!

      Ma còmm cazz è possibile nà cos del gènre: ma non giavete pròpio un càzzo da fare la nòtt che vi mettete a guidàr com all scìim?!… eccheccàzz jè!!

         3 Mi Piace



      • Uè Leòn! @Zest proprio l’ p’ttàn era andato a cercare, solo che non le trovava, e allora é dovuuto arrivare più lontano…e nel frattempo ha pensat! ;-)

           1 Mi Piace


      • Leone Di Lernia
      • Leone Di Lernia

      • 7 maggio 2014 at 17:50

      @Zest, ma tu avvèramende che stà propie esaurìte fìgghie mio… “guida zènza meta”… ma fàtte ricoveràre fàtt, che non stà bbùn co lla càap secondo me!!

         2 Mi Piace


        • aurelius
        • aurelius

        • 7 maggio 2014 at 18:35

        :rotfl :rotfl :rotfl

         

           1 Mi Piace


      • Leone Di Lernia
      • Leone Di Lernia

      • 7 maggio 2014 at 17:53

      @oasiall… e pùr tu vèdi peppiacère di non mètterte a scrivere giargianèse quà eh?!

         1 Mi Piace



    • Bella Cheffone! :dreaming

         1 Mi Piace



    • Ué, Leo, cudd nu ttene chiù pall che scopa semb, ogni dand fa la pauus, se condinua accusii’ i”é periculaus o minunn :-)

         0 Mi Piace


      • Zest
      • Zest

      • 10 maggio 2014 at 15:10

      @Leone Di Lernia

      hai ragione Zio, la Cina mi sta consumando le ultime cellule cerebrali rimaste, parlo anche da solo, non vado piu’ a zoccole come una volta, qua tutto e chiuso, a scopare sempre la mia fidansatina, bravissima donna per carita’, non mi da piu’ le emozioni dei primi tempi…. lo so sono fatto male io, ho bisogno sempre di novita’ di curiosare sempre in giro e di muovermi. Tra pochi giorni parto se Dio vuole…. ho bisogno di rigenerarmi un po’, la Cina mi sta esaurendo e non poco, qua la parola d’ordine e solo una soldi e lavoro, vedi quindi come sono messi da ste parti….

      @Matt

      E vero, quando moriremo saremo solo con noi stessi e basta… e lo sto vedendo anche da vivo purtroppo….

      @Aurelius
      A te Coelho ti fa un baffo, l’ho sempre saputo :-) ;-)

      @epicuro
      non so….abbiamo fatto scelte talemnte differenti, tu tut’ora sposato e con responsabilita’ da portare avanti, io invece zingaro per difetto la mia casa e’ un trolley, a volte non so piu’ neanch’io chi sono…. ho di quei smarrimenti che non ho piu’ neanche un punto di riferimento,viaggio cosi’…all’avventura, per lavoro, per scazzo, per divertimento e per disperazione , cerco di rimanere ancora attaccato ai miei sogni che mi danno la forza di andare avanti e conseguire cio’ che era buono per me. Ora mi faccio trasportare dagli eventi…. magari al prossimo giro mi ritrovo chissa’ dove e perche’…

      @CCSP
      si quella frase me la faccio scolpire sul marmo a lettere cubitali, che tutta la cerchia dei miei consocenti e amici ha fatto e visto un decimo di quello che ho fatto io fin’ora, garantito al limone.

      @Dragodoro
      gli esami non finiscono mai….. pero’ si fa sempre piu’ dura con l’eta’ a passarli, si ha paura di sbagliare di rimanere indietro, stare sempre li sul pezzo non e mai facile, mantenere i propri standard di vita nemmeno, ingegnarsi , questo dobbiamo fare…. pero’ ho capito una cosa sola, a sto mondo senza pecunia non si va da nessuna parte…tutto il resto sono solo mie elucubrazioni da parte di uno che sta andando che neanche lui sa dove…

      Un abbraccio anche a te Compare :-)

      @LittleTruths
      grazie a te Compadre :-)

      @oasiall

      la musica un buon antidoto a tutti i mali di sto mondo e a le gioie che ci accompagnano sempre ricordandoci

         0 Mi Piace


      • Zest
      • Zest

      • 10 maggio 2014 at 15:11

      @Leone Di Lernia

      hai ragione Zio, la Cina mi sta consumando le ultime cellule cerebrali rimaste, parlo anche da solo, non vado piu’ a zoccole come una volta, qua tutto e chiuso, a scopare sempre la mia fidansatina, bravissima donna per carita’, non mi da piu’ le emozioni dei primi tempi…. lo so sono fatto male io, ho bisogno sempre di novita’ di curiosare sempre in giro e di muovermi. Tra pochi giorni parto se Dio vuole…. ho bisogno di rigenerarmi un po’, la Cina mi sta esaurendo e non poco, qua la parola d’ordine e solo una soldi e lavoro, vedi quindi come sono messi da ste parti….

      @Matt

      E vero, quando moriremo saremo solo con noi stessi e basta… e lo sto vedendo anche da vivo purtroppo….

      @Aurelius
      A te Coelho ti fa un baffo, l’ho sempre saputo :-) ;-)

      @epicuro
      non so….abbiamo fatto scelte talemnte differenti, tu tut’ora sposato e con responsabilita’ da portare avanti, io invece zingaro per difetto la mia casa e’ un trolley, a volte non so piu’ neanch’io chi sono…. ho di quei smarrimenti che non ho piu’ neanche un punto di riferimento,viaggio cosi’…all’avventura, per lavoro, per scazzo, per divertimento e per disperazione , cerco di rimanere ancora attaccato ai miei sogni che mi danno la forza di andare avanti e conseguire cio’ che era buono per me. Ora mi faccio trasportare dagli eventi…. magari al prossimo giro mi ritrovo chissa’ dove e perche’…

      @CCSP
      si quella frase me la faccio scolpire sul marmo a lettere cubitali, che tutta la cerchia dei miei consocenti e amici ha fatto e visto un decimo di quello che ho fatto io fin’ora, garantito al limone.

      @Dragodoro
      gli esami non finiscono mai….. pero’ si fa sempre piu’ dura con l’eta’ a passarli, si ha paura di sbagliare di rimanere indietro, stare sempre li sul pezzo non e mai facile, mantenere i propri standard di vita nemmeno, ingegnarsi , questo dobbiamo fare…. pero’ ho capito una cosa sola, a sto mondo senza pecunia non si va da nessuna parte…tutto il resto sono solo mie elucubrazioni da parte di uno che sta andando che neanche lui sa dove…

      Un abbraccio anche a te Compare :-)

      @LittleTruths
      grazie a te Compadre :-)

      @oasiall

      la musica un buon antidoto a tutti i mali di sto mondo e a le gioie che ci accompagnano sempre ricordandoci i nostri trascorsi

         0 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 10 maggio 2014 at 15:24

      ….@Zest Ascoltati sta canzone del “vecchio & bistrattato” Julio Iglesias….io mi ci ritrovo……..(spero carichi il link)

      http://youtu.be/Vhbq-X2AB2U

         0 Mi Piace


      • Zest
      • Zest

      • 10 maggio 2014 at 19:41

      Grazie per la dedica, si mi ci ritrovo anchio :-)

      Caro @Dragodoro, forse questo puo’ essere il nostro Inno a noi e a Piccole Verita’ :D :dreaming

      http://www.youtube.com/watch?v=4hDO5Sr_BUE

         0 Mi Piace



    Post a Comment!