• Naughty in Japan ( Frasi per semplificarsi la vita in Giappone)

    Qua un piccolo vademecum per chi vuole intraprendere un viaggio nel Sol Levante, frasi molto utili per pirati che non hanno paura a chiedere ad una mandorlata giapponesina  di che colore sono le sue mutandine o se vuole fare l’ammmore o se gli va di fare un 69  :lol:

    Io intanto ho gia la mia che mi sta saltando sul letto in continuazione , che dolci bamboline  sono….. :-)

    -Lab-hoteru-IIK-U-ZO !! Andiamo al “Love Hotel” !

    -Kimi-te honto-ni kirei-dane Sei molto carina

    -Mae-ni atta-koto aru-ka? Non ci siamo già incontrati prima?

    -Ichiman-en kashite-kureru? Puoi prestarmi 10.000 Yen?

    -Kino-wa takusan nomisugita-ne? Hai bevuto troppo ieri sera, eh?

    -Nampa-shita! Ho segnato (dopo una notte di successo)

    -Kimi-no-koto igai-wa kangaerarenai Non posso vivere senza il tuo amore!

    -Koko-ja hito-ni miechau-yo Qui possono vederci.

    -Bakku shito-ni suwaro Mettiamoci sul sedile posteriore.

    -Ima Shiyo Facciamolo adesso.

    -Shinu-hodo aishiteru Ti amo tanto che potrei morire.

    -Kimi-to netai Voglio far l’amore con te.

    -Nani iro-no shitagi-o tsuketeru-no? Di che colore sono le tue mutandine? (Se risponde “marroni”, fuggi subito)

    -Hinin-suru-no wasurechatta Ho dimenticato le precauzioni.

    -Shikkusu-nain suki Facciamo il sessantanove.

    -Bakku-de shiyo Facciamolo da dietro.

    -Shinken-ni naritakunai. Non voglio che diventi seria.

    -Kimi-to-dewa shigeki-teki-ja nain-da Non mi ecciti più.

    -Kimi-wa beddo-de yokunai. Non sei buona affatto a letto.

    -Dare-ga onara-shita? Chi ha scorregiato?

    -Itsu kekkon-shitai? Quando vuoi sposarti?

    -Suitaru-ga ii-na Hai un bel fisico.

    -Shitagi-o totte Togliti le mutandine.

    -Boko-no me-o mite Guarda nei miei occhi.

    -Boku-ga hoshii-nowa kimi-dake Sei l’unica che desidero.

    -Doko-no kurejitto kado-ga tsukaemasu-ka? Che carte di credito accetti?


    Zest ha scritto anche:



      • CCSP
      • CCSP

      • 6 maggio 2014 at 13:34

      Grazie amico mio! Capiti proprio a fagiolo dato che ci vado tra due mesi….
      Mi sono già imparato : “togliti le mutandine”
      “qui possono vederci” “puoi prestarmi 10000 yen?” e “chi ha scoreggiato?” :))

         2 Mi Piace



    • :)) :clap io so dire “Salute!”, si dice Cam pai (cam pei in Cina mi sembra). Non bisogna dire Cin cin perchè cin significa pisellino da bambino :))
      Nel 1998 ho accompagnato i giapponesi allo stadio di Nantes per la partita Giappone Croazia, hanno perso, al ritorno mi hanno invitato a festeggiare e a tutti brindavo con Cin, come si fa in Francia. Dopo che mi hanno fatto il disegnino, ho capito perchè si allontanavano tutti.
      Un’altra cosa strana che mi spiego la splendida Chica Hanabusa (un nome un programma) è che non guardano negli occhi non per maleducazione ma perchè da loro è considerato come un segno di sfida.
      @CCSP, dove sei in Australia, a Sidney?

         1 Mi Piace


        • CCSP
        • CCSP

        • 7 maggio 2014 at 8:17

        @epicuro a sydney sono stato un po’ al mio arrivo, ora sono a Coffs Harbour, che è una città sui 60000 abitanti in mezzo tra sydney e brisbane. Sono qui da un anno ormai…..i primi mesi sono stato da Dio, adesso mi sta scoppiando la testa! :))

        Fortunatamente a breve vado in ferie in Asia, poi vedrò se tornare qui o no,è probabile che rientro solo per lavorare un po’ per poi spostarmi a melbourne.

        Comunque di buono c’è che ho capito una cosa : se devo vivere in una città per più mesi consecutivi bisogna che ci siano parecchie puttane! :)) Le fighe normali con il loro strapotere non le reggo più….ho bisogno di sapere che posso sfancularle ad ogni loro alzata di cresta e andare in buca dopo 5 minuti in nonchalance! :ar

           1 Mi Piace



    • :dreaming Bella Cheffone!!!
      Bello anche il nuov avatar-GIF… :dreaming
      :clap

         1 Mi Piace


      • LoZio
      • LoZio

      • 6 maggio 2014 at 15:02

      :yea bella chef!

         1 Mi Piace


      • Zest
      • Zest

      • 6 maggio 2014 at 15:18

      Che poi volendo se va bene in qualsiasi luogo, non e’ mikka detto che per forza in Japan bisogna adottare sto mini frasario, ragazze giapponesi si vedono dappertutto, in itaglia idem…. comunque grazie per l’apprezzamento Compadri miei.

      @LittleTruths

      la gif avatar funziona solo al primo post quando apro un articolo, mentre se faccio un normale commento mi viene impresso quello che ho messo in precedenza :-( magari si puo’ fare una qualche modifica al pannello profilo e inserire diversi tipi di avatar che siano jpg o gif ? il nostro @dudy che dice ? vedo che e gia’ tornato dal suo weekend olandese :-)

         1 Mi Piace


      • dudy

      • 6 maggio 2014 at 15:22

      @Zest Dudy stà smaltendo i postumi :trongo

         0 Mi Piace


      • obroni
      • obroni

      • 6 maggio 2014 at 16:12

      Le frasi che non devono mai mancare nel vademecum di viaggio:

      Ciao come ti chiami?

      Girati!

      :D :ar

         1 Mi Piace


      • onegold
      • onegold

      • 7 maggio 2014 at 10:15

      :rotfl

         0 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 7 maggio 2014 at 14:01

      Con il permesso di @Zest e della sua nuova avatar (fantastica), volevo contribuire a questo interessante thread.Come dice giustamente Zest, non é che serva solo se andate in Giappone.Le giapponesi all’estero normalmente parlano inglese(piú o meno),ma apprezzano che tu cerchi di dire qualcosa nella loro lingua.
      Io ho avuto due fidanSate giapponesi,Tsukiko e Masayo, e in altri tempi ho passato abbastanza tempo in Giappone.Non é che parli bene,e ancora meno dopo poco meno di una quindicina d’anni  ma so qualche cosina che volentieri compartiró con voi. Ho scritto le frasi come si pronunciano in italiano.Una piccola osservazione:la maggior parte delle frasi che ho riportato qui sono la forma educata di dire le cose come per esempio, “Succhiamelo per favore.” I giapponesi sono fanatici dell’educazione e anche durante l’atto sessuale,specialmente quando non sono prostitute, ma anche una prostituta di un certo livello in su , non accetterá frasi poco educate. Con una delle fidanzate ebbi una relazione diciamo normale, ma con la seconda, Masayo, che era bisessuale e un pó feticista, ho avuto occasione di fare delle pratiche diciamo un pó “hard”, ma certi atteggiamenti di educazione erano presenti anche lí. Una delle cose che mi piacevano di piú era come lei “pescava” una ragazza per poi fare un terzetto.Ebbene, la frase che lei usava (che riporto qui sotto)come tocco finale per sedurla era “Facciamo colazione insieme domattina?”. Gli uomini sono educatissimi con le donne, ma non tanto gentili, non so se mi spiego.Allora le piccole attenzioni “galanti” hanno molto successo con le giapponesine.
      Un’altro modesto consiglio:in linea generale, nella cultura giapponese e orientale in generale , il sesso é totalmente sprovvisto di concetti come pecccato, vergogna e simili.Per cui se vedete che piacete a una giapponese, non abbiate paura di andare educatamente al grano. Qualche frase “normale” per cominciare:

      Domo Grazie (Piú formale Domo arigato, piú formale ancora Domo arigato gozaimaishté
      Do itascimascité Di nulla
      Dozo Per favore o anche “Prego” nel senso di “Si Accomodi, per esempio se inuitate qualcuno ad entrare
      Hai  Si
      Iyé No normalmente non si usa se non stiamo bisticciando o se non praliamo con un bambino piccolo.La maniera educata di dire No é Dozo, gomen nasai (per favore scusami)
      Gomen nasai Spiacente, scusami
      Nihon go ga hanase masen Non so parlare molto giapponese
      Uatasci ua  Io/io sono
      Anata ua Tu/tu sei
      Hitaci ua Noi /noi siamo
      So desu  É come dire ah , ho capito, oppure ah, ecco
      Uakarimasu ka? Hai capito?
      Uakarimasen Non ho capito
      Uakarimasu Ho capito
      Nan desu ka? cos’hai detto/ come?
      Namae ka ? Come ti chiami ?
      Nan giá che succede, che cos’hai , dicevi?
      Scigata ga nai : cosa ci vuoi fare; uguale al “mai pen rai”Thailandese
      Kotaba scirimasen Non so come si dice
      Ikaga desu ka? Come stai,
      Ii, ikaga desu ka? Bene , e tu come stai?

      Tomo /tomodachi amico/a
      Yoi buono
      Kawaii bello/a, Carino/a
      Anata ua kirei  Sei bella
      Anata ua iroppoi  Sei attrattiva,sexy mi attizzi un sacco (forma educata)
      Kimi to hanasci taida. Vorrei parlare con te

      Nani nonderu no? Cosa bevi?
      Cono ato de nani suru no? Cosa vuoi fare dopo?
      Sore ga suki desuka? Ti piace? Ti piace questa cosa?

      Suki da Mi piaci
      Daisuki da Mi piaci tantissimo
      Ai shiteru é la maniera piú simile per dire “Ti amo” ma é una forma piú usata nei libri o nel cinema, teatro, ecc. Forse un pó ridicolo con qualcuno che abbiamo appena conosciuto.
      Ai shite-mo ii? (Vorrei amarti (nel senso carnale)Letteralmente:Ti posso amare? (sarebbe ti posso scopare ma con educazione eheheh)
      Ai shitai-no come sopra, e un educato, ma chiarissimo invito al sesso.
      Is sció-ni yoake no koohii no manai?Domattina facciamo colazione insieme? Maniera simpatica ma diretta di dire vuoi passare la notte con me?
      Kimi to ecchi o shitai. Voglio fare sesso con te. Inequivocabile, ma educato
      Manke o sottekuretara ureshiina.Mi piacerebbe rasarti il pube
      Nuidé kuré spogliati per favore (levati i vestiti)
      Sauatté kuré toccami per favore
      Cisu scité kuré baciami per favore
      Nameté kuré leccami per favore
      Sciabutté kuré succhiami per favore
      Fera shité kureru? Vuoi farmi un pompino?
      Kuchi no naka itte ii? Ti piace che ti venga in bocca?
      o se semplicemente volete dire: Sborro? Sarebbe  Non de?
      Anaru shité mo daijobu desu ka? Ti piace il sesso anale?
      Kimi no te de boku o ikaseté. Fammi uma sega (dedicato a Oscar eheheh)
      Iku! Ikisu da ! Itta! Vengo/Sto venendo! (le donne non dicono Ikisu da)
      Saikou datta/sugói/kakkói Fantastico!/Grande! Da dire quando finiamo
      Motto! Ancora!/Di piú!
      Hayaku! Piú svelt@!
      Hamete! Scopami! (va bene anche per Rai2)
      Irete  Fukaku! Mettimelo dentro!(Infilamelo!)Fino in fondo (fukaku)
      Kimocci ii !Mi piace! (letteralmente Mi sento bene)

      Itai ! Mi fai male! Siccome sono strettine e piccoline, a volte succede che facciamo loro male, poverine…
      Yamé te Fermati!
      Mou ikkai? Lo facciamo di nuovo?

      Conomi scíngiu  Perle del piacere
      Baibu Vibratore con pile  Harigata senza pile
      Condoomu/Gomu/Condo-san Condone
      Sessuku/sei/sex Sesso
      Asoko/Vaghina vagina, ci sono altri nomi come Omanko(Manko) che sarebbe piú tipo sorca, passera, topa
      Curotori clitoride
      Muné Cícci Oppai seni, tette
      Cikubi Capezzoli
      Kucci Bocca
      Scita Lingua
      Ketsu culo
      Anaru Ano, anale
      Osciri /Scippetta Natiche (il secondo la fará ridere)
      Cinpo/Cinpoko/Cinko/Cincin Pisellino come diceva @epicuro piú su Mono/Are Pene, Cazzo
      Kintama Testicoli (Palle d’oro)
      Seieki/Simen Sperma
      Anaru sekkusu/Anaru sei Sesso anale
      Ba ku de Pecorina
      Felaccio/Kyande(Caramella)Fera/Ofera/Fuefuki/Shakuachi(flauto traverso) vogliono dire Pompino
      Cunni Cunnilingus
      Ainame/Scikkusu nain sarebbe “69”
      Paizúri Spagnola Pronunciare la “zeta” come “s impura” Es. caSa
      Yubi iri Ditalino con uno o piú dita
      Baita/Yotaka/Pan-pan Prostituta

      Per @obroni  Ciao Oáio  Girati  Condo ua uscíro

      Finisco con una scena vissuta in prima persona: anno 98/99 circa, aeroporto di Tokio, 7 di mattina, controllo bagagli. La mia fidanSata mette la borsa nello scanner. Ma il poliziotto ferma lo scanner e chiede “Are wa nan desu ka? “ ossia “Che cos’é quello?” La mia amica, senza perdere un apice della serenitá del suo visino da bambolina, risponde “Baibu” che vuol dire Dildo in giapponese, ma non é una parola conosciutissima, ovviamente. Il poliziotto le dice allora “wakarimasen” ossia “non ho capito,non so”, fa avanzare il nastro dello scanner,apre la borsa e tira fuori un dildo di latex nero di dimensioni notevoli. Nota due bottoni sulla base, ne schiaccia uno e la cappella del dildo si mette a girare(modello che andava per la maggiore in Giappone).Tutti i passeggeri che sono dietro di noi o stanno seri o dicono “so desu ka “ ovvero “ah, ho capito” o “ah é cosí!” oppure “sugoi”, “kakkoi” “ossia imponente, grande”. Ambiente di normalitá assoluta. Il poliziotto, imperturbabile, spegne il dildo, lo rimette nella borsa che chiude e porge alla mia amica con le parole “omata seshimashite” ossia scusi per averla fatta aspettare e lei replica, “di nulla”, con un bel sorriso che ti fa venir voglia dfi morderla.
      Gente civilizzata.
      Mentre ci allontaniamo,la vecchietta che é dietro di me mi sussurra:”Gan batté”.Io che non so parlare bene il giapponese,so solo un pochino, chiedo alla mia fidanSata : “Masayo, quella vecchietta mi ha detto gan batté, cosa vuol dire?” Quando smette di ridere, risponde “Gan batté vuol dire dacci dentro, fai del tuo meglio”…

      Sayonara watashi no tomodachi (Arrivederci, amici miei)

       

       

       

       

       

         2 Mi Piace


      • Zest
      • Zest

      • 7 maggio 2014 at 14:21

      @Luporosso

      a quello che hai integrato mi inchino con tutto rispetto  :youdaman :youdaman

      Grazie per avere aggiunto altre parole che sono di grande utilita’ per chi vuole relazionarsi alla mandorlata giapponese :-)

         1 Mi Piace


      • Matt
      • Matt

      • 7 maggio 2014 at 17:23

      Cazzo di Buddha! Seguire Piccole Verità comincia a diventare parecchio impegnativo!

         1 Mi Piace


      • os_car86
      • os_car86

      • 8 maggio 2014 at 11:37

      informazioni utilissime , le passo a mio cugino che tra un pò parte per il giappone

         0 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 8 maggio 2014 at 13:10

      @Zest, un piacere collaborare in un post con te, caro Zest.

         0 Mi Piace


      • dragodoro
      • dragodoro

      • 8 maggio 2014 at 13:27

      :dreaming :dreaming :dreaming

         0 Mi Piace



    • Bravissimo @luporosso, io le sapevo tutte :blush Mi permetto di correggerti, non si dice
      Sborro? col punto interrogativo, ovvero Non de?
      Si dice SBOOORRRROOOOOO!!!!!!!!!
      e quindi IIII NOOONNNNN DEEEEE!!!!!
      dal latino INONDARE :))

         1 Mi Piace


      • luporosso
      • luporosso

      • 9 maggio 2014 at 21:34

      :rotfl :dreaming
      Hai ragione, caro @epicuro, mi devi scusare, é che sono un poligrotta autodilatta…

         0 Mi Piace



    Post a Comment!